Jump to content

Aspettando L'estate...


hallamittuna

Recommended Posts

Ciau a tutti, ho da pochi mesi delle tartine baby.

fino ad ora ho provveduto offrire loro una sistemazione invernale nel modo migliore possibile affidandomi alle informazioni trovate in rete ma sopratutto su questo sito/forum (grazie 1000 di esistere :D ). Per quanto riguarda questa fase di primo inverno senza letargo in terrario hocomunque ancora molti dubbi che sto cercando di dipanare in altri posts.

Siccome il lavoro non mi lascia tanto tempo e non voglio arrivare a pensarci all'ultimo momento vorrei cominciare a capire alcune cose sul loro futuro in semi-libertà:

 

Premetto che le tartine sono 5, tutte nel primo anno di vita, tutte nate quest'estate.

 

Ho a disposizione per la loro futura sistemazione all'aperto una parte di orto, circa 5m x 4m.

 

Ecco a ruota le domande:

 

-Quando potrò metterle fuori?

-Subito nell'orto o prima un passaggio graduale con iniziali "ore d'aria" alternate a notti in casa?

-Come posso costruire un recinto ideale? Io pensavo di recintare con una rete a maglie non troppo larghe cosicchè topi o altri antipatici visitatori non possano entrarvi (se la rete andasse bene dovrei chiudere anche la parte superiore del recinto?)

-Gli insetti, tipo vespe e calabroni... non c'è il rischio che infastidiscano le tarte magari attratti da rimasugli di cibo ecc?

-Quanto in profondità devo scavare per sistemare la parte interrata della rete?

-Quale e quanta verdura dovrei piantare?

 

-Altre dritte?

 

Vi ringrazio anticipatamente di qualunque consiglio possiate darmi.

Così posso cominciare subito a lavorarci, magari c'è qualche verdura che devo piantare adesso, purtroppo non ne so molto.

 

bye!

 

-Il secondo inverno potranno già andare in letargo?

Link to comment
Share on other sites


-Quando potrò metterle fuori?

-Subito nell'orto o prima un passaggio graduale con iniziali "ore d'aria" alternate a notti in casa?

 

-Come posso costruire un recinto ideale? Io pensavo di recintare con una rete a maglie non troppo larghe cosicchè topi o altri antipatici visitatori non possano entrarvi (se la rete andasse bene dovrei chiudere anche la parte superiore del recinto?)

 

-Gli insetti, tipo vespe e calabroni... non c'è il rischio che infastidiscano le tarte magari attratti da rimasugli di cibo ecc?

 

-Quanto in profondità devo scavare per sistemare la parte interrata della rete?

 

-Quale e quanta verdura dovrei piantare?

 

 

 

sarebbe meglio il passaggio graduale essendo le baby ancora molto piccole e quindi a rischio anche di aventuali uccelli, quindi se la notte le metti in casa è più sicuro.

 

la rete del recinto deve essere a maglie molto strette e certamente occorre la chiudere la parte superiore se vuoi stare tranquillo.

 

non risulta che gli insetti possano dare problemi.

 

almeno 20/30 cm e in seguito quando saranno grandi anche 40cm

 

leggi il forum e troverai decine di piante adatte e per le sementi puoi rivolgerti allo Shop on-line

 

 

ciao ciao

 

:)

Link to comment
Share on other sites

Grazie 1000 :D

Io pensavo di fare far loro dei bagnetti di sole già in primavera a seconda della temp esterna, naturalmente tenendole sott'occhio e aumentare gradualmente i periodi di libertà fino a lasciarle gran parte della giornata diciamo da maggio in poi.

Potrebbe essere?

Link to comment
Share on other sites

mettile fuori nelle ore centrale piu calde per un pò poi, pian piano aumenti l esposizione al esterno fino a quando le temperature sono stabili e le lasci fuori definitivamente l importante e non creare uno sbalzo termico ricordati che in terrario hai 30° e devi tentare quanto più è possibile di non creare una forte escursione
Link to comment
Share on other sites

Il metterle fuori dal terrario le sposta da una situazione piuttosto piatta ad una situazione in continuo movimento (umidita', correnti d'aria, temperature). E' un po' come tenere un bambino sempre chiuso in casa e poi metterlo fuori di botto giorno e notte. E' facile che scappi qualche malattia respiratoria che, per le tartarughe, e' fonte di grossi problemi.

