Jump to content

Cambi d'acqua...


marconte88

Recommended Posts


Potete spiegarmi dettagliatamente perchè, come, quando (e info relative) effettuare cambi d'acqua parziali?

 

 

Il motivo tecnico è quello di ridurre gli inquinanti presenti senza avere un intervento troppo invasivo e provocare scompensi al filtro con sbalzi di temperatura.

 

Conviene sifonare sul fondo per rimuovere i sali eventualmente precipitati.

 

Idem per le tartarughe, che potrebbero avere problemi per improvvisi cali di temperatura.

 

Aggiungo che si fa meno fatica a cambiare 10 o 20L di una vasca da 100 un paio di volte piuttosto che a vuotarla tutta una volta la settimana.

 

C'è poi da considerare l'effetto dell'evaporazione sulla durezza dell'acqua contenuta nella vasca.

Link to comment
Share on other sites

Il motivo tecnico è quello di ridurre gli inquinanti presenti senza avere un intervento troppo invasivo e provocare scompensi al filtro con sbalzi di temperatura.

 

Conviene sifonare sul fondo per rimuovere i sali eventualmente precipitati.

 

Idem per le tartarughe, che potrebbero avere problemi per improvvisi cali di temperatura.

 

Aggiungo che si fa meno fatica a cambiare 10 o 20L di una vasca da 100 un paio di volte piuttosto che a vuotarla tutta una volta la settimana.

 

C'è poi da considerare l'effetto dell'evaporazione sulla durezza dell'acqua contenuta nella vasca.

 

Ti riferisci ai residui del processo di nitrificazione (NO3)?

Link to comment
Share on other sites

devi prima dircidove la tieni ...grandezze ,quantita d acqua che contiene il tuo acquario o acquaterraio ecc se possiedi un filtro ....maggiori informazioni

 

Io parlo in generale.... Comunque:

 

Acquaterrario

Esprimiti pure in percentuali

Possiedo un filtro

Link to comment
Share on other sites

Ti riferisci ai residui del processo di nitrificazione (NO3)?

non solo.... anche a tutti gli altri inquinanti che il filtro non riesce a smaltire....

 

solitamente è il 20-30% del volume totale una volta alla settimana.... si approfitta per fare una sifonatura svuotando e pulendo il fondo e si mette un volume di acqua declorata pari a quello tolto più la quantita evaporata ;)

 

questo serve anche a prevenire l'aumento della concentrazione dei sali dovuto all'evaporazione..... ricordate.... mettere sempre più acqua di quella che si toglie ;)

Link to comment
Share on other sites

non solo.... anche a tutti gli altri inquinanti che il filtro non riesce a smaltire....

 

solitamente è il 20-30% del volume totale una volta alla settimana.... si approfitta per fare una sifonatura svuotando e pulendo il fondo e si mette un volume di acqua declorata pari a quello tolto più la quantita evaporata ;)

 

questo serve anche a prevenire l'aumento della concentrazione dei sali dovuto all'evaporazione..... ricordate.... mettere sempre più acqua di quella che si toglie ;)

 

Metalli pesanti quindi...

 

Non è esagerato il 30%? Pensavo fosse sufficiente un 10%...

Link to comment
Share on other sites

metalli pesanti è un po difficle :D

 

visto che solitamente si usa acqua di rubinetto declorata per i cambi parziali.... i metalli pesanti devono esse pressoche assenti, altrimento col cavolo che l'acqua è potabile :D

 

per comodità diciamo che i batteri purificano NH3 in NO3.... perche sono la quasi totalità del carico inquinante, ma in realtà non fanno solo quel lavoro sporco, detossificano anche altri inquinati.... i cui prodotti non sempre sono utilizzabili some substrato nutritivo per le piante :)

 

siccome tutte le sostanze sono tossiche ed è solo una questione di raggiungere la concrentazione di tossicità, si elimina il problema alla radice con i cambi parziali :)

 

questo in un sistema chiuso come il nostro ;)

Link to comment
Share on other sites

NO3 e CACO3 tendono a precipitare.

