Jump to content

Emys orbicularis


sofia

Recommended Posts

Ciao, questo è il mio primo post in questa sezione. Attualmente posseggo due THB, ma al Tartabeach di Cesena ho visto delle Emys e temo di essermi appassionata. Ho però resistito all'acquisto (non so neppure se erano in vendita) però il prossimo anno forse ne acquisterò due piccoline.

Prima però voglio capire se come per le terrestri, è necessario aver uno spazio all'aperto. Infatti questa specie è indigena pertanto deve andare in letargo inoltre da adulta può raggiungere i 20 cm di lunghezza pertanto mi chiedo se ha senso iniziare il loro allevamento in acquettario sapendo di non poter offrire un laghetto all'aperto??? Voi come vi regolate acquistate le piccole e per il futuro Dio Provvederà o vi ponete il problema? Ciaociao!

Link to comment
Share on other sites


In effetti il problema c'è per tutte le tartarughe e per tutti gli animali domestici.

 

Se la risposta è di tenerle solo nel laghetto smettiamo di tenerle:laugh8kb:

 

http://www.tartaportal.it/showthread.php?t=4036

 

A parte che un habitat corretto dovrebbe essere intorno ai 100mt *100.

 

Viste le Baby a Cesena il dubbio è se tenerle in acquario o ...in un bicchiere.

 

Sicuramente farle crescere fino a una decina di cm le mette al riparo dall'80% dei predatori e dai rischi del letargo in giovane età.

 

Per fortuna la necessità dell'irraggiamento solare è compensata dalla dieta carnivora.

 

E' possibile quindi allevarle in casa, cosa rischiosa con le terrestri erbivore.

Link to comment
Share on other sites

Quindi mi sembra di capire che per le acquatiche è generalmente accettata l'impossibilità di allevarle all'aperto, mentre per le terrestri se non hai un giardino ti massacrano subito! Mi sfugge però la differenza!

Questa sezione comincia a piacermi sempre di più!

Per le Emys che tipo di acquario o terraquario mi suggerite? Essendo palustri immagino abbiano bisogno di un habitat particolare. é vero che l'acqua non va riscaldata? Posso tenerle sulla finestra d'estate? Insomma spero che qualcuno abbia voglia di fornirmi l'ABC di base per allevare le tarte palustre europee!! Ciaociao!

Link to comment
Share on other sites

A dire il vero non ho notato grosse differenze rispetto alle Trachemys.

 

L'unica cosa buffa è che amano farsi "portare a spasso" da un'altra tartaruga salendoci sopra, anche in acqua.

 

Sicuramente sarebbe utile avere un'area emersa di grandi dimensioni con un po' di piante.

 

Dato che non le farò andare in letargo perchè avevano preso lo scud ho messo anche a loro un riscaldatore alla stessa temperatura delle Trachemys, quindi 23°.

 

E hanno la loro lampada spot e i tubi UVB.

 

Purtroppo per adesso prati in salotto non riesco a metterne! :laugh8kb:

Link to comment
Share on other sites

Quindi mi sembra di capire che per le acquatiche è generalmente accettata l'impossibilità di allevarle all'aperto, mentre per le terrestri se non hai un giardino ti massacrano subito! Mi sfugge però la differenza!

 

:frown3qg:

Vado contro tutti e contro la moda del momento,

e continuo ad affermare che anche le tartarughe acquatiche NON DOVREBBERO essere detenute in meno di un metro quadrato di vetro, cosa che è l'acquario!

Trovo immorale detenere le tarte in acquario, esattamente come lo è per le terrestri in terrario, come i serpenti, come i pappagallini in gabbiette ecc...

(potrei continuare con un sacco di animali)

 

Credo che sia più accettabile detenere in grooossssi acquari specie piccole e tropicali, che qui da noi non sopporterebbero il gelo invernale, perchè da loro non gela e non vanno in letargo.

 

Tutte le altre dovrebbero essere acquistate SOLO da chi ha un giardino per fargli un ampio recinto e un laghetto adeguato.

 

Mi dispiace di andare contro persone che qui sul forum hanno molti acquarietti e molte tarte,

non è un'offesa personale la mia,

ma RITENGO CHE LE TARTE IN UN ACQUARIO FACCIANO COMUNQUE UNA MISERA VITA,

se pensate ai leghi e fiumi che popolano in natura,

nuotando e camminando anche per diversi km.

 

Perciò smettetela di ragionare solo dal vostro punto di vista,

guardando le vostre esigenza di spazio in casa, e mai le esigenza di spazio dell'animale.

gli animali (tutti) si devono tenere solo se si può ricreare il loro habitat (che non è certo una vasca di 80 cm).

 

Comprati due tartine di specie molto piccole e tropicali,

che in una vasca da 130 cm vivono molto meglio di Emys o le americane,

o non prendere nulla.

Link to comment
Share on other sites

Quindi mi sembra di capire che per le acquatiche è generalmente accettata l'impossibilità di allevarle all'aperto, mentre per le terrestri se non hai un giardino ti massacrano subito! Mi sfugge però la differenza!

 

Le acquatiche sono quasi tutte carnivore, le terrestri quasi tutte erbivore.

 

Hanno bisogno della vitamina D3 per sviluppare le ossa.

 

Le carnivore la prendono dalle prede e la sintetizzano col sole sulla pelle.

 

Le erbivore solo dal sole.

 

Quindi gli serve il sole. Le lampade UVB non sono molto efficaci.

 

In più dove trovi tarassaco ecc ecc in inverno?

 

I latterini e i lombrichi invece li trovi sempre.

 

Ecco perchè le terrestri hanno bisogno di essere allevate all'aperto.

Link to comment
Share on other sites

Anche le acquatiche puoi allevarle all'aperto, ma fondamentalmente non le vedi più se il laghetto è abbastanza grande.

 

Sicuramente per loro è meglio.

 

A parte luglio e agosto però scordiamoci di lasciare fuori le specie africane o asiatiche.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.