Jump to content

I documenti per le mie tarta


Paolitos

Recommended Posts

Ciao a tutti.

Mi presento, sono Paolo da Catania.

 

Sono nuovo del forum e mi sono iscritto per fare una richiesta che spero possiate comprendere (prima di inveirmi contro) e magari esaudire.

 

Possiedo 2 tartarughe hermanni hermanni, le ho da un sacco di tempo. Purtroppo all'epoca delle regolarizzazioni nel 1995, per ignoranza della legge, non abbiamo denunciato la loro detenzione e, quindi, ci troviamo ad essere da molto tempo fuorilegge: seppure la norma mi appaia assurda, ne comprendo la ratio e quindi la accetto. Però nei fatti io ho due tartarughe che possiedo legittimamente perchè acquistate in negozio quando ancora non erano obbligatori i documenti e che - ovviamente - si riproducono in continuazione: da 7 anni a questa parte ho avuto qualcosa come una 30ina di nascite in terra, e sono stato costretto a rilasciare in natura tutti gli esemplari appena nati perchè tenendoli in casa avrei rischiato di aggravare la mia situazione sotto il profilo penale. Non ho mai regalato tartarughe, nonostante le reiterate richieste, per non mettere nei guai chi le avrebbe ricevute: se io sono nell'illecito non voglio trascinare amici e conoscenti nella mia stessa situazione. Non ho mai abbandonato le due tarte adulte perchè ritengo che potrebbero avere difficoltà ad inserirsi in natura, io le presi proprio quando potevano avere più o meno un anno di vita, adesso ne avranno circa 18. Del resto non credo sia possibile neanche farle sterilizzare e, in ogni caso, non vedo quale sarebbe il beneficio di un tale gesto.

 

Dopo la dovuta introduzione, vengo al dunque. So che le autocertificazioni del 1995 non hanno bisogno di scheda segnaletica o foto o microchip, pertanto sto cercando come un pazzo questi benedetti documenti che mi permetterebbero di regolarizzare FORMALMENTE (perchè ribadisco che le tarte le ho da una vita) la situazione. Vi prego di astenervi dagli attacchi, dato che ho palesato le motivazioni che mi spingono ad una tale richiesta, se potete aiutarmi ve ne sarò grato, potete anche contattarmi in privato. Vi prego inoltre, da amanti di questi animali, di cercare di immedesimarvi nella mia stessa situazione. Sono pronto anche al confronto e al dialogo, dato che il tema è particolarmente interessante.

 

Grazie,

Paolo.

Edited by Paolitos
Link to comment
Share on other sites


...ti ho spostato in "legislazione" visto l'argomento.

 

Posso comprendere il tuo problema, che però non è risolvibile. Le denuncie di possesso del '95 è vero che non sono corredate da foto o microchip, ma sono nominative, in quanto rilasciate alle persone che a suo tempo ne denunciarono il possesso ai vari uffici CITES.

 

Riguardo al rilascio dei cuccioli in natura, non la trovo una buona iniziativa :(

Link to comment
Share on other sites

e questa variazione del nome non è possibile farla?

 

Per quanto concerne il rilascio dei piccoli in natura, è stato legato essenzialmente a ragioni di carattere legale: il numero degli animali posseduti irregolarmente influisce sull'ammontare della pena, che può lievitare fino ai 70.000 euro: onestamente io la casa non voglio venderla per pagare le multe. Non c'è rischio di inquinamento della specie perchè sono due tarte autoctone ceppo siciliano di testudo hermanni, inoltre da neonate non credo che possano essere foriere di patogeni. In ogni caso il mio gesto è obbligato da una normativa che io ritengo assurda. Ben vengano l'obbligo di registrazione delle nuove nascite e il divieto di cattura, ma la mia situazione è paradossale, non posso certo liberare nel bosco due tartarughe che condannerei a morte certa... inoltre chi mi dice che non siano portatrici di patogeni, visto che da 20 anni vivono in cattività?!

 

Non posso denunciare le nascite, non posso rilasciare le tartarughe in natura... insomma, che cosa posso fare? Io non voglio certo avere guai con la legge.

Edited by Paolitos
Link to comment
Share on other sites

e questa variazione del nome non è possibile farla?

 

Per quanto concerne il rilascio dei piccoli in natura, è stato legato essenzialmente a ragioni di carattere legale: il numero degli animali posseduti irregolarmente influisce sull'ammontare della pena, che può lievitare fino ai 70.000 euro: onestamente io la casa non voglio venderla per pagare le multe. Non c'è rischio di inquinamento della specie perchè sono due tarte autoctone ceppo siciliano di testudo hermanni, inoltre da neonate non credo che possano essere foriere di patogeni. In ogni caso il mio gesto è obbligato da una normativa che io ritengo assurda. Ben vengano l'obbligo di registrazione delle nuove nascite e il divieto di cattura, ma la mia situazione è paradossale, non posso certo liberare nel bosco due tartarughe che condannerei a morte certa... inoltre chi mi dice che non siano portatrici di patogeni, visto che da 20 anni vivono in cattività?!

 

Non posso denunciare le nascite, non posso rilasciare le tartarughe in natura... insomma, che cosa posso fare? Io non voglio certo avere guai con la legge.

 

La variazione del nome non è possibile farla

Riguardo il rilascio in natura, nel tuo caso in particolare forse non è così grave

 

Purtroppo questa è la situazione, non ci sono tante alternative :(

Link to comment
Share on other sites

Ti ringrazio per le tue risposte.

