Jump to content

SOS Recupero


Recommended Posts

Salve a tutti!

Ho recuperato tre tartarughe in condizioni, temo, non ottimali: da circa un mese sono in uno stato di semi-letargo per via di temperature intermedie non adatte né a mantenere la fase attiva, né a completare del tutto il letargo. Non so se questo loro stato sia stato condotto adeguatamente per favorire un letargo senza brutte sorprese -la loro alimentazione non è stata controllata, né il loro peso...

Sono totalmente inesperto di tartarughe ma vorrei provare a tenerle in vita per il lasso di tempo necessario a trovare (o fornire) loro una buona sistemazione.

Vivo in pre-montagna, per il momento l'inverno non è così rigido ma le temperature oscillano comunque di una decina di gradi non superando i 13°. In casa, la temperatura oscilla intorno ai 20, ma nelle zone in cui potrebbero usufruire di sole diretto si arriva anche ai 15. (non meravigliatevi, in montagna si vive accanto al camino ;) ).

Tornando alle tartarughe, due di loro mi sembrano più grandi, sono state col precedente padrone per circa due anni ma non so se è questa la loro età. Una mi sembra molto piccola invece, infatti è stata acquistata solo da qualche mese [non rispondete con banalità del tipo "chiedilo al precedente padrone"... ha 8 anni]. Sono sistemate in una vasca ikea con possibilità di emergere. Al momento non c'è termoriscaldatore né lampada perché ho questo dubbio: nello stato in cui si trovano ora, e che ho cercato di mantenere inalterato, è preferibile spingerle verso il letargo o è meglio riscaldarle gradualmente affinché riacquistino la normale attività metabolica?

PS: il vet non mi ha saputo dire molto di più..

Consigli?

Grazie in anticipo!

Link to comment
Share on other sites


ciao, innanzitutto metti qualche foto di queste povere tartarughe e della loro sistemazione.

io direi che tenerle in casa senza riscaldamento sia una via di mezzo non consigliata, le porterebbe in uno stato di semiletargo che non gli farebbe bene, ancora meno metterle fuori a fare il letargo! io quindi ti consiglierei di aumentare GRADUALMENTE la temperatura

inoltre mangiano? se si cosa gli dai?

Link to comment
Share on other sites

Ciao!

Grazie per la tua risposta, già dal giorno successivo ho optato, su consiglio del veterinario, di provare a risvegliarle. Molto umilmente, non essendo un esperto di rettili, il vet ha valutato la situazione in base alle scarsissime notizie riguardo il loro stato nei mesi precedenti e ha optato per la soluzione meno rischiosa.

Al momento sono sistemate in una vasca di circa 100l con zona emersa in pietra facilmente accessibile. È presente un termostato settato gradualmente di giorno in giorno fino alla temperatura attuale di 28°. Col sole diretto, la temperatura dell'aria non oscilla granché durante il giorno e durante la notte, tramite misurazione con dispositivo elettronico posto a 20 cm al di sopra della vasca, ho notato che non si abbassa mai al di sotto dei 20° [minimo rilevato 20,7 °].

Ho disposto intorno alla vasca pannelli riflettenti in modo da convergere sulla vasca i raggi solari, che comunque sono presenti per 10 ore soltanto circa, la vasca poggia su materiale isolante in modo da limitare al minimo la dispersione di calore. Non dispongo di lampada UV, non mi è stato possibile trovarla.

Le tartarughe non sono molto attive, ma hanno iniziato a nuotare. Non si immergono, restano sul pelo del'acqua dove riposano per delle ore per poi stendersi sulla parte emersa. Non mangiano nulla, rifiutano proprio il cibo e hanno le palpebre perennemente chiuse. Il veterinario mi ha consigliato di dare loro delle verdure cariche di vit A perché teme abbiano una carenza vitaminica, visto che la loro alimentazione era principalmente basata su gamberetti secchi. Ci sarebbero anche delle gocce indicate, ma sinceramente non saprebbe quali consigliarmi - ovviamente le dovrei ordinare a parte, non essendo molte richieste in zona.

Da come le tarta si comportano, credo che abbiano un brutto raffreddore.. qualche consiglio?

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Due si sono riprese perfettamente! :)

Alla fine il mio veterinario locale ha rintracciato un suo collega esperto in rettili e siamo riusciti a far visitare le tartarughe. Al momento della visita, due erano in splendida forma :D ...davvero tutto nella norma. La terza era l'unica che al momento della visita presentava inappetenza e occhi chiusi. Le è stato diagnosticato una polmonite e ipovitaminosi. La sto curando con antibiotico (iniettato dal veterinario) e con assunzioni di vitamina A per via orale, ma per ora non sembra migliorare.

Se alla fine di questa settimana non avrà ancora mangiato, lunedì la stresserò un po' perché mi toccherà portarla nello studio del vet esperto in rettili, a circa due ore in auto da qui.

Per le altre, tutto quello che ho fatto è stato: bagnetti con té/camomilla massimo UNA volta al giorno, anche non tutti i giorni a seconda se gradiscono o meno. Le mie li adoravano :) ... i bagnetti hanno aiutato le due tartarughe a ripulire gli occhietti e hanno avuto un'azione decongestionante e sfiammante. Il veterinario esperto mi ha confermato che non fanno male ma nel caso di carenza da vitamina A non risolvono alcun problema. Ragione per cui probabilmente la terza tartaruga non è guarita. Inoltre, temperatura acquaterrario a 27-28 gradi, zona emersa facilmente accessibile e vasca di 120L. Per gli UV: sole diretto nei giorni e nelle ore più calde. Fortunatamente è un inverno caldo!

Le due guarite sono in cerca di adozione al momento. Il veterinario stesso mi aiuterà a trovare nuove persone in grado di prendersene cura, magari tra i padroncini dei suoi pazienti. Per l'altra, vediamo come evolve la situazione... sono animali tanto delicati quanto tenaci!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.