Jump to content

Tartarughe d'acqua morte


PaoloAsti

Recommended Posts

Anche quest'anno mi sono morte 2 tartarughe d'acqua nel laghetto. L'anno scorso l'erpetologo mi ha detto che è stato il gran freddo e che assolutamente non va bene tenere riscaldato il laghetto in modo che non si ghiacci. Ma io ho qualche dubbio sulla mia abilità di allevatore. Ho costruito un laghetto circolare di 4 metri di diametro e profondo 1 metro per potere mettere tartyarughe e pesci. Convivono senza problemi pero' l'inverno è stato fatale per le tartarughe. Ho sempre avuto il dubbio che mancasse qualche cosa. Quando ghiaccia le tartarughe come respirano. ? Quando le avevo in casa stavano sempre con la testa fuori dall'acqua. Nel laghetto non le vedo mai. Qualcuno ha qualche suggetimento da darmi?

Questa la foto del laghetto

Yfrog - giardino001

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 37
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

2 morti su quante tartarughe in totale?

e l'anno scorso?

Tutte Trachemys?

 

La profondità di un metro in genere è sufficiente.

 

Gli esemplari deceduti che dimensioni avevano?

Erano in buono stato di salute prima del letargo e le hai cresciute tu oppure ti sono state cedute poco prima del letargo?

Le variabili in gioco sono molte, temo che senza un esame autoptico sia impossibile stabilire con certezza la causa della morte.

C'è da dire che qualche decesso seocndo me è da mettere in conto, soprattutto alle nostre latitudini.

Link to comment
Share on other sites

la profondità è ok xk SE L'ACQUA NON VIENE SMOSSA stratifica e sul fondo si hanno 4°, se però la superficie è ghiacciata e non è stata spaccata nemmeno una volta, potrebbero aver finito l'ossigeno? oppure non erano in salute la tarte, perchè le condizioni per un buon letargo da quello che leggo c'erano tutte.
Link to comment
Share on other sites

Scusa se non rispondo subito ma sono in ufficio e non sono sempre collegato. Innanzi grazie per la risposta

L'anno scorso sono morte 3 tartarughe su 5.

Quest'anno 2 su 4 ma le due rimanenti non sono ancora venute fuori ed ho paura che per loro la situazione sia la stessa.

Lo stato di salute era buono ed erano piu' o meno tutte della stessa grandezza. Circa 20 cm.

Link to comment
Share on other sites

Scusa se non rispondo subito ma sono in ufficio e non sono sempre collegato. Innanzi grazie per la risposta

Il laghetto si è ghiacciato e non ho mai pensato di toccarlo perchè l'erpetologo l'anno scorso mi ha detto di lasciarlo stare

 

Link to comment
Share on other sites

il problema può essere dovuto proprio al ghiaccio presente in superficie, potrebbe aver influito a consumare l'ossigeno!

In più, metti le foto delle tue tarta per capire di quale specie si tratta...spero non sia una specie che non deve fare letargo!!!

Link to comment
Share on other sites

Non ho foto xchè non sono ancora uscite. Se ne trovo dell'anno scorso le pubblico

Cmq me le ha date l'erpetologo di un vivaio, erano sue personali, e mi ha detto che anche da lui erano in letargo

Link to comment
Share on other sites

Come dicevo prima non ho foto sottomano. Ormai quelle morte le ho sotterrate.

Le altre due non sono ancora uscite. E' il caso che le solleciti per vedere come sono messe?

Link to comment
Share on other sites

se per due anni consecutivi c'è stata questa moria un motivo ci deve essere.

o gli esemplari non erano in forma per il letargo

o c'è qualche falla nel tuo metodo.

 

Sperando ovviamente che siano davvero Trachemys e non specie che non devono/possono fare il letargo alle nostre latitudini.

 

Io so che il ghiaccio fornisce una sorta di protezione perchè consente di mantenere stabile la temperatura dell'acqua sottostante, però se rimane interamente ghiacciato per lunghi periodi penso che potrebbe verificarsi carenza d'ossigeno.

Link to comment
Share on other sites

come si fa a sapere se un esemplare è in forma?

 

anche io sapevo del ghiaccio come termoprotettore ma dopo quanto tempo c'è carenza di ossigeno?

Link to comment
Share on other sites

se non hai mai rotto il ghaiccio è una probabile causa della perdita, sperando che fossero specie che potevano fare letargo tranquillamente, metti foto appena puoi, per sapere se un eemplare è in forma vai dal vet prima dei letarghi............. Edited by zippo90
Link to comment
Share on other sites

alla secondo domanda non so rispondere, andando a inutito credo dipenda dalla quantità di acqua presente in rapporto al numero di esemplari per cui non so se sia possibile stabilire un tempo standard.

 

per quant riguarda la prima domanda:

un esemplare che allevi da anni lo conosci, sai come è stato cresciuto e se ha avuto problemi particolari;

un esemplare adottato da poco rappresenta un'incognita da questo punto di vista.

Buona alimentazione, buona esposizione ai raggi solari, stabulari adeguati, crescita armonica e comportamento attivo sono indicatori piuttosto efficaci di un discreto stato di salute.

Link to comment
Share on other sites

comunque l'ossigeno dura un pò perchè in letargo non è che ne consumino troppo però tenete conto che dipende da quanta aria c'è tra il ghiaccio e l'acqua. mica respirano sott'acqua, per quello sarebbe bene rompere il ghiaccio ogni tanto, soprattutto avendo già un laghetto con la profondità corretta e quindi senza gran bisogno di altra protezione
Link to comment
Share on other sites

Da quello che so, le Trachemys sono solite riemergere per respirare, di tanto in tanto... possibile che il ghiaccio sia stato un problema!
Link to comment
Share on other sites

Cosa le davi da mangiare? Più o meno sai quando sono entrate in letargo? E quando è stata 'ultima volta che hanno mangiato prima di entrare in letargo?
Link to comment
Share on other sites

Gli davo il mangime comprato e su suggerimento dell'erpetologo per energizzarle ogni tanto gli davo i croccantini del gatto. Non so esattamente quando sono andate in letargo credo verso fine settembre/ottobre difficile da dire quando è stato l'ultimo pasto prima del letargo. Sono nel laghetto con i pesci quindi il cibo finisce a cmq
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now




×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.