Meglio quindi fare passettin passettino e, come gia' consigliato, tirarle fuori nelle ore calde della giornata, quando si sono abituate alle ore calde aumentare gradatamente le ore fino a comprendere quelle parti della giornata che diventano umide. Per ultimo le notti che sono fredde e umide.

Piu' che sul periodo dell'anno ci si regola in base alle temperature che abbiamo sul posto al momento.

Con le prime bisogna fare piu' attenzione. Man mano che cresce l'esperienza acquistiamo una maggiore tarta-sensibilita' (secondo me alla lunga diventiamo tarta-tarati ;) nel senso buono e cattivo del termine ;) e si riesce a sveltire il processo.

*

Saltare il letargo NON e' mai un bene. Quando le tartine sono sane possono andare in letargo nate da 15 giorni e pesanti 8 grammi. E ne guadagnano in salute rispetto al terrario. Bisogna pero' fare le cose per bene e non a rovescio. L'errore piu' grosso che fanno alcuni, ad esempio, e' di mandarle in letargo a pancia piena.

A partire dal secondo inverno le tarte sane DEVONO fare il letargo. Non ci sono santi. Pero' si fa fare un letargo con le necessarie precauzioni.

*

In 20 metri quadri delle baby te le perdi. Meglio dedicare loro uno spazio piu' piccolo in modo da poterle controllare. Puoi anche dividerlo in settori e trasferirle man mano che la vegetazione cresce.

**

Devo smentire Giorgio per gli insetti. Api e vespe e suppongo anche calabroni che sono peggio di tutti possono essere pericolosi. Il pericolo maggiore, per altro molto poco frequente, e' che pungano in gola. Non si puo' evitare che le vespe vadano nelle vaschette dell'acqua, pero' meglio evitare di mettere cibo che le attiri.

Link to comment
Share on other sites

Innanzi tutto grazie x i preziosi consigli...

 

A partire dal secondo inverno le tarte sane DEVONO fare il letargo. Non ci sono santi. Pero' si fa fare un letargo con le necessarie precauzioni.

Tipo? (lo so, 9 mesi in anticipo è un po' prematuro, ma preferisco premunirmi per tempo x non fare errori da newbie quando sarà il momento) Allestire una sorta di serra nella quale le tartine possano andare in letargo stando così al riparo dalle interperie potrebbe essere una soluzione?

 

In 20 metri quadri delle baby te le perdi. Meglio dedicare loro uno spazio piu' piccolo in modo da poterle controllare. Puoi anche dividerlo in settori e trasferirle man mano che la vegetazione cresce.

Ricevuto! Allora costruiro loro una sistemazione molto più modesta, una sorta di TartaNido. Ricollegandomi alla domanda precedente; potrebbe essere una buona idea suddividere l'asilo in 2 sezioni comunicanti, una recintata con della rete a maglie piccole con a disposizione micro-orticello, acqua ecc ed una più riparata, fabbricata in plexiglass o plastica trasparente all'interno della quale possono ripararsi ed eventualmente interrarsi per il letargo?

Pensavo ad una cosa così:Clicca sull'immagine per Ingrandirla

http://www.mitton.it/various/TartaNido.jpg

 

Devo smentire Giorgio per gli insetti. Api e vespe e suppongo anche calabroni che sono peggio di tutti possono essere pericolosi. Il pericolo maggiore, per altro molto poco frequente, e' che pungano in gola. Non si puo' evitare che le vespe vadano nelle vaschette dell'acqua, pero' meglio evitare di mettere cibo che le attiri.

Oki. Dovrò starci attento.

 

Tnx, a presto.

Link to comment
Share on other sites

Lussuoso! e splendido il disegno!

Ti conviene pero' ampliare un bel po' la parte esterna (in proporzione troppo piccola rispetto alla parte tana).