 

Metalli pesanti spero che non ce ne siano.

 

Più che altro confido nei tecnici dell'acquedotto. :)

 

Aggiungo che, in caso di fioritura di alghe o eccessiva proliferazione di batteri nel filtro (intasano i tubi) un bel 10% di acqua clorata risolve alla svelta la cosa.

 

Capita spesso ai primi caldi.

Link to comment
Share on other sites

Diciamo che si fanno dal 10 al 30%.

 

Con la pratica ci si fa l'occhio.

 

Forse sarebbe meglio parlare di "naso".

 

Dopo qualche tempo una "sniffata" all'acquario permette di capire al volo cosa sta capitando.

 

E' più semplice se se ne hanno diversi, facendo un confronto.

Link to comment
Share on other sites

metalli pesanti è un po difficle :D

 

visto che solitamente si usa acqua di rubinetto declorata per i cambi parziali.... i metalli pesanti devono esse pressoche assenti, altrimento col cavolo che l'acqua è potabile :D

 

per comodità diciamo che i batteri purificano NH3 in NO3.... perche sono la quasi totalità del carico inquinante, ma in realtà non fanno solo quel lavoro sporco, detossificano anche altri inquinati.... i cui prodotti non sempre sono utilizzabili some substrato nutritivo per le piante :)

 

siccome tutte le sostanze sono tossiche ed è solo una questione di raggiungere la concrentazione di tossicità, si elimina il problema alla radice con i cambi parziali :)

 

questo in un sistema chiuso come il nostro ;)

 

Si più che altro con il termine pesante mi riferivo al grado di tossicità ;)

 

NO3 e CACO3 tendono a precipitare.

 

Metalli pesanti spero che non ce ne siano.

 

Più che altro confido nei tecnici dell'acquedotto. :)

 

Aggiungo che, in caso di fioritura di alghe o eccessiva proliferazione di batteri nel filtro (intasano i tubi) un bel 10% di acqua clorata risolve alla svelta la cosa.

 

Capita spesso ai primi caldi.

 

Spero di non avere tubature in piombo allora :sweat::sweat::sweat:

 

Diciamo che si fanno dal 10 al 30%.

 

Con la pratica ci si fa l'occhio.

 

Forse sarebbe meglio parlare di "naso".

 

Dopo qualche tempo una "sniffata" all'acquario permette di capire al volo cosa sta capitando.

 

E' più semplice se se ne hanno diversi, facendo un confronto.

 

:silly: Magari mi prendo un cane

Link to comment
Share on other sites

?????

 

non ha detto nulla di diverso da quello che abbiamo detto noi..... mah!?!

 

 

solitamente è il 20-30% del volume totale una volta alla settimana....

 

Diciamo che si fanno dal 10 al 30%.

 

 

 

Scusami, ma se riguardi bene:

 

"...chi lamenta, ad esempio, che, nonostante i ricambi settimanali del 10-20% dell’acqua, o con il mitico ricambio goccia a goccia (di cui molti parlano e per fortuna nessuno fa), i nitrati si mantengono costanti o aumentano. I cambi frequenti dell'acqua equivalgono a considerare una vasca da acquario, seppur di buone dimensioni e dotata di un efficiente filtro biologico, alla stregua di una boccia di pesci rossi a cui cambiare frequentemente l'acqua (tanto varrebbe eliminare il filtraggio dagli acquari).

 

Quindi: i frequenti ricambi d'acqua non sono un elemento determinante il buon funzionamento di un acquario, ma anzi causano un disturbo frequente ai pesci e reintroducono sostanze nocive presenti nell'acqua dell'acquedotto che nel frattempo in acquario erano evaporate o precipitate."

