Jump to content

Letargo: ci siamo quasi.


Jcdenton

Recommended Posts

Il freddo sta arrivando (per alcuni versi è già arrivato).

Sto preparando al meglio questo periodo con il mio veterinario; le tartarughe sono fuori il balcone da questa estate e stanno vivendo quindi i cambiamenti climatici in un posto al riparo dal vento, ma ben raggiunto di raggi solari. La situazione è la seguente al momento: 14/18° di notte e 20/24° di giorno in acqua. Le tartarughe sono ancora attivissime anche perchè avere lla differenza termica giorno e notte è importante per l'animale sia a livello nervoso sia a livello metabolico.

Sto intanto preparando intanto una sorta di bacinella alta 50cm che servirà solo per il letargo.

Adesso veniamo alla preparazione della struttura: la bacinella avrà 50cm di livello con 15 cm di sabbia sul fondo. La bacinella sarà posta sul balcone sotto una sorta di tavolino e protetta da una parte dal muro e dalle altre 3 da una coperta di lana (che dovrebbe mantenere più o meno costante la temperatura sotto di essa). Considerato poi che a Cosenza la temperatura in inverno varia tra gli 0° e i 13/14° non ho grossi problemi perché la temperatura resta sempre più o meno costante a 6°. Il mio veterinario ha usato questo metodo con le sue americane prima di fare il laghetto e si è sempre trovato benissimo in più l'anno scorso ho preparato il tutto senza mettere le tartarughe ed ho misurato le temperature con il termometro digitale misurando sia l'esterno che l'interno della vasca sul substrato sabbioso. La temperatura ha oscillato tra gli 8° e i 4/5° anche quando la temperatura esterna era di -3°(meno di questo non ci va mai qui). Ho ottenuto valori esterni sballati quando a gennaio è arrivato quel caldo improvviso: la massima è arrivata a 24° e in acqua sul fondo sono arrivato a 10/12° di giorno (cosa che comunque secondo il veterinario restando coperte e al buio non le avrebbe disturbate).

Adesso le tartarughe sono sotto costante osservazione, mi è stato consigliato di aumentare un pò le razioni di cibo ora che ancora il sole scalda la zona emersa per fargli prendere un pò di grassi in più.

Con un pò di timore, ma mi sto affidando a lui che è molto esperto e mi sta aiutando a preparare il tutto nei minimi particolari. Poi mi ha detto che basta controllare i pesi una volta ogni10/15 giorni se voglio star tranquillo se no secondo lui va bene anche una volta ogni 20 /30 giorni e nel caso noto anomalie nello scalar del peso le devo svegliare gradualmente.

Ora ho parlato tanto :tongue3:, ma se ho postato è per avere qualche vostro consiglio sul tutto e vedere anche voi come la pensate.

Link to comment
Share on other sites


Più che darti qualche consiglio io lo vorrei da te vedendoti abbastanza ferrato nel discorso. purtroppo io ho lo stesso tuo problema, anche nelle temperature che sono le stesse (Qui che ricordì non si è mai sceso più del grado sopra lo zero), per ora che sono ritornati i bei tempi le tengo ancora fuori in una piccola piscina di un metro di diametro, la piscinetta è alta un 35cm ma purtroppo la riempo solo fino a 20 in modo da lasciare la parte all'asciutto. quando arriveranno i tempi freddi volevo portarle in cantina in una vasca di 50 * 30 * 40/50(non sò di preciso) di altezza co un quasi 10 cm di sabbia e terra e con la finestra della cantina aperta, faccio questo poiche ho paura che lasciandole all'estero venga a grandinare e l'acqua arrivi a temperature troppo basse. il mio problema è che essendoci un abitazione al di sopra della cantina non so se quando questi accenderanno i riscaldamenti si arrivera a temperature elevate. poi una domanda: le mie tartarughe sono abbastanza grandi la femmina ha 16,5 cm di carapace e il maschio 12-13cm (il peso ti faro sapere) volevo sapere quanto possono perdere ogni 15g per stare in regola? e ne malaugurato caso le cose non stanno bene posso (ovviamente lentamente) risvegliarle dal letargo? se puoi consigliarmi anche qualche altra alternativa....
Link to comment
Share on other sites

In cantina sai più o meno a quanti gradi arrivi? Ricorda che devi esser sotto i 10° meglio ancora se stai tra gli 8 e i 4°.

Se capitano giornate in cui capita che salga di qualche grado sopra i 10° per qualche ora non è un grosso problema perché se restano al buio non dovrebbero esser disturbate.

Guarda io ho simulato questo metodo ed ho misurato le temperature senza metter le tartarughe ed ho ottenuto valori abbastanza soddisfacenti.

Se puoi evitare il letargo per quest'anno, al limite fai diverse prove sia in cantina, e magari provando anche con il mio metodo, registra le temperature così per l'anno prossimo avrai buone informazioni sul da farsi e saprai già come agire.

Link to comment
Share on other sites

Io sinceramente non sono intenzionata a far fare il letargo alla mia piccina, ne ora perchè è piccola, ne in futuro quando sarà grande. Se avessi il laghetto non ci penserei 2 volte (anche se qui a genova le temperature non scendono mai troppo), ma in appartamento non me la sento, anche perchè qui tira sempre vento e non esiste un posto riparato sul balcone, inoltre non ne vedo la necessità (correggetemi se sbaglio).
Link to comment
Share on other sites

Beh il letargo è una fase abbastanza importante, certo se non se ne hanno le possibilità è meglio evitare. Un inverno passato in condizioni limite è pericolosissimo.
Link to comment
Share on other sites

Allora è meglio se lascio erdere come pensavo, perchè qui le temperature non scendono mai troppo, raramente sfioriamo lo 0° e se fa' un'inverno caldo come l'anno scorso è un disastro. Sinceramente non so come fa' chi le tiene nel laghetto.
Link to comment
Share on other sites

  • 3 months later...

Ragazzi, posso affermare tranquillamente che dopo la simulazione fatta lo scorso pazzo inverno e il proseguo fatto nel mese di novembre e metà dicembre, il mio progetto letargo funziona perfettamente.

Ora sono in soffitta ad affrontare il preletargo, stanno smaltendo il resto del cibo anche se sono a digiuno da 18 giorni esatti.

Le tartarughe sono in piena forma, nonostante non hanno mangiato per questo periodo non hanno subito cali di peso come dovrebbe esser normalmente.

Resteranno su altri 10 giorni (temperatura attuale in soffitta 6°).

Se le temperature in soffitta restano così, restano su, se no le passo nel bunker esterno nel quale le temperature oscillano tra 4 e 9 gradi.

Link to comment
Share on other sites

Infatti dalle tue parti è difficile fargli fare il letargo in modo naturale anche in un laghetto, visto le temperature spesso primaverili anche d'inverno...quest'ultimo periodo è un caso eccezionale!

Ho paura che dovrai metterle nel "bunker"...in soffitta penso che la temperatura salirà in fretta con i primi tepori!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.