Jump to content

Tarta in letargo.Bollicine d'aria a pelo d'acqua,è normale?


Recommended Posts

Ciao ragazzi...la mia tarta è in letargo dalla fine di ottobre più o meno....da allora non l'ho più vista,si trova in un mastello di 60 cm di profondità,con circa 15 cm di terriccio, dentro la mia soffitta,la temperatura di notte arriva a 4-5 gradi,mai di meno....quindi credo sia improbabile che sia morta no? oltretutto questo è il primo letargo,è lunga 15-16 cm e quest'estate in prospettiva del letargo l'ho fatta mangiare molto,per via via diminuirlo in prospettiva del letargo.

 

A pelo d'acqua ci sono sempre delle bollicine d'aria,vorrei sapere se sono le sue che emette quando respira o se invece sono il segno che ce qualcosa che non va...rispondete per favore!grazie in anticipo!

Link to comment
Share on other sites


Sulle bollicine non saprei, comunque per un letargo controllato non servono 60cm di profondità, meglio anzi lasciare poca acqua di modo che semplicemente alzando la testa, senza sforzo quando lo desidera possa respirare. La temperatura che tu indichi è quella dell'aria o dell'acqua? E' importante infatti monitorare la temperatura dell'acqua, non deve subire troppe fluttuazioni ma rimanere abbastanza costante durante l'inverno tra i 4 e gli 8 gradi per poi risalire in primavera. Sei sicura che a Caltanisetta in un solaio si riesca ad ottenere queste condizioni? (forse sarebbe stato opportuno controllare meglio le temperature l'anno precedente utilizzando un termometro che segnala anche le massime e le minime dell'acqua). In bocca al lupo alla tua tarta. Edited by mvm
Link to comment
Share on other sites

Ma io so che più è profondo meglio è per fargli fare il letargo...oltretutto l'ho preso perchè è molto grande(200 l) e la tarta ha tanto spazio a suo disposizione (oltreutto era economico,nemmeno 30 euro) ....

io ho un termometro appeso alla parete.......si sicuramente sarebbe stato più saggio controllare l'inverno prima...il problema è che l'inverno prima non avevo nessuna intenzione di farle fare il letargo...volevo comprarle un acquario più grande e continuarla a tenere a casa....il problema che a fine estate,per vari problemi,non sono riuscita a trovare un acquario completo con meno di 500 euro...soldi che io non potevo spendere...la tarta ormai era troppo grande per un acquarietto di 60x30x30...lei che è 15-16 cm a stendo riusciva a girare la dentro,ed ho dovuto prendere una decisione dettata dall'estrema urgenza di cambiarla abitazione.....

non vedo l'ora che passino questi ultimi 2 mesi e arrivi la primavera! non vedo l'ora di rivederla!

Link to comment
Share on other sites

Piu' profondo è meglio è vale per il laghetto, per il letargo controllato (fatto in cantine o solai freddi) non serve che sia profondo. Anzi, d'inverno la tartaruga potrebbe svegliarsi ed aver difficoltà a risalire per respirare, per quello generalmente si lascia poca acqua, ovvero qualche cm in più dell'altezza della tarta, così alla tarta basta alzare un po la testa per respirare senza fatica. Quando l'acqua è molto fredda (sotto gli 8 gradi) la tarta si muove molto lentamente e fa più fatica a nuotare, io ho avuto esperienza in laghetto, infatti mi sento di consigliare qualche appiglio per farla risalire agevolmente, poichè se trova pareti liscie come il tuo mastello (o nel mio caso il telo nel laghetto) può avere difficoltà, oppure appunto in caso di letargo controllato non mettere troppa acqua.

In ogni caso, prendi un termometro di quelli con la sonda, la sonda la metti in acqua così controlli bene le temperature, se sono troppo alte o ci sono troppe variazioni nell'arco delle giornate non va bene. Costano circa 10 euro, con 20/30 euro ne compri uno che ti memorizza anche le massime e le minime.

Link to comment
Share on other sites

Pomeriggio vado subito a comprarlo.....mi sono ammazzata la vita per trovare un mastello profondo e largo e oltretutto trovare l'auto adatta per portarlo a casa.....il tutto sperando di far la cosa migliore per la tartaruga!!!! uffa....:starving:

 

comunque all'interno del mastello ho sistemato diciamo una "scala" per la tartaruga per aiutarla a farla uscire fuori per farle prendere il sole su una tavola che ho sistemato sul bordo del mastello...quest'estate si è riscaldata senza problemi....è molto larga,sarà almeno un 50 cm,e lunga 1 metro forse, ed è inclinata di un 40 gradi all'incirca...penso che utilizza quella per aiutarsi a salire....

 

mi sta venendo ancora di più l'ansia di rivederla sbucare fuori!

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...

Lo so che non si fa...ma il dubbio mi stava logorando!!non la vedevo dalla fine di ottobre-inizi di novembre!

ho cercato la tartaruga dentro l'acqua e l'ho trovata! è viva e vegeda!! anzi appena l'ho uscita dall'acqua mi ha sbruffato contro...certamente molto infastidita dalla mia intrusione nel suo habitat!!infatti l'ho subito rimessa dentro! dopo 5 min l'ho vista ritornare su per prendere aria e poi non l'ho più vista di nuovo,quindi ho dedotto che sia ritornata nel suo letargo...

 

bene adesso dovranno passare altri 2 mesi prima di rivederla! ma va beh almeno adesso sto più tranquilla!!:kissa:

Link to comment
Share on other sites

le mia tarte decidono da sole quando non devono più mangiare,a nche se io butto in acqwua il cibo.Il mio habitat è un vascone per l'uva alto un metro largo...non so .....e loro scendono a novembre e ciao ciao sino a marzo.......io sono di lecce.
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.