Nei paesi del nord europa usano molto le tane in plexiglass. Qui da me non le potrei usare: le tarte cuocerebbero gia' con le prime giornate calde di primavera. Non so come sei messo tu con l'insolazione.

Io ho risolto con tane di legno - che di per se' e' gia' un buon isolante. Sopra metto dell'ondulina o dell'alveolare trasparente per ripararle dall'acqua. Fra la copertura (ondulina/alveolare) e la tana in legno lascio spazio abbondante in modo da consentire libera circolazione di aria. Quando comincia il caldo devo mettere delle frasche (o anche del cannicciato fitto) sopra l'ondulina/alveolare per smorzare ulteriormente il calore.

Se il terreno ha un po' di pendenza e' meglio: utilissima quando ci sono degli acquazzoni. La tana e' meglio che sia sopraelevata rispetto al terreno in modo da dare un ambiente piu' asciutto. Una rampa o dei gradoni di legno possono fare da raccordo.

*

La temperatura ottimale di letargo e' sui 5-8 gradi. Bisogna verificare che il luogo che e' ottimale per la stagione da sveglie consenta di ottenere queste temperature.

Questo e' un anno particolarmente freddo, come lo scorso anno... puoi cominciare ad andare in giro con un termometro minima massima per verificare SE certe zone vanno bene per l'uso promiscuo oppure no.

Piuttosto che dover scegliere una situazione di compromesso, e' meglio fare il recinto in posizione ottimale per la stagione da sveglie (occhio soprattutto alle ombre che ci possono essere in primavera) e mettere le tarte in letargo protetto in scatola. Alla fine e' piu' semplice e si ottengono i massimi benefici.

Link to comment
Share on other sites

Grazie Anna.

Vedo che di trucchi da imparare ce n'è un bel po'. Alla fine essermi mosso in anticipo non è stata una cattiva idea. Da neofita che sono non posso fare altro che seguire tutti questi preziosi consigli.

 

Ti conviene pero' ampliare un bel po' la parte esterna (in proporzione troppo piccola rispetto alla parte tana).

OK

Qui da me non le potrei usare: le tarte cuocerebbero gia' con le prime giornate calde di primavera. Non so come sei messo tu con l'insolazione.

Io sono della prov di Alessandria, qui fa freschetto d'inverno ma effettivamente in primavera/estate possono capitare giornate particolarmente calde e afose che renderebbero la struttura in plexiglass un vero e proprio fornetto...

Io ho risolto con tane di legno - che di per se' e' gia' un buon isolante. Sopra metto dell'ondulina o dell'alveolare trasparente per ripararle dall'acqua. Fra la copertura (ondulina/alveolare) e la tana in legno lascio spazio abbondante in modo da consentire libera circolazione di aria. Quando comincia il caldo devo mettere delle frasche (o anche del cannicciato fitto) sopra l'ondulina/alveolare per smorzare ulteriormente il calore... La tana e' meglio che sia sopraelevata rispetto al terreno in modo da dare un ambiente piu' asciutto. Una rampa o dei gradoni di legno possono fare da raccordo.

Avresti mica delle foto? Potrei tentare di riprodurre la tua struttura in piccola scala :)

La temperatura ottimale di letargo e' sui 5-8 gradi.

Urka, qui da me di escursione termica ce n'è parecchia, ieri sera la temperatura era sotto lo zero ma in certe giornate invernali particolarmente calduccie la temp va sopra i 10°. Una tana invernale da letargo magari isolata in qualche modo (stavo pensando al sughero o alla gommapiuma) potrebbe magari aiutare?.

Piuttosto che dover scegliere una situazione di compromesso, e' meglio fare il recinto in posizione ottimale per la stagione da sveglie (occhio soprattutto alle ombre che ci possono essere in primavera) e mettere le tarte in letargo protetto in scatola. Alla fine e' piu' semplice e si ottengono i massimi benefici.

Nel caso dovessi adottare questo metodo potresti darmi maggiori info a riguardo? Immagino che le scatole dovrebbero stare anche loro in un liugo a 5-8°. Che tipo di scatole? Dentro cosa ci metto (a parte le tarte... :p )?

