Jump to content

Mix Di Semi Per Tartarughe


sofia

Recommended Posts

Ciao Ragazzi,

come avevo già detto qualche giorno fa, questo inverno ho navigato molto alla ricerca di nuovi siti fuori dal confine italiano e ho trovato molte cose interessanti (vedi il mio post nella sezione letargo). Ora, se a qualcuno interessa ho appena ricevuto per posta da una ditta inglese una mistura di semi di piante selvatiche specificamente studiata per l'alimentazione delle tarte mediterranee. Ci sono almeno 20 varietà di piante diverse. L'azienda inglese (Herbiseed) che produce il mix (Tlady's tortoise Mix) ha preso spunto da un elenco di piante presente su un sito specializzato per la cura delle tartarughe. Tra l'altro questo elenco è molto interessante perchè ti dà la possibilità di visualizzare le piante con delle foto molto chiare.

Il sito dell'elenco delle piante è questo:

http://www.tlady.clara.net/TortGuide/Diet.htm#plantlist

mentre il sito per effettuare l'ordine è questo:

http://www.tlady.clara.net/herbiseed.htm

 

Ciao a presto. Sono a vostra disposizione per eventuali chiarimenti.

Link to comment
Share on other sites


  • Administrators

Con tutte quelle foto ci si potrebbe fare una bella scheda!

Chi se ne occupa? Inoltre si dovrebbe prima chiedere l'autorizzazione ai per e-mail al proprietario?

 

Per quanto riguarda i semi... non è più semplice e più economici prenderli da questo sito? ;)

 

Anche perchè non vorrei dire una stupidaggine ma mi sa che ordinare semi dall'estero non sia poi così semplice per la dogana!

 

Ciao ciao

Link to comment
Share on other sites

Scusate Ragazzi, pensavo di poter contribuire anch'io alla causa del Sito ma mi rendo conto che questo può dar fastidio a qualcuno, pertanto mi ritiro dinuovo nel mio angolino ad elemosinare passivamente un pò della vostra attenzione...

Comunque volevo dire che il Tlady's Tortoise Mix mi è arrivato normalmente per posta e per 100 grammi di prodotto ho speso esattamente 17,34 Euro spese e tasse comprese (e con cento grammi di semi credo di star bene per molto tempo), vorrei far notare a Riccardo che la mistura in questione contiene semi selezionati di "piante selvatiche" niente a che vedere con le bustine di semi di "ortaggi domestici" che si trovano sul sito che mi hai suggerito.

Un messaggio per Scorza: come volevassi dimostrare....

A presto.

Link to comment
Share on other sites

ma no Sofia :) in fondo hai contribuito con nuove cose interessanti che laretta provvederà a implementare nel portale ;) magari quei semi riusciamo a trovarli anche in Italia e averli a disposizione nello shop magari a prezzi migliori... quindi non ritirarti nell'angolino ok?
Link to comment
Share on other sites

Originally posted by sofia@09 febbraio 2006, 08:53

Scusate Ragazzi, pensavo di poter contribuire anch'io alla causa del Sito ma mi rendo conto che questo può dar fastidio a qualcuno, pertanto mi ritiro dinuovo nel mio angolino ad elemosinare passivamente un pò della vostra attenzione...

Comunque volevo dire che il Tlady's Tortoise Mix mi è arrivato normalmente per posta e per 100 grammi di prodotto ho speso esattamente 17,34 Euro spese e tasse comprese (e con cento grammi di semi credo di star bene per molto tempo), vorrei far notare a Riccardo che la mistura in questione contiene semi selezionati di "piante selvatiche" niente a che vedere con le bustine di semi di "ortaggi domestici" che si trovano sul sito che mi hai suggerito.

Un messaggio per Scorza: come volevassi dimostrare....

A presto.

Scusa ma la tua risposta mi sembra eccessiva.

 

Si scherzava...

 

Come vedi tutti ci siamo riproposti di fare nostre quelle informazioni, chiedendo il permesso e offrendoci di tradurre.

