Jump to content

Piastrone danneggiato


Cory

Recommended Posts

La mia tarta Luciana,THH, dal momento in cui l'ho avuta, ha sempre avuto delle caratteristiche che mi hanno lasciata perplessa.

 

- il colore abbastanza scuretto (credo dovuto non solo al fatto che le consizioni igieniche non fossero brillantissime).

- un carapace, ma soprattutto un piastrone, non perfettamente liscio, ma con delle zone in cui lo strato superficiale sembra...non saprei come dire... forse: scorticato (non ovviamente in modo profondo, ma in modo suerficiale direi).

Dal momento che la tarta, a parte i problemi legati alle mancate deposizioni, non ha alcun problema di salute, anzi è bella vispa, mangia e corre, non l'ho mai portata a fare una visita.

Secondo voi qual'è il problema? (premesso che senza mostrarvi delle foto so vi rendo particolarmente difficile la possibilità di pronunciarvi).

Potrebbero essere aspetti legati all'anzianità (la sua età, non pervenuta)?

Link to comment
Share on other sites


Ok, tra stasera e domani posso provare a fare una cosa: foto col cellulare e invio dell'immagine a una tua email (magari poi sul sito la posti tu, io con internet sono imbranatella....assai :D).

La definizione non sarà il massimo, ma sarà sempre meglio di una descrizione approssimativa.

In assenza di scanner è l'unica soluzione possibile...

Link to comment
Share on other sites

53.jpg

 

il piastrone di luciana

 

ci sarebbe voluta una foto maggiormente nitida e con colori piu' reali, questi sembrano non veri.

 

Non si vedono segni di degenerazione o aloni strani. Sembra qualcosa di meccanico e parrebbe non recente.

La cosa migliore e' fare delle foto il piu' chiare possibile e rifarle fra un mese in modo da verificare che sia perfettamente ferma.

 

Magari anche a qualcuno di quei buchini che si intravvedono sulle altre parti del piastrone

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo tutto il piastrone sembra un pò malandato, e anche il carapace non è in condizioni ottimali.

Era così quando me l'hanno consegnata. Pare non fosse curatissima, sia da quello che ho potuto vedere io, sia da quello che mi hanno riferito.

La cosa strana è che quest'alone che si vede in foto ce l'ha esattamente identico dall'altro lato del piastrone...no so se il dato può avere una qualche rievanza.

Spero di potere fare delle foto con macchina digitale e inserirle al più presto!

Link to comment
Share on other sites

Comunque, guardandola più attentamente oggi, ho avuto come la sensazione dello "spellamento". Il termine "scorticata" si addice abbastanza.

La macchia che ha dall'altro lato è simile per grandezza, ma ha contorni di forma diversa.

Non so se siano ipotizzabile le lesioni da incidente...

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Ciao Cory...mi hai aiutata cercandomi un veterinario..adesso ti dò una dritta io su questo tuo problema...

La tua sarà una tarta abbastanza grande vedo....è importante che tu dica dove vive ..se vive in un terraio dove nn ci sono oggetti che le possono provocare queste ferite è difficile che se le possa creare...molto più probabile lo è invece se vive sul pavimento...terrazzo..balcone...

Cmq se è solo il primo strato nn è grave..si fa + preoccupante quando inizi ad intravedere dei puntini rossi significa che va ad essere più profonda e maggiormente irritabile.

puoi aiutarla, se ha ancora delle parti "sbucciate" sul piastrone, mettendole prima della tintura di iodio per disinfettare la ferita e poi un pizzico di gentalin beta.

ripeti il trattamento 1 volta al dì x 10 gg.

Ti consiglio inoltre di porla anche all'interno di uno scatolo o terraio con della moquette x almeno 10 giorni nel caso in cui ci siano feriti recenti e facilmente infettabili.

Link to comment
Share on other sites

ciao quello che posso dirti a riguardo che se le tarta hanno un frattura o delle lesioni al carapace ,e' necessario disinfettare la zona e a me hanno consigliato il Blu di Mitilene
Link to comment
Share on other sites

chi offre di piu'???????

 

venghino signori venghino.....

 

***

 

se la mancanza di cheratina non e' causata da un qualche agente ancora attivo (e che, in ogni caso, deve essere identificato o almeno supposto da TARTAVET specializzato) provare alla boia di un giuda serve solo a creare ceppi di patogeni immuni dal farmaco che si sta utilizzando alla boia di un giuda.

 

Non e' una cosina da niente...

Link to comment
Share on other sites

Vi ringrazio per le info!

Luciana ce l'ho da un anno soltanto.

Non so dove vivesse prima. E' molto probabile che non stesse in un luogo a lei appropriato, o che comunque fosse soggetta a "graffiature" da contatto con cemento.

Adesso vive in luogo consono, aiuola con terra e rifugi.

Quelle rappresentate in foto potrebbero essere "cicatrici" di ferite precedenti. Non se le è procurate da me, ce le aveva prima.

Ha ancora senso disinfettarla a questo punto?

Link to comment
Share on other sites

Cory... buone foto, e nitide, in dettaglio subito.

da usare per la verifica fra un po'.

 

E' l'unico modo per cavarne piede. Almeno per capire se e' qualcosa in movimento o se e' cosa vecchia.

Link to comment
Share on other sites

Ok....

Al momento sono occupatissima con Uga.

Appena posso mi procuro una macchina digitale e ve le posto ;)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.