Jump to content

numerosa moria di tartarughe in letargo


Tartar

Recommended Posts

ieri sono andata dal vet. , parlando mi ha detto che in lombardia c'è stata una numerosa moria di tarta in letargo quando c'è stato lo sbalzo di temperatura a -10 / -12.

in sala d'aspetto c'era anche un signore che mi ha confermato la cosa , a lui ne sono morte 11!!!!!!

a qualcuno di voi è successo?

lombardi dateci i vostri dati

Link to comment
Share on other sites


Questo è un punto a favore (purtroppo), al letargo controllato col metodo delle "scatole cinesi" e anche del far saltare il letargo alle nate nel corso dell'anno...
Link to comment
Share on other sites

diciamo che se la sistemazione è adatta e le tartarughe sono in salute pericoli non ce ne sono.

io credo più al letargo controllato per scongiurare attacchi di predatori.

 

per quanto riguarda il far saltare il letargo il primo anno..idem

Link to comment
Share on other sites

anche io sono per il letargo controllato , proprio per paura degli attacchi di topi o altro......ma sono favorevole al letargo da subito è nella loro natura .

3 baby al loro primo letargo ( sono nate ad agosto 2009) si sono svegliate e zompettano che è una meraviglia .

però ammetto che le controllavo ogni 2 giorni e l'ansia era a mille :(

Link to comment
Share on other sites

io abito a pavia le tarta baby non so a che punto sono anche perchè non so esattamente quante ne ho i genitori si stanno risvegliando speriamo vada tutto bene su 10 ne ho viste 6 le marginate 3su3
Link to comment
Share on other sites

Non prendetela male..ma credo sia la conseguenza di voler allevare alcune specie in un areale completamente ostico..Per non parlare di ki si "improvvisa" ad allevare le esotike in zone freddissime..

Cmq parlando di Thh le regioni in cui si trovano le autoctone escludono la lombardia ad esempio..

 

"Prima comune, ora sempre più rara in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Umbria [3]. La sua presenza è segnalata nelle isole dell'Arcipelago Toscano (Capraia, Elba, Giglio, Montecristo), dell'Asinara, Pantelleria e Pianosa.

Una consistente colonia con esemplari di entrambe le sottospecie maggiori è limitata ad una località del delta del Po, il Bosco della Mesola."

 

Come si può far fare un letargo secondo natura in un ambiente in cui non è prevista la diffusione della specie?X quelle latitudini sec me sono + adatte le Horsfieldii clima secco e rigido d'inverno..cè da riflettere..

Link to comment
Share on other sites

il problema è che le horsfeldi secondo me sono pure più inadatte delle thb....

per il semplice fatto che qui l'inverno non è esattamenete SECCO...

nè come precipitazioni nè come clima...

 

credo che qui al nord un letargo controllato fatto bene sopperisca senza grossi problemi alla natura del luogo...

il problema semmai è se le tartarughe sono "programmate" per farsi un letargo lungo in media un mese in più che non in regioni più temperate...

Link to comment
Share on other sites

il problema è che le horsfeldi secondo me sono pure più inadatte delle thb....

per il semplice fatto che qui l'inverno non è esattamenete SECCO...

nè come precipitazioni nè come clima...

 

Credo che qui al nord un letargo controllato fatto bene sopperisca senza grossi problemi alla natura del luogo...

il problema semmai è se le tartarughe sono "programmate" per farsi un letargo lungo in media un mese in più che non in regioni più temperate...

Eco.. Non mi sembra una cosa da poco!..il mese a cui riferisci.. può variare notevolmente..Io vivo in calabria e ancke se quello scorso è stato un caso limite considera ke dalle mie parti raramente si raggiungono i 3-4° di notte! casi limite 2°!! di girono le massime spesso superano i 10°!

lo scorso inverno le mie THH nn hannno fatto letargo!qualke THB 3/4 mesi scarsi! ma quello è il loro ambiente la makkia mediterranea e loro si autogestiscono!

Le Horsfieldii nate in italia ormai sono come le hermanni..

Link to comment
Share on other sites

Concordo con te per quanto riguarda le T.H.H. o le T.Marginata.Le T.H.B. occupano in natura anche un areale che assomiglia molto a quello del Nord Italia.

Per le Horsfieldi se come dici tu quelle nate in Italia non hanno problemi, la stessa cosa dovrebbe valere per le T.H.H. e le T.Marginata nate al Nord ! O no ?

Link to comment
Share on other sites

Non prendetela male..ma credo sia la conseguenza di voler allevare alcune specie in un areale completamente ostico..Per non parlare di ki si "improvvisa" ad allevare le esotike in zone freddissime..

Cmq parlando di Thh le regioni in cui si trovano le autoctone escludono la lombardia ad esempio..