 

Non capisco perchè ti sei risentita!

Link to comment
Share on other sites

comunque meglio informarsi prima di importare dei semi. Potrebbero esserci limitazioni *SPECIALMENTE* se si tratta di piante selvatiche.

Ad esempio ho letto che ci sono problemi fra inghilterra e america.

(prob. cercano di ritardare il piu' possibile l'introduzione di nuove infestanti, nuove fito-patologie, nuovi casini)

Magari la bustina inviata al privato non la controllano, pero' prima di correre rischi e' meglio informarsi (oltretutto e' una responsabilita' sociale)

Link to comment
Share on other sites

Originally posted by anna emme@09 febbraio 2006, 13:47

comunque meglio informarsi prima di importare dei semi. Potrebbero esserci limitazioni *SPECIALMENTE* se si tratta di piante selvatiche.

Ad esempio ho letto che ci sono problemi fra inghilterra e america.

(prob. cercano di ritardare il piu' possibile l'introduzione di nuove infestanti, nuove fito-patologie, nuovi casini)

Magari la bustina inviata al privato non la controllano, pero' prima di correre rischi e' meglio informarsi (oltretutto e' una responsabilita' sociale)

E' esattamente così.

 

Non a caso anche quando si viaggia in aereo non si possono trasportare piante o parti di piante...

Link to comment
Share on other sites

Sì ha ragione Laracroft, ma le cose scritte spesso si interpretano con lo stato d'animo che hai in quel momento! Io purtroppo sto attraversamento un momento un pò nero e sono pertanto più suscettibile del normale e tendo a credere che tutti ce l'abbiano con me. Chiedo scusa a Riccardo e a Lara e spero che le mie ricerche possano contribuire al vostro lavoro, anche a favore di tutti gli iscritti. Ciaociao!!!
Link to comment
Share on other sites

Ho controllato il contenuto del mix di semi e pare siano tutte piante di origine meditteranea, e che si trovano naturalmente nel nostro territorio.

Comunque mi pare che Laracroft sia esperta in questo campo e prima di seminarli aspetto una conferma di quanto ho detto. E' chiaro comunque che molte piante succulente per le tarte sono considerate dall'uomo infestanti per le colture a destinazione umana, ma non per questo devono considerarsi illegali. Tralaltro non avendo giardino conto solo di seminarli direttamente in vasi da riporre nel terraio. Ciaociao!!!

Link to comment
Share on other sites

Esperta è una parola MOOOLTO grossa. Sto studiando per diventarlo!!!

 

Cmq tu scrivi: E' chiaro comunque che molte piante succulente per le tarte sono considerate dall'uomo infestanti per le colture a destinazione umana, ma non per questo devono considerarsi illegali.

 

E difatti non sono le piante ad essere considerate illegali, nè tantomeno il motivo risiede nel fatto che si tratta di probabili infestanti.

 

Il divieto riguarda l'introduzione e il trasporto di particolari specie in quanto queste possono risultare contaminanti. Queste piante, infatti, possono essere sede di agenti patogeni (virus ad esempio) e favorirne così la diffusione da un Paese ad un altro. Per quanto mi risulta cmq i semi di queste piante possono viaggiare se accompagnati da un certificato di garanzia sull'assenza di rischio di contaminazione.

 

IN GENERALE (sottolineo che sopra si parlava di PARTICOLARI specie) per quanto riguarda le piante: alcuni esemplari (ad esempio cactus ed orchidee) sono state riconosciute "specie protette". Il viaggiatore che volesse importare tali tipi di piante deve presentare alla dogana il certificato di "autorizzazione all’importazione" rilasciato dalle autorità del Paese di provenienza. Per alcune specie (come ad esempio i cactus Ariocarpus e le orchidee Papiotelinum) la convenzione di Washington prevede l’assoluto divieto di importazione o esportazione.

 

Cmq penso che nel tuo caso non ci siano tutti questi problemi, è giusto per chiarire la situazione.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.