Jump to content

Allevatore Di Tartarughe Di Terra


Peter

Recommended Posts

Salve a tutti.....mi presento, sn nuovo sul forum, e gradirei informazioni o dritte, sopratutto dal punto di vista legale, x intraprendere un allevamento di tartarughe di terra.....preciso ke nn ho mai acquistato una tartaruga......vorrei sapere a cosa devo stare attento quando acquisto, quali documenti devo pretendere x essere TOTALMENTE in regola, e se posso acquistare con tranquillità dovunque o, magari, solo in determinati negozi....x l'allevamento, dove dovrei iscrivermi?c'è una sorta di "albo" o qlcs del genere?datemi delucidazioni, vi prego!
Link to comment
Share on other sites


benvenuto :)

 

 

come vedi il tuo post è stato già spostato nel forum giusto, non ti resta che leggere tutto e poi, in caso di ulteriori domande... Eus ti risponderà :D

Link to comment
Share on other sites

  • Administrators

Scusa ma... non hai mai allevato una tartaruga e già pensi ad unallevamento?

 

Comunque per fare un allevamento dei avere animali con cites giallo e riprdouttori con cites giallo difficilmente li trovi (se li trovi) a meno di 1000 euro.

 

Ciao ciao

Link to comment
Share on other sites

Originally posted by Riccardo@06 febbraio 2006, 18:54

Scusa ma... non hai mai allevato una tartaruga e già pensi ad unallevamento?

 

Comunque per fare un allevamento dei avere animali con cites giallo e riprdouttori con cites giallo difficilmente li trovi (se li trovi) a meno di 1000 euro.

 

Ciao ciao

Lo so, è strano sentir dire da qualcuno ke nn lo ha mai fatto "voglio aprire un allevamento", ma è proprio quello ke vorrei fare....spero di riuscirci....dicevi?Riproduttori con il CITES giallo?Mi spiegheresti meglio?Cos'è il CITES?Ke differenze ci sn tra i vari colori di questo documento?E xkè mi parli di "riproduttori"?Nn vanno bene 2 tartarughe "normali"?

Link to comment
Share on other sites

Ciao Peter e benvenuto anche da parte mia.

 

La questione che poni è abbastanza singolare. Aprire un allevamento da zero è sempre difficoltoso; nel tuo caso, noto che non hai nemmeno la più pallida informazione su tutti i documenti necessari al solo possesso delle tartarughe!

Inizio col consigliarti una lettura dei post di questa sezione, ti aiuterà a seguirmi nel discorso che sarà inevitabilmente conciso (altrimenti durerebbe giorni!).

Le tartarughe terrestri (come tanti altri animali e piante) sono protette da una Convenzione Internazionale nota come CITIES (CITES in italiano), tutta la documentazione necessaria al possesso di esemplari inclusi nei vari elenchi previsti dalla convenzione prende in nome di CITES. Il cd CITES giallo è il documento che autorizza la vendita dell'esemplare per il quale è redatto, o meglio la sua commercializzazione. In alternativa, tra privati che non allevano tartarughe a scopo commerciale, può redigersi (purché si rispettino determinate prescrizioni) un documento di cessione, dal quale si evinca la gratuità dell'operazione di cessione stessa.

Con diversi gradi di stringenza, ratio delle norme è la rintracciabilità di ogni esemplare in cattività al 1995 o nato successivamente. Ne deriva che ci sono altri adempimenti anche in ordine alle dichiarazioni di nascita, morte o cambio del luogo di detenzione, che per gli allevatori sono ancor più pressanti (in realtà lo sono fin troppo per quelli amatoriali).

Stante la circostanza che devi iniziare senza nemmeno un esemplare, presumo tu ti sia orientato su razze particolari in funzione degli spazi che hai e delle cure di cui abbisognano le tartarughe in questione. Comunque sia, se sarebbe opportuno iniziare con tartarughe dotate di CITES giallo, la cosa non è obbligatoria, poiché le nuove nate certo non lo sarebbero per discendenza: in ogni caso si deve fare richiesta alla Commissione Scientifica Cites per ottenere l'autorizzazione alla commercializzazione dei nuovi nati, in atratto la cosa potrebbe essere meno difficoltosa se i genitori sono dotati già del famoso documento, tutta qui la differenza.

Inoltre, sappi che la commercializzazione deve avvenire secondo regolamenti che dettano tempi di crescita in allevamento molto superiori di quanto non avvenga per gli allevatori amatoriali che non le commercilaizzano. Rik ti ha parlato di esemplari riproduttori perché temo che se voglia attendere che delle baby diventino tali, aspetterai un bel pò.

