Jump to content

Domanda su ibridi


Feras

Recommended Posts


  • Replies 31
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Immagino ti riferisca aggli incroci di TSE e TSS, dato che di altre specie è estremamente raro.

 

Sono sessualmente attivi e le femmine depongono.

 

In linea di massima è meglio evitare di favorirne la riproduzione perchè non hanno alcun valore economico e c'è già un enorme sovrannumero di Trachemys.

 

Se proprio si deve, almeno cerchiamo di riprodurre esemplari puri. ;)

Link to comment
Share on other sites

Immagino ti riferisca aggli incroci di TSE e TSS, dato che di altre specie è estremamente raro.

 

Sono sessualmente attivi e le femmine depongono.

 

In linea di massima è meglio evitare di favorirne la riproduzione perchè non hanno alcun valore economico e c'è già un enorme sovrannumero di Trachemys.

 

Se proprio si deve, almeno cerchiamo di riprodurre esemplari puri. ;)

 

Grazie mille ;)

 

Ne approfitto per fare un'altra domanda: ma per il possesso di ibridi TSS e TSE è necessario avere dei documenti?

Link to comment
Share on other sites

A proposito.

 

Capita spesso di imbattersi in questo o quel funzionari del Cites che ha ancora i vecchi allegati, specie negli uffici periferici.

 

La situazione "del momento" la trovate sul sito CITES.

 

CITES Appendices

 

Un consiglio, qualsiasi tartaruga acquistiate, fatevi fare sempre la fattura.

 

Così potete sempre dimostrare provenienza e data di acquisto.

 

Tra l'altro, se avete un'impresa, potete scaricare tartaruga e acquario come arredi. ;)

Link to comment
Share on other sites

Immagino ti riferisca aggli incroci di TSE e TSS, dato che di altre specie è estremamente raro.

 

Sono sessualmente attivi e le femmine depongono.

 

In linea di massima è meglio evitare di favorirne la riproduzione perchè non hanno alcun valore economico e c'è già un enorme sovrannumero di Trachemys.

 

Se proprio si deve, almeno cerchiamo di riprodurre esemplari puri. ;)

 

Sono daccordo sul fatto che sia meglio evitare di favorirne la riproduzione perchè non hanno alcun valore economico e c'è già un enorme sovrannumero, ma non sono daccordo sul fatto di esemplari puri anche perchè già di per se non significa niente come parola...

 

Puoi spiegare meglio il tuo punto di vista?

Link to comment
Share on other sites

TSS con TSS, TSE con TSE, TST con TST.

 

Basta in minimo di attenzione per non fare "cose strane".

 

No guarda che avevo capito a cosa ti riferifi, non capisco invece perchè secondo te non si dovrebbero fare accoppiare esemplari di sottospecie diverse (anche parlando di altri generi).

Link to comment
Share on other sites

E' più che altro una questione di ordine collezionistico.

 

Posto che mi interessano le tartarughe, preferisco studiare esemplari che hanno un'origine e un processo evolutivo definito.

 

Preferisco che l'evoluzione avvenga in natura e mi limito a osservare.

 

Difatti sono intimamente perplesso quando sento parlare di selezione delle specie riguardo a cani e gatti.

 

Fortunatamente le tartarughe non devono fare nulla, ne badare a un gregge ne produrre carne, e possiamo limitarci ad osservarle così come sono.

 

Anche perchè ne sappiamo talemente poco che troveri azzardato aver la pretesa di cambiare qualche cosa.

Link to comment
Share on other sites

E' più che altro una questione di ordine collezionistico.

 

Posto che mi interessano le tartarughe, preferisco studiare esemplari che hanno un'origine e un processo evolutivo definito.

 

Preferisco che l'evoluzione avvenga in natura e mi limito a osservare.

 

Difatti sono intimamente perplesso quando sento parlare di selezione delle specie riguardo a cani e gatti.

 

Fortunatamente le tartarughe non devono fare nulla, ne badare a un gregge ne produrre carne, e possiamo limitarci ad osservarle così come sono.

 

Anche perchè ne sappiamo talemente poco che troveri azzardato aver la pretesa di cambiare qualche cosa.

 

Io invece più che di collezionismo vorrei usare il termine allevamento. Si collezionano gli oggetti.

