Jump to content

Dubbi sul filtro


Recommended Posts

Ciao a tutti!

Eccomi al mio secondo post. Ho appena fatto l'ultimo cambio filtro (spero) della tartarughiera perché quando andremo nella casa nuova conto di prenderne una più grande ed accessoriata rispetto a quella attuale.

Ma bando alle ciance...

 

Nel mio passato da acquariofilo ho sempre seguito la regola del filtro riempito con quanti più cannolicchi possibile, spugna e lana perlon. Carbone attivo solo ed esclusivamente in caso di utilizzo di medicinali e, quando avevo i ciclidi sudamericani, torba per intenerire l'acqua.

Con le tartatughe invece, in questi 8 anni, ho seguito questa logica:

 

primo passaggio: spugne filtranti

secondo passaggio: cannolicchi (un cestello intero)

terzo passaggio: carbone attivo (sostituito ogni mese)

quarto passaggio: un piccolo strato di lana perlon per pulire l'acqua prima di farla rientrare nell'acquario

 

In realtà (e ci avrei dovuto pensare prima) ho letto qui che il carbone attivo non serve a niente e la lana perlon tende ad intasarsi troppo (effettivamente...).

Quindi, visto che poi trasferirò il tutto in un acquario più grande e con un nuovo filtro, ho approfittato della pulizia del filtro per togliere il carbone e la lana ed aggiugnere un secondo cestello di cannolicchi. Quindi la configurazione attuale è la seguente:

 

primo passaggio: spugne filtranti

secondo passaggio: cannolicchi (2 cestelli)

 

Il mio dubbio però è il seguente: il mio attuale filtro è un Askoll Pratiko 100 con portata della pompa fino a 530 L/h; il filtro nuovo, un Eheim Professional con portata della pompa di 950 L/h, avrà quasi il doppio della potenza. Mi chiedevo a questo punto: ma il filtraggio biologico non richiederebbe un flusso dell'acqua più lento?

 

Tnx :smilea:

Link to comment
Share on other sites


Fidati che funzionerà alla grande...

 

anche io credo che sia cosi, ma nn essendo certa ho preferito nn rispondere prima e ho pensato, aspettiamo leonida, l'esperto in colonie batteriche:shame:

Link to comment
Share on other sites

anche io credo che sia cosi, ma nn essendo certa ho preferito nn rispondere prima e ho pensato, aspettiamo leonida, l'esperto in colonie batteriche:shame:
:D

Seriamente: i filtri, sopratutto gli Eheim professional e EccoPro sono fatti in modo da aspirare l'acqua, farla viaggiare intorno ai cestelli biologici, sul fondo cambia improvvisamente direzione ritornando verso l'alto. Rallenta e lascia il "pulviscolo" che tanto ci ossessiona e che infatti va periodicamente tolto. Da qui l'acqua risale i cestelli (traforati), attraversa tutti i materiali biologici per poi essere presa dalla pompa. E' ottimo come metodo e ovviamente non esclusivo di Eheim, ma direi: "German do it better" :D

 

 

OT: DOMANI esame di MICROOOOOOOOOO... sto svalvolando pesantemente!

Link to comment
Share on other sites

Urca... devo ammettere che non sapevo funzionasse in questo modo il filtro Eheim. Spettacolo.

Oggi ho chiesto nel negozio della mia città e, oltre a costare 50 Euro in più rispetto a quello che mi costerebbe online, il tizio mi ha suggerito piuttosto un Pratiko 300 perché dice che le spugne si intasano di meno. Mah :talktohand:

 

E' una bella spesa, è vero, ma il pensiero di non avere più il riscaldatore dentro alla vasca mi garba molto. Sia per le tarte che così non ci vanno più ad appoggiarvisi sopra, sia per l'estetica perché è un cavo in meno, sia per praticità ed efficienza. Mah, vediamo...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.