Ma se uno possiede una tartaruga con autocertificazione del 1995 e volesse cederla, allora, non può farlo??? Io di questa stramaledetta legge non ci capisco niente, mi date una mano?

Link to comment
Share on other sites

Ti ringrazio per le tue risposte.

Ma se uno possiede una tartaruga con autocertificazione del 1995 e volesse cederla, allora, non può farlo??? Io di questa stramaledetta legge non ci capisco niente, mi date una mano?

 

Te lo ripeto NON PUO' FARLO...le cessioni amatoriali sono bloccate dalla estate del 2008.

Non ci sono scappatoie, piaccia o no !

Link to comment
Share on other sites

quindi che cosa mi consigli di fare? Posso lasciare secondo te le tartarughe in campagna? Ho il terrore di questa normativa, è già da un po' che ci penso e adesso che devo traslocare ho paura a portare con me le tartarughe... non vorrei che ci fossero controlli e mi venissero comminate sanzioni. Che faccio? Vorrei regalarle, ma sono senza documenti, siamo sempre lì...
Link to comment
Share on other sites

se x te son diventate un problema anche senza documenti troverai certamente qualcuno che le vorrà adottare. è pieno di persone nella tua situazione che non si pongono troppo il problema morale/legale. certo che liberarle dopo così tanti anni di cattività è come portarle a morte certa, credo.
Link to comment
Share on other sites

ciao paolo me le vuoi dare a me le tartarughe ti prometto che le tratterò come delle figlie? e ogni qual volta vorrai vederle le vieni a trovare! comnuq non ti preoccupare fino a quando non le vendi non fai qualcosa di grave difficilmente la polizia si interessi.. l'importante e che hai cura di questo stupendo animale! ;) ciao
Link to comment
Share on other sites

a un mio amico con un caso del genere, avevano consigliato di dire che le aveva trovate. è possibile trovare una scappatoia in questo senso x poterle dichiarare?

 

penso che se dici che le hai trovate ti rsponderebbero di rimetterle dove le hai prese o di darle alla forestale.... :(

 

certo che sbattimento per delle tartarughe, per di piu' autoctone, manco fossero piante di coca o casse di esplosivo...:mah:

 

P.s non so che criterio usi per rimettere in natura le neonate ma, personalmente non ci vedo nulla di male...anzi...:good:

Edited by rudimentale
Link to comment
Share on other sites

penso che se dici che le hai trovate ti rsponderebbero di rimetterle dove le hai prese o di darle alla forestale.... :(

 

lui nel caso ha una tst (quindi non proprio della zona...) acquistata circa nel '97, ma x il quale non ha nessun documento.

io ho adottato 2 tse che sono state portate dalla croazia da una famiglia. probabilmente se non le avessi prese io, sarebbero state liberate nella natura.

 

quindi, non essendo autoctone, finiscono x forza nelle mani della forestale?

io abito in svizzera, ma penso che in questi casi le leggi siano simili...

 

ma non voglio intromettermi nella discussione iniziale, era solo x lanciare una pietra.

potrà essere l'argomento x una nuova discussione.

Link to comment
Share on other sites

lui nel caso ha una tst (quindi non proprio della zona...) acquistata circa nel '97, ma x il quale non ha nessun documento.

io ho adottato 2 tse che sono state portate dalla croazia da una famiglia. probabilmente se non le avessi prese io, sarebbero state liberate nella natura.

 

quindi, non essendo autoctone, finiscono x forza nelle mani della forestale?

io abito in svizzera, ma penso che in questi casi le leggi siano simili...

 

ma non voglio intromettermi nella discussione iniziale, era solo x lanciare una pietra.

potrà essere l'argomento x una nuova discussione.

 

Non dovrei dirtelo io...ma la Svizzera non ha aderito alla convenzione di Washington, quindi le situazioni sono molto diverse, come sono diverse anche le normative riguardanti le T.H.H. e le T.S.T. ;)

Link to comment
Share on other sites

Per quanto riguarda l'inserimento in natura dei baby, li rilascio in zone boschive in cui sporadicamente ho avvistato qualche thh autoctona, essendo autoctone pure le mie non c'è alcun rischio di inquinamento genetico dell'areale.

 

Comunque per adesso le tengo, dopo il trasloco le inserirò in un'area del giardino al riparo di sguardi indiscreti nella speranza che nessuno venga mai a contestarmene la detenzione.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...
Per quanto riguarda l'inserimento in natura dei baby, li rilascio in zone boschive in cui sporadicamente ho avvistato qualche thh autoctona, essendo autoctone pure le mie non c'è alcun rischio di inquinamento genetico dell'areale.

 

Comunque per adesso le tengo, dopo il trasloco le inserirò in un'area del giardino al riparo di sguardi indiscreti nella speranza che nessuno venga mai a contestarmene la detenzione.

 

tienile non le buttare via!!

dopo tutto questo tempo che le hai come fai a separartene??

cmq io conosco un sacco di persone nella nostra citta' e dintorni che ha le testudo hermanni (quelle nostrane insomma) e non le hanno mai denunciate anche perche non sanno neanche di questa legge che c e dal '95 quindi direi di tranquillizzarti...

certo anche io nella tua situazione mi sarei un attimino preoccupata ma io non ho mai sentito dire che è successa una cosa del genere in zona.

purtroppo non ci sono escamotage a questa legge per ora (magari piu in là la ritoccheranno?)

 

per il fatto che hai liberato le tarta in campagna non ci vedo niente di male dato che se si va in giro da queste parti si possono trovare normalmente dato che è il loro habitat naturale

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.