Jump to content

luogo deposizione


fra

Recommended Posts


  • Replies 38
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Le mie scelgono da due anni lo stesso posto: terreno duro come il cemento ma in luogo molto esposto al sole.

Per aiutarle nella deposizione cerco di irrigarlo in modo che la terra risulti pi? morbida.

ciao

Link to comment
Share on other sites

Per? io intendevo dire se le deponevano in mezzo la giardino o verso i lati....vicino a vasi...e poi ? sicurissimo le fa solo la sole???
Link to comment
Share on other sites

Per quanto riguarda le mie, quando stanno da mia zia le fanno vicino alla recinzione oppure ai piedi del fico,

mentre quando stanno da me, cio? nell'orto di mio suocero, non le fanno finch? non le mettiamo nella parte di orto coltivata, zappata, e inumidita...l? le fanno in mezzo al terreno, ma sempre vicino a qualcosa...un tronco di vite, il pero....

Poi ? bellissimo perch? incominciano a scavare all'istante, come le mettiamo nel terreno morbido...a volte ? anche troppo morbido....talmente ... che gli frana nella buca!!!

Link to comment
Share on other sites

Da me ? un po' diverso perch? ho un giardino pensile costantemente sotto il sole e intorno ai lati ho vasi con piante... a meno che non le faccia in mezzo al prato credo che l'unico luogo sia in mezzo ai vasi dove la terra tra l'altro ? bella friabile e asciutta (stando sempre sotto il sole...)

Ah a proposito ...? possibile che se non trova il luogo + adatto piuttosto non depone....???? :?

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Caspita ma allora cercano posizioni un po' particolari..... magari soleggiate per tutta la giornata!!!

 

No, perch? il mio giardino prende sole dal mattino fino a mezzogiorno e mezzo / l'una.....

Quando succeder?, sar? il caso di metterle in qualche incubatrice?

 

(per? non fare affidamento su di me, Fra ho troppa poca esperienza in merito.....ma aggiungo la mia voce e le mie sensazioni) :huh:

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

Tenendo presente che le tartarughe sanno sempre dove deporre (ovviaemnte se non stanno in un recinto di 10cmx10cm)! L'incubatrice serve solo per controllare il sesso e diminuire al minimo le morti (ha una temperatura costante)!

Ciao ciao

Link to comment
Share on other sites

Riccardo immagino che il terreno in giugno/luglio non riesce a mantenere una temperatura costante sui trentadue gradi....

Quindi per ottenere il maggior numero possibile di femmine diventa indispensabile l'incubatrice!!!

 

Ma tenendole sotto terra, nel proprio giardino, si possono utilizzare degli accorgimenti per proteggerle ed aumentare la natalit?....

Esempio, comprendo con una copertina, aumenteremmo la temperatura, ma si creerebbero altri problemi?

 

:unsure:

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

Se si decide di far fare tutto alla natura! Non bisognia fare niente se non magari bagniare un p? la terra pi? o meno quando si pensa che che nascano le piccole!

Ciao ciao

Link to comment
Share on other sites

In poche parole, se tendiamo a far fare tutto alla natura, ci prendiamo anche l'eventuale delusione di uova non fecondate o feti morti.....

 

Azz, allora ? meglio l'incubatrice..........

Link to comment
Share on other sites

? meglio per quanto riguarda il tasso di nascite, ma le nascite in terra ti danno molta pi? soddisfazione, almeno a me. L'unico problema ? che sono quasi sempre maschi! Mi sa che le mie le far? diventare ermafrodite :p
Link to comment
Share on other sites

Aggiungo altra carne al puoco:

 

E' vero che bisogna proteggere le uova, una volta deposta, anche dalle tartarughe?

Anche loro potrebbero danneggiarle o persino mangiarle?

 

Ho letto questa cosa su un sito (non ricordo quale) ma quindi le tartarughe riscavano lo stesso punto per andare in cerca delle uova appena deposte?......azz, i problemi si moltiplicano!!!!

 

<_>

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

Un consiglio... fatevi meno problemi! :)

Se le tartarughe sono arrivate fino ai giorni nostri significa che sanno cavarsela egregiamente da sole! :)

Prendere un p? di accorgimenti per "ottimizzare" le nascite ok, ma non creiamoci noi dei problemi ineisistenti! :)

Ciao ciao

Link to comment
Share on other sites

E' vero quello che dici, ma mi permetto di aggiungere che la nascita di una tartarughina ? sicuramente la prova che dimostra il benestare dei genitori (letto in rete) e come seconda cosa dev'essere una gioia immensa.

Io, personalmente non ho ancora avuto questa gioia, ma leggo le e-mail di testuggine list che mi pervengono e vedo le foto e commenti di tartagenitori e ne rimango affascinato....