 

Comunque penso, anzi sono sicuro, che di ibridi ne esistano già in natura senza alcun intervento umano e non parlo solo di tartarughe. E credo che per parlare di evoluzione lo si possa fare solo in maniera indiretta visti i tempi, quindi nessun cambiamento nel voler far nascere un ibrido, che al massimo potrebbe presentare più che altro caratteristiche positive (pur sempre minime).

 

Concludo che personalmente non mi dispiacerebbe osservare qualcosa di "nuovo", serebbe entusiasmante e non avrebbe nulla da invidiare al "vecchio".

Link to comment
Share on other sites

In natura esistono ibridi, pensiamo alla graeca nabeulensis sarda che è un ibrido tgnxtm, ormai gli ibridi li abbiamo, tanto vale cercare di creare una sottospecie nuova fissando i caratteri specifici degli ibridi esistenti ora, oppure cercare di far riprodurre specie pure e gli ibridi fra di loro.............
Link to comment
Share on other sites

Non ci trovo differenza nel possedere una trachemys pura o ibrida, la tss che mi è morta doveva essere la moglie del tse più giovane, poi va beh, ognuno ha il suo pensiero
Link to comment
Share on other sites

Una cosa però, per le acquatiche non ci facciamo problemi per gli ibridi, perchè nelle terrestri quasi si odiano gli incroci e gli ibridi :question:, in fondo son sempre :turtle:.................
Link to comment
Share on other sites

Non ci trovo differenza nel possedere una trachemys pura o ibrida, la tss che mi è morta doveva essere la moglie del tse più giovane, poi va beh, ognuno ha il suo pensiero

 

 

Smettiamo di usare la parola pura che non significa nulla in questo contesto.:curse:

Non ci dovrebbe trovare nessuna differenza chiunque, ma se qualcuno me le vuole elencare... :winka:

 

Non credo ci sia nulla di nuovo in un incrocio TSS/TSE. Solo una povera bestia ne carne ne pesce.

 

Provate a sistemarla da adulta.

 

Difatti non mi riferivo a sottospecie di scripta, povera bestia comunque quanto tse o tss...

 

Per quanto riguarda il discorso delle scripta l'unico motivo potrebbe essere quello che siamo invasi, ma se invece considerassi Apalone spinifera (Apalone spinifera spinifera, Apalone spinifera aspera, Apalone spinifera atra, Apalone spinifera emoryi, Apalone spinifera guadalupensis, Apalone spinifera hartwegi, Apalone spinifera pallida) o Kinosternon scorpioides (Kinosternon scorpioides scorpioides, Kinosternon scorpioides seriei) o Sternotherus minor (Sternotherus minor minor, Sternotherus minor peltifer) o ancora in maniera più rilevante perchè praticamente in pericolo d'estinzione Platysternon megacephalum (Platysternon megacephalum megacephalum, Platysternon megacephalum peguense, Platysternon megacephalum tristernalis, Platysternon megacephalum vogeli, Platysternon megacephalum sihui). Credo che per alcune specie il discorso si presenti diverso che per altre, e ripeto se non vi fossero problemi di sovraffollamento l'incrocio non sarebbe da disdegnare.

 

 

Una cosa però, per le acquatiche non ci facciamo problemi per gli ibridi, perchè nelle terrestri quasi si odiano gli incroci e gli ibridi :question:, in fondo son sempre :turtle:.................

 

Chi li odia? Fammelo conoscere :sinister::sinister::sinister:

Link to comment
Share on other sites

Fortunatamente, per le altre, è abbastanza raro trovare incroci.

 

Anche perchè i prezzi più alti sconsigliano i commercianti dall'adottare il "minestrone cinese" come metodo di allevamento e la presenza dei certificati stabilizza un po' gli accoppiamenti selvaggi.

 

Vero che si vedono ultimamente Sternotherus e Kinostenon un po' strani.

 

Invece sembrano spariti dal mercato gli esemplari "Cocktail" di Graptemys che si trovavano pochi anni fa.

 

Per quanto riguarda le Apalone, c'è poco da dire anche perchè, ferox a parte, non è così semplice identificare le altre sottospecie.