 

Scusa/te per la fiumana di domande ma meglio aproffitare della saggezza di chi è esperto (io avrei costruito una tana fornetto sennò B) )

 

p.s. a questo punto mi viene il dubbio di sbagliare qlcs anche sulla loro attuale sistemazione, primo inverno in casetta da sveglie.

Oggi è giorno di pulizie, appena ho rassettato il terrario faccio delle foto così mi dite se sto facendo le cose a modo oppure no. (le pubblico in qst discussione così non intaso il forum)

 

Ancora grazie, bye!

Link to comment
Share on other sites

Tieni comunque presente che e' difficile fare una cosa definitiva alla prima. Ogni anno si fanno delle modifiche e poi loro crescono e hanno esigenze diverse. Si interviene inoltre in base alle loro risposte.

trovi il mio recinto base alla pag.

http://www.tartaportal.it/index.php?ind=ar...ry_view&iden=10

mentre alla pagina:

http://www.tartaportal.it/mkportal/modules.../album/a_24.jpg

vedi una tana sopraelevata con scaletta.

Giusto per avere una idea. Di soluzioni ce ne sono tantissime, una volta che si ha chiaro l'obiettivo da raggiungere.

***

Per la parte "letargo al nord" e' meglio che intervengano gli amici di su'. Io sono di SS e, pur conoscendo la parte teorica, manco di quella finezza pratica di chi applica abitualmente i trucchi contro il freddo.

Se si ha un ambiente con temp. stabili (es. box auto, cantina, cavedio) si riducono molto gli accorgimenti per salvaguardarsi dalle temp. fuori range).

***

Fatte le foto della sistemazione attuale?

Link to comment
Share on other sites

Bello il recinto!!! Sembra Jurassic Park!

Uahaha! Che forza i mici che dormono sulla tana delle tarte!

 

Sì foto appena fatte, ho giusto terminato di rassettare il tartaterrario. Ecco come mi sono organizzato: (le foto sono scadenti, la mia "tecnologia" non mi permette di andare oltre il 640x480

 

come fondo ho tilizzato un sottovaso di plastica

Clicca sull'immagine per Ingrandirla

http://www.mitton.it/various/tartine/tt_sottovaso.jpg

x velocizzare il cambio del fondo ci sistemo sopra dei giornali che poi cospargo con uno strato di trucioli che hanno un buon effetto assorbente e tengono calduccio. Adagio sopra questo primo strato tutti i vari elementi del terrario, illustro nello specifico più avanti. Quindi sistemo negli spazi vuoti lo strato più superficiale, scaglie di corteccia di pino, ah sì, sui giornali prima di comporre il rerreno appoggio una gabbia di plexiglass

Clicca sull'immagine per Ingrandirla

http://www.mitton.it/various/tartine/tt_gabbia.jpg

 

come mangiatoia uso un quadratone di plastica in modo da tenere la zona cibo più pulita ed ordinata

Clicca sull'immagine per Ingrandirla

http://www.mitton.it/various/tartine/tt_ristorante.jpg

 

l'abbeveratoio è una piscinetta con bordi bassi e smussati che riempio con 1cm d'acqua

Clicca sull'immagine per Ingrandirla

http://www.mitton.it/various/tartine/tt_piscina.jpg

 

nella foto precedente si possono già vedere le 2 tane: 2 iglù di argilla, modello "resta degli avi :lol:", a forma di carapace (1 hermanni e 1 elegans)

Clicca sull'immagine per Ingrandirla

http://www.mitton.it/various/tartine/tt_nanna.jpg

sotto hanno i trucioli e sono pieni di paglia, così possono anche "interrarsi"

 

ecco una panoramica

Clicca sull'immagine per Ingrandirla

http://www.mitton.it/various/tartine/tt_aerea.jpg

a sinistra come vedi rimane una zona solarium sotto lo spot provvista di termometrino per acquari, a proposito, le luci sono una spot lamp per rettili, 40W, e un neon sempre per rettili, 15W - 45cm (non ho scritto modello e marca xchè magari non si può), lo spot è a ~40cm di altezza dal fondo, la lampada 50cm. La temperatura sotto lo spot è 25/26°.