 

Chiaramente mi piacerebbe proteggere l'evento con tutti gli accorgimenti del caso!!!!

 

;)

 

Sembreremo pazzi, ma per il momento possiamo (o posso) solo immaginare di immedesimarci allevatori.

 

P.S. Rick, lassame sugn?!!!!

 

Ciao e buona giornata a tutti, si incomincia a lavorare :blink:

Link to comment
Share on other sites

George, dai dubbi altrui si crea l'esperienza (credo) devo sfruttare la collettivit? per portare a casa le informazioni necessari? per stare tranqui..... :rolleyes:

 

Perdonerai la mia morbosit?, ma devo capire......... :blink:

Link to comment
Share on other sites

visto che la maggioranza dei principianti brancola nel sentito dire , credo che... , mi hanno detto .... , male non fa .... , all'incirca , pensavo , e dato che la strada dell'inferno ? piastrellata di buone intenzioni si consiglia la lettura del seguente libro : le tartarughe terrestri di Marta Avanzi , edito dalla DeVecchi piccole guide PET costo 12 euro , non e la Bibbia ma per chi non sa niente o per chi crede di sapere tutto e un buon aiuto .
Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

Quoto, e dopo quel libro (a mio avviso uno dei pi? "semplici", chiari e completi, nella sezione libri trovate tantissimi altri libri da comprare! :)

Ciao ciao

Link to comment
Share on other sites

ma infatti, ? la prima cosa da fare quella di aquistare un libro specifico, lo avevo fatto perfino sugli inseparabili (perfino quelli ho avuto)... medita Niky, medita :unsure: altroch? accontentarsi di sfruttare ( e per giunta morbosamente) la collettivit? :lol: :lol: :lol:

 

 

ovviamente sto solo scherzando neh? sei troppo simpatico :)

Link to comment
Share on other sites

Voi non ci crederete, ma ho comprato quel libro, ma la mia sciura, me l'ha chiesto in prestito e non me l'ha pi? ridato :( :(

 

Non mi pareva granch?, anche perch? ho trovato parecchie discordanze con quello che mi dite voi.

Sono completamente concorde sul fatto che ? davvero semplice, ma pi? voci sento, pi? tranquillo sono, ......... ormai sono la vostra croce e volente o nolente dovete portarmi dietro :D

 

non lamentarti ghost, fossero tutte queste le croci della vita............ :)

 

Buona serata a tuttiiiiii

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

Be que libro non ti risponde alle domande psicologiche, ma ? competissimo e dice pi? o meno quello che diciamo no!

 

Ma non vi preoccupate che tanto... il forum ? fatto per CHIEDEREEEEEE! :)

Link to comment
Share on other sites

Non mi pare che ci siano grosse discordanze. Si', qualche punto e virgola, ma la base e' la stessa.

Inoltre ha il grande pregio di presentare sfaccettature plurime di molti singoli aspetti, come e' corretto fare (e non sono molti gli esperti che lo fanno!)

 

Per le discordanze occorre anche tenere presente che la letteratura tecnica sulle tarte e' molto giovane (pochissimi decenni) e non sempre concorde (e a volte invecchia velocemente), che su molti aspetti gli studi sono lontani da aver dato risposte sicure, e che da un anno all'altro ci possono essere delle rivoluzioni causate dai nuovi studi, oltre che dalle osservazioni di noialtri amatori.

 

Si puo' dire senza tema di smentita che e' ancora una autentica malabolgia ;)

Anche per questo le tarte sono affascinanti.... hanno una grossa fetta di mistero da svelare :ph34r:

Link to comment
Share on other sites

ormai sono la vostra croce e volente o nolente dovete portarmi dietro biggrin.gif

 

volenti o nolenti potremmo pure appenderti a quella croce :lol: :lol:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

:ph34r:

Link to comment
Share on other sites

Mi ricordo che quel libro diceva che le tartarughe scavano e di conseguenza bisognava predisporre una recinzione che si alzava per una trentina di centimetri almeno, e andava per una quarantina sotto terra.....

Un mio collega mi ha detto che le tartarughe non scavano, ma sprofondano come se fossero sulle sabbie mobili.

Ha la tartaruga da pi? di vent'anni.......

Tristano scava, ma davvero poco e gi? questo ha messo in discussione una cosa!!!

 

Poi, non vorrei fare dei discorsi di lana caprina, ma ogni animale avr? le sue abitudini e come logica conseguenza non esiste un solo modo di allevare.....

Credo insomma che sia l'allevatore che l'animale debbano piegarsi ad una via di mezzo per coesistere!!!

 

P.S. Anna se ho detto qualche castroneria, non mi sgridare, devo ancora capire, :( ............. al posto mio sgrida RICK, o Giorgio :D

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now




×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.