Per ogni problematica legata al lato amministrativo dell'allevamento, il tuo referente sarà l'Ufficio CITES del Corpo Forestale dello Stato territoralmente competente, nel tuo caso dovrebbe essere presso il Coordinamento Regionale CFS di Bari.

 

In caso di dubbi, chiedi pure. Mi spiace non poter essere esauriente, ma la cosa è complessa, come vedi. Ciao

Link to comment
Share on other sites

E' complessa si......sapevo di dover andare incontro a un bel pò di burocrazia, ma nn immaginavo tanto!!!!!! :unsure:

In ogni caso nn demordo.....quindi i negozi di animali vendono solo tartarughe certificate, giusto?

Link to comment
Share on other sites

Eus una precisazione tu parli di allevamento commerciale ma esiste per caso anche l'allevamento amatoriale? e se si quali sono le differenze?

 

many thanks :)

Link to comment
Share on other sites

una cosa ulteriore a quanto esattamente esposto è che se hai la fortuna di trovare adulti anche con cessione (precedenti al 13 sett. 1995 se facenti parte di denuncia di possesso del 1992 anno zero per la detenzione) non è obbligo che abbiano i petegree (cites giallo) dal 1995 in poi si (perchè i piccoli del 1995 ad adesso sarebbero adulti quindi in regola con le normative del dopo 13 sett. che impongono dopo il quinto rinnovo l'apposizione del chips di riconoscimento) l'importante è che abbiano apposto il chips e nella domanda di richiesta cites per i nascituri venga allegata la certificazione dell'avvenuta apposizione ai genitori che si intende utilizzare come riferimento (che nel qual caso la forestale di appartenenza avesse dei dubbi sulla legalità dll'operazione richiesta a proprie spese vi obbliga nella sede a voi piu opportuna di solito dal proprio veterinario di fiducia la verifica con prelievo emostatico per confronto del dna dei genitori con chips ai piccoli dei quali si intende richiedere i petegre; la spesa da voi sostenuta sarà unicamente la prestazione del medico e della disponibilità del laboratorio)sintanto non ci sarà una risposta in merito la domanda viene accantonata ed inoltrata se il risultato risultasse positivo dalla forestale di appartenenza al cites centrale di roma da quel momento di regola passano circa tre mesi per la compilazione dei petegree e bisogna andarli a ritirare presso la sede es.(io di parma devo andare a modena su appuntamento ovviamente con disagi sia di tempo che denaro).la documentazione che serve la trovi dalla forestale che ti consegnerà anche un registro di carico e scarico dei petegree, se compri in un negozio tarta estere ed intendi tenere la burocrazia per il commercio avviata devi andare con il petegree(cites giallo)dalla forestale che ti farà i dovuti adeguamenti rispetto alle nostre regolarità e al tipo di documento che visualizeranno essendo i cites esteri diversificati tra rinnovabili con foto \ rinnovabili senza foto\definitivicon foto\definitivi senza foto cordialmente spotti nino
Link to comment
Share on other sites

Nino sei gentilissimo.....mi sto facendo un'idea senmpre più precisa....ma a quanto mi pare di vedere, nn siete entusiasti di com'è la legislazione italiana in merito....in effetti, nn mi spiego il xkè di queste estreme difficoltà per ki si avvicina a questi stupendi animali.....
Link to comment
Share on other sites

Originally posted by giorgio@07 febbraio 2006, 14:35

Eus una precisazione tu parli di allevamento commerciale ma esiste per caso anche l'allevamento amatoriale? e se si quali sono le differenze?

 

many thanks :)

Noi siamo allevatori amatoriali... ;)

Link to comment
Share on other sites

Originally posted by Peter@07 febbraio 2006, 20:17

Nino sei gentilissimo.....mi sto facendo un'idea senmpre più precisa....ma a quanto mi pare di vedere, nn siete entusiasti di com'è la legislazione italiana in merito....in effetti, nn mi spiego il xkè di queste estreme difficoltà per ki si avvicina a questi stupendi animali.....

Non condividiamo certe scelte del legislatore e la loro generalizzazione a carico di tutti gli allevatori, pur riconoscendo necessario un alto grado di stringenza della normativa.

Quanto al tuo avvicinarsi; beh, si tratta di un avvicinarsi molto convinto per usare un eufemismo, come allevatore ti esemplari da commercio ti toccheranno giustamente tutte queste rogne...

 

...ma mi è sembrato che abbia intenzione di superarle... ;)

Link to comment
Share on other sites

Originally posted by Riccardo@08 febbraio 2006, 02:43

Perché qualcuno di volenteroso ;) non fa un sinto di questi post così ci facciamo un articolo? :)

 

Cioa ciao

Idea grandiosa........quoto in pieno!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.