 

Come cura/manutenzione mi comporto nel seguente modo:

 

- cambio l'acqua della vaschetta 1-2 volte al dì

- la mattina prima di andare a lavorare preparo un insalatina lavata e sminuzzata in tranci di 2-3cm variando ogni giorno la verdura:

tarassaco, cicoria, indivia, radicchio, insalate varie

devo procurarmi l'osso di seppia (poi che faccio? Lo sminuzzo sopra il cibo?)

- una volta a settimana faccio alle tartine un bagnetto tiepido con del bicarbonato (questo me l'hanno consigliato in un negozio specializzato in rettili) le lavo con uno spazzolino da denti (che sciacquo bene tra una tarta e l'altra), lo stesso spazzolino che uso per togliere lo sporco tra le piastrelle e per lavarmi i denti :p

- tengo il peso delle tartine sotto controllo pesandole una volta a settimana con una bilancetta elettronica da cucina

- ho messo una presa con timer x entrambe le luci, si accendono la mattina alle 10 e si spengono alle 9 di sera

- la mattina inumidisco il terrario con uno spruzzino creando un effetto rugiada

- quando vedo qualche escremento ingiro pulisco, magari buttando anche la scaglia di pino usata come toilette.

 

mi pare tutto, le tarte cmq mi sembra che stiano bene, sono attive e mangiano con appetito... avrei intenzione di sostituire la gabbia di plexiglass che ho costruito con una di vetro, xò prima volevo accertarmi che le dimensioni del terrario fossero sufficenti

 

un paio di dubbi che mi attanagliano sono:

 

- i terrari che vedo nelle foto hanno tutti un coperchio. Perchè? Io che non ce l'ho sto toppando?

 

- la corteccia di pino va bene come fondo?

 

se me ne vengono in mente altri li scriverò in seguito, ora devo scappare

grazie e ciau

Link to comment
Share on other sites

Ciao e complimenti a tutti e due per il recinto ed il terraio da cui sicuramente prenderò qualche spunto.

Mi intrometto solo per una domandina magari stupida. Se si fa un riparo per le tartarughe rialzato con una scaletta o corsia per raggiungerlo le tartarughe se sono giovani riescono ad utilizzarla?

Quando parlate di fare il bagno con acqua tiepida alle tartarughe, come lo fate realmente? Le immergete completamente nell'acqua lasciando fuori solo la testa o come? Dopo come le asciugate? Io finora non gli ho mai fatto il bagno alle mie ed effettivamente dalle foto che vedo nel forum, le mie tartarughine sembrano con il carapace meno lucido delle vostre.

 

Ciao Andrea

Link to comment
Share on other sites

Ciao Andrea

 

Ciao Andrea,

prima di prendere me come spunto ti consiglio di navigare il sito, forum, schede ecc e di chiedere consiglio a qualche esperto con anni di esperienza, tipo anna.

Io provo comunque a rispondere ai tuoi quesiti, se toppo i guru mi correggeranno:

 

più che ad una scaletta io penserei ad una rampa con lieve pendenza, senza un grosso dislivello iniziale con il suolo, magari col crescere delle tarte puoi accorciare la rampa aumentandone la pendenza e guadagnando spazio

 

io quando faccio loro il bagnetto uso acqua tiepida, immergo più volte per un istante ogni esemplare facendo attenzione a non immergere la testa, tra un abluzione e l'altra le pulisco qua e la con uno spazzolino da denti morbido. Tra il bagnetto di una tarta e l'altra cambio l'acqua (uso una vashetta di gelato come vaschetta) e sciacquo bene lo spazzolino.

Più che per la lucentezza del carapace, nelle mie penso sia lucido perchè sono piccine, lo faccio per una questione di igiene, perchè szampettando qua e là non si accumuli troppa sporcizia, sopratutto sotto e nelle fessure delle zampette e della codina. io non le asciugo, le lavo vicino al terrario e poi le rimetto subito sotto lo spot. Dopo il bagnetto mi sembrano addirittura più attive...

 

Spero di fare la cosa giusta.

 

Ciao!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.