 

"Prima comune, ora sempre più rara in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Umbria [3]. La sua presenza è segnalata nelle isole dell'Arcipelago Toscano (Capraia, Elba, Giglio, Montecristo), dell'Asinara, Pantelleria e Pianosa.

Una consistente colonia con esemplari di entrambe le sottospecie maggiori è limitata ad una località del delta del Po, il Bosco della Mesola."

 

Come si può far fare un letargo secondo natura in un ambiente in cui non è prevista la diffusione della specie?X quelle latitudini sec me sono + adatte le Horsfieldii clima secco e rigido d'inverno..cè da riflettere..

 

benissimo, se si parla di THH..

le THB sono moolto più adatte al nord, per umidità e temperetarue.

in ogni caso, ti posso assicurare che anche in Veneto c'erano THH, quando io ero piccolo.

 

per far fare il letargo in natura occorre prendere alcuni accorgimenti a seconda della specie.

per quanto riguarda le horsfieldii.. lascia perdere che il clima di TUTTO il nord non è semplicemente inadatto, è proprio ostile! dal momento che non è il freddo il problema delle hors, ma l'umidità.

anche con le horsfieldii basta prendere alcuni accorgimenti e non ci sono più di tanti problemi

Link to comment
Share on other sites

io non ho avuto la fortuna di vederle ma ti assicuro che tante persone anziane del mio paese soprattutto agricoltori mi assicurano che le tarta di terra erano presenti nelle nostre campagne e loro spesso ne trovavano. per quel che riguarda il letargo con semplici accorgimenti (ripari, una buona coperta di paglia e foglie) si passa molto bene.ad esempio lo scorso anno su 30 baby durante il letargo ne ho persa solo 1 per le grandi non ho mai avuto problemi. un signore che conosco ha in cortile una greca da 40 anni nessun problema e una l'avevo anch'io e poi ho venduto che aveva una quarantina d'anni.
Link to comment
Share on other sites

Concordo con te per quanto riguarda le T.H.H. o le T.Marginata.Le T.H.B. occupano in natura anche un areale che assomiglia molto a quello del Nord Italia.

Per le Horsfieldi se come dici tu quelle nate in Italia non hanno problemi, la stessa cosa dovrebbe valere per le T.H.H. e le T.Marginata nate al Nord ! O no ?

 

Non proprio..xkè le Horsfieldii se non presentano intolleranza all'umidità tollerano bene il freddo (provengono dalle steppe!) La questione del letargo invece è correlata alle temperature.. in quanto dipende da esse.. Se in natura le Thh non coprono quell'areale è xkè magari inverni troppo rigidi allungherebbero il letargo ai limiti dell'organismo.. E in quel caso cè da intervenire con scatole cinesi terarri e "forzature" varie..

non dico ke al nord non si debbano allevare le THH ma non credo ke possano affrontare un letargo in maniera naturale come in zone + temperate e senza l'aiuto dell'uomo..X quanto riguarda le marginata nn ho la benkè minima conoscenza..

Link to comment
Share on other sites

Non proprio..xkè le Horsfieldii se non presentano intolleranza all'umidità tollerano bene il freddo (provengono dalle steppe!) La questione del letargo invece è correlata alle temperature.. in quanto dipende da esse.. Se in natura le Thh non coprono quell'areale è xkè magari inverni troppo rigidi allungherebbero il letargo ai limiti dell'organismo.. E in quel caso cè da intervenire con scatole cinesi terarri e "forzature" varie..

non dico ke al nord non si debbano allevare le THH ma non credo ke possano affrontare un letargo in maniera naturale come in zone + temperate e senza l'aiuto dell'uomo..X quanto riguarda le marginata nn ho la benkè minima conoscenza..

 

ti ripeto, le HH erano presenti nella laguna veneta anche

Link to comment
Share on other sites

Hannah , qui si sta parlando di un inverno un pò fuori dalla norma , c'è stao un brusco calo della temperatura a - 10 /-12 gradi!

cosa che non è di tutti gli inverni, è successo anche al sud di avere inverni particolarmente rigidi.

le hors temono troppo l'umidità , ne è esempio una persona che in lomellina si ostinava con questa specie, dopo ben 4 anni consecutivi in cui

perdeva tutti i suoi esemplari ha finalmente rinunciato.

Link to comment
Share on other sites

da me si è arrivati a -9 ma non ho avuto problemi..ho 5 marginate di cui 2 nate a settembre 2009..ma sono avvantaggiate.. sono tedesche! :D

scherzi a parte le 2 piccole sono state le prime a svegliarsi e sono sempre fuori anche nelle giornate più fredde..una dorme anche fuori..

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.