 

Inoltre:

 

 

"Milano può raggiungere facilmente il limite di legge dei 50 mg/l. E' quindi evidente che, se i nitrati presenti nell'acqua dell'acquario sono inferiori o equivalenti a quelli presenti nell'acqua che utilizzate per i rabbocchi, i ricambi non eliminano i nitrati dall'acqua dell'acquario, ma, anzi, possono aumentarli (oltre a immettere nuovamente sostanze come fluoruri, cloruri e metalli che nel frattempo in acquario sono precipitate o evaporate)."

 

 

C'è davvero una bella differenza da quello che dicevate voi, sia riguardo alla frequenza dei ricambi, sia riguardo al fatto che si effettuerebbero i ricambi anche per eliminare i nitrati.... :sarcastic::sarcastic::sarcastic:

 

 

 

 

Quindi?

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites

ti dimentichi che l'articolo a cui tu fai riferimento è basato su una vasca per pesci...avere una vasca con delle tarta è ben diverso, anche a livello di chimica dell'acqua perchè le tarta sporcano molto di più...io non mi preoccuperei poi molto per i nitrati...basta inserire nella vasca qualche pianta vera e il problema è risolto... Edited by =Bamboocha=
Link to comment
Share on other sites

ti dimentichi che l'articolo a cui tu fai riferimento è basato su una vasca per pesci...avere una vasca con delle tarta è ben diverso, anche a livello di chimica dell'acqua perchè le tarta sporcano molto di più...io non mi preoccuperei poi molto per i nitrati...basta inserire nella vasca qualche pianta vera e il problema è risolto...

 

Va be...:struggle:

 

Grazie lo stesso...

Link to comment
Share on other sites

Ci sono alcune differenze sostanziali tra pesci e tartarughe.

 

La prima sono le dimensioni.

 

Pensa a quanti acquariofili allevano pesci da 500 g e più.

 

Per avere un'idea, un'Orata di quelle che si prendono al supermercato è di circa 300g.

 

Per noi è praticamente la "fascia minima". Le tartarughe da un Kg e passa sono la norma.

 

E non sono rare quelle da tre e più.

 

L'altro problema è come mangiano.

 

Diverse possono essere abituate a inghiottire i pesci interi.

 

La maggior parte fa un frullato.

 

Altra e forse più importante considerazione.

 

Le tartarughe fanno la cacca dopo mangiato.

 

I pesci la fanno continuamente.

 

Come risultato ci troviamo dei "siluri" da 10 o 15 g, più grossi della maggior parte dei pesci d'acquario.

 

 

Questo cosa comporta?

 

Che il filtro biologico delle tartarughe deve assorbire "un vagone" di ammoniaca in 10 minuti e poi, per un paio di giorni, nulla più.

 

Venire in aiuto al filtro togliendo una decina di litri (un innaffiatoio grande normale) ci permette di aspirare i sedimenti del fondo e, con un po' di fortuna, anche le cacche identificate appena fatte.

 

Gh e Kh non li prendiamo nemmeno in considerazione, anche perchè oltre al calcare dell'acqua ci sono il calcio dei pellets, degli ossi di seppia, la pelle e le piastre della muta.

 

L'NO2 deve essere assente nell'acqua dell'acquedotto e l'NO3 non può superare il limite di 0,25 mg/L.

 

Se vuoi toglierti la curiosità della "fogna" che c'è nelle vasche prova a prendere i valori una decina di minuti dopo aver fatto mangiare le tartarughe.

 

Aggiungo anche che, specialmente per le specie vegetariane, deve essere fatto ogni sforzo possibile per evitare che i residui del cibo intasino il filtro.

 

E anche li una sifonatina ci sta bene.

Link to comment
Share on other sites

cmq se non hai tubature idonee per mantenere i nitrati molto bassi ti consiglio di mischiare l'acqua che cambi con acqua a osmosi!..io faccio solo cambi osmosi perche ho l'acqua di casa inbevibile anche per l'uomo!^_^
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.