 

Soprattutto nelle baby.

 

Stesso discorso per le Emys.

 

Bellissima la preoccupazione del Ministero, che si preoccupa delle importazioni di Orbicularis Orbicularis e si dimentica che sono normalmente presenti neli laghi alpini.

 

Ad ogni modo, l'allevamento extra-trachemys riguarda forse il 5% del numero totale delle tartarughe.

 

Per il Platisternon Megacephalum ci saranno forse 10 allevatori in Italia.

 

E credo che il rischio di incrocio sia minimo.

 

Già e difficile che non si mangino maschio e femmina.

 

Figuriamoci a mettere dentro qualche altra tartaruga.

 

 

Ad ogni modo, se la stabulazione di specie differenti è possibile e accettabile per situazioni contingenti o brevi periodi, preferisco evitare di pensare alla riproduzione tra specie differenti.

 

A dire il vero, sembrano pensarla così anche le tartarughe stesse, che si indirizzano immediatamente verso le loro cospecifiche.

 

Trachemys a parte, naturalmente. ;)

Edited by pminotti
Link to comment
Share on other sites

Altra considerazione:

 

Vedo che molti considerano la riproduzione come l'apice dell'allevamento.

 

Francamente posso capire che sia bello vedere la schiusa delle uova, ma la domanda

 

"e poi dove le metto"? dovrebbe venirci spontanea.

 

Guardiamo un po' nella sezione adozioni.

 

Solo trachemys adulte, che restano li anche se sono gratis.

 

Per le terrestri, molti incroci di Hermanni e basta.

 

E anche loro non "girano" molto.

 

Per non parlare degli sbilanciamenti nel rapporto tra i sessi provocato da un eccessivo ricorso alle incubatrici.

 

Preferisco cercare di far stare il meglio possibile le tartarughe che ho. ;)

Link to comment
Share on other sites

Altra considerazione:

 

Vedo che molti considerano la riproduzione come l'apice dell'allevamento.

 

Francamente posso capire che sia bello vedere la schiusa delle uova, ma la domanda

 

"e poi dove le metto"? dovrebbe venirci spontanea.

 

Guardiamo un po' nella sezione adozioni.

 

Solo trachemys adulte, che restano li anche se sono gratis.

 

Per le terrestri, molti incroci di Hermanni e basta.

 

E anche loro non "girano" molto.

 

Per non parlare degli sbilanciamenti nel rapporto tra i sessi provocato da un eccessivo ricorso alle incubatrici.

 

Preferisco cercare di far stare il meglio possibile le tartarughe che ho. ;)

 

Hai perfettamente ragione, anche se effettivamente la riproduzione può essere considerata come l'apice dell'allevamento. Non è obbligatoria, e tantomeno non far riprodurre il proprio esemplare è da considerarsi un abominio qualunque esso sia. Ma vedere la schiusa delle uova non è solo bello, se ci tieni ti tocca il cuore. Ovvio che prima bisognerebbe assicurarsi il futuro dei piccoli, ma su questo non ci piove.

 

Comuqnue il discorso era centrato sulla riproduzione o no tra diverse sottospecie, il mio parere non cambia perchè non vedo nessun motivo valido per evitare la riproduzione tra sottospecie di cui possiamo effettivamente prenderci cura. Anzi, mi sorpenderei sentendo il contrario....

 

Per lo sbilanciamento dei sessi basterebbe saper usare come si deve l'incubatrice. ;)

Link to comment
Share on other sites

Diciamo che è un incrocio difficile da identificare, dato che le TSS possono avere si o no la riga gialla orizzontale e macchie assortite sul piastrone.

 

Posso chiederti un parere?

 

Nel mio profilo ci sono le foto della mia baby, sembra un super incrocio (tse+tss) + tst. Tu che ne pensi?

Link to comment
Share on other sites

Dunque tss pura può anche avere le macchie non solo sulle gulari? Allora la baby bistrattata di mia sorella dovrebbe essere pura...nascite come apice dell'allevamento devo dire di sì, far campare Talmit nato praticamente senza piastrone è stato l'apice dell'allevamento per me. poi negli anni me ne sono nate talmente poche che son rimaste tutte a casa mia e il problema non si è posto affatto.
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now




×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.