Jump to content

Diarrea


Cheepie182

Recommended Posts

Proprio un minuto fa ho riempito la vasca della mia tartatuga (visto che la tengo in una vaschetta a parte per curarle la zampina che si è tagliata) ha fatto la diarrea.

E' di colore marroncino chiaro (quasi beige) e dopo averla fatta ha tirato fuori il suo organo genitale un paio di volte.

Da cosa può essere dovuta?

Potrebbe essere dovuta dal cambio di alimentazione?Due giorni fa ho iniziato a darle da mangiare i latterini (o omini nudi..non ricodo bene il nome)..

Grazie per l'aiuto!!

Link to comment
Share on other sites


Prima le davo i gamberetti freschi..

L'acqua gliela sto misurando ora dato che gliel'avevo appena cambiata.

Si, ho la lampada solo che non nella vasca dove c'è lei.

Praticamente ha bisticcianto con un'altra tartaruga che le ha morso la zampina e per curarla l'ho dovuta mettere in un'altra vaschetta, con riscaldatore e tutto, ma senza lampada.

Link to comment
Share on other sites

Se per gamberetti freschi intendi quelli d'acqua dolcie contiunua pure a darglieli. Se le stai dando qualche medicinale per curare la zampa potrebbe essere quella la causa, sinceramente non ti so dire di preciso cosa può averlo causato, controlla se capita di nuovo.
Link to comment
Share on other sites

Ok, grazie mille per l'interesse :)

Si, i gamberetti sono quelli di acqua dolce..

Per quanto riguarda il medicinale non le do nulla che deve ingerire..le applico solo del betadine diluito sulla zampina per far cicatrizzare più velocemente (sotto consilgio del veterinario)..

Link to comment
Share on other sites

Segui questo per l'alimentazione:

 

 

PESCE: (fresco o decongelato)

· SEMPRE: latterini (o acquadelle), alborelle, triotti, alici, sardine, cefaletti, pesce ghiaccio, gambusie, pesce vivo (come gambusie e guppy)

· A VOLTE: trota, salmone, naselli, pesce persico, merluzzo, platessa, e in generale tutto il pesce d’acqua dolce

 

[i pesci più facilmente reperibili sono i latterini che si trovano nel reparto surgelati dei supermercati!!]

 

CROSTACEI E MOLLUSCHI: gamberetti d’acqua dolce (freschi o decongelati), chiocciole e lumache

 

VEGETALI:

· SEMPRE: radicchio, indivia, tarassaco (dente di leone), trifoglio, cicorie, piante acquatiche (lemna minor, crescione, lattuga d’acqua, giacinto d’acqua)

· A VOLTE: lattuga romana, zucchine, carota, spinaci, rucola, sedano, finocchi, soia (o germogli di soia)

 

INSETTI: camole della farina, lombrichi, grilli, larve di zanzara

 

CARNE: Bianca (pollo, tacchino) o fegatini, con molta parsimonia (1-2 volte al mese)

 

PELLET: Di ottima marca (2-3 volte a settimana le baby, 1 volta le adulte)

 

OSSO DI SEPPIA: da lasciare nella vasca sempre a disposizione (importante per l’apporto di calcio)

 

[tutto ovviamente va dato crudo…]

 

DA EVITARE: insaccati, farinacei e latticini

 

 

- Le baby vanno alimentate tutti i giorni, mentre una volta raggiunte le dimensioni da adulte (10/13cm) si può iniziare il giorno di digiuno, per poi passare ad alimentare la tarta a giorni alterni (o ogni 2 giorni), preferibilmente al mattino

- La quantità di cibo da somministrare è all’incirca uguale al volume della testa della tarta (quella è + o – la dimensione del loro stomaco)

- Le Trachemys sono prettamente carnivore da piccole (ma è buona norma abituarle a mangiare anche vegetali da subito) e diventano onnivore in età adulta (quindi una volta adulte bisogna aumentare la quantità di vegetali)

Link to comment
Share on other sites

Grazie per le info!!

Alle mie tarte somministro un'alimentazione varia..

Non avevo mai provato a dargli i latterini però..ho paura che siano stati quelli a causare la diarrea..

Link to comment
Share on other sites

La metto nella vasca dopo averla lustrata a pennello!!

Non la metterei mai in un posto polveroso o sporco!

Spero che non fossero avariati, per sicurezza non glieli do più e vediamo se si sistema, anche perchè per quello che ho potuto vedere ha avuto un solo attacco di diarrea..

Link to comment
Share on other sites

Forse mi hai frainteso, io intendevo se quando l'hai tolta dalla vasca per cambiare l'acqua potrebbe aver preso un colpo d'aria. Cmq non ti preoccupare daglieli ancora i latterini o in alternativa le alborelle o le gambusie
Link to comment
Share on other sites

In quali alimenti si trovano le fibre?

 

No, non ha preso colpi d'aria..

Forse potrebbe essere stato che magari ho messo l'acqua un pelino più fredda del solito?

Ma a me sembra di aver messo la temperatura di sempre..

Link to comment
Share on other sites

Le fibre le trovi nelle verdure, se leggi la dieta che ti ho dato ti fai un idea delle verdure che devono mangiare, quando cambi l'acqua cerca di metterla a temperatura ambiente e soprattutto deve essere declorata.
Link to comment
Share on other sites

Ecco anche la mia lista dei alimenti, puoi trovare alcuni cibi interessanti da proporre, fai decantare l'acqua per circa 24h-48h così eviti di infiammare le mucose dei occhi:

pesce: da dare sempre: alborelle, cefaletti, acquadelle [Atherina boyeri], Tinca, pangasio, ciprinidi dulcacquicoli come i: cavedani, triotti e le sanguinerole, sono i più indicati; può essere surgelato ma per brevi periodi.

Da dare con parsimonia: trota, salmone [perchè grasso], naselli, pesce persico, merluzzo, platessa, alici, sardine, sarde, pesce ghiaccio e in generale tutti i pesci di acqua salata.

Come pesce vivo: gambusie, guppy, o lebites o pesci milioni [Poecilia reticulata pecilidi centro-sudamericani facilmente reperibili in negozio di acquariologia, con un costo superiore nei ultimi anni], si possono somministrare i comuni pesci rossi [ Carassius auratus] in diverse varietà, i cavedani, i triotti e le sanguinerle [in pescheria, normalmente, non si trovano ciprinidi dulcaquicoli come gli ultimi tre elencati, ma si possono tranquillamente pescare nel rispetto delle leggi, decreti e regolamenti nazionali, regionali e comunali.] e altri.

[i pesci più facilmente reperibili sono i latterini che si trovano nel reparto surgelati dei supermercati, e nelle pescherie freschi!!]

Sono da evitare tutti i prodotti inscatolati, sia sott olio che al naturale.

 

Il pesce deve essere il più fresco possibile, si da con parsimonia il surgelato perché nel surgelamento si perde la vitamina B, importante per la crescita, se non è possibile dare pesci freschi si deve fare un piccolo allevamento di pesci e darli come cibo vivo, di cui però, sopratutto non è facile negli ultimi anni, non è facile trovare esemplari in buona salute per iniziare un piccolo allevamento.

 

- carne: non è un alimento bilanciato, fegato e fegatini (di pollo, coniglio, o altro, si dà 1-2 volte al mese), viene consigliata di dare piccole quantità di

cibo in scatola per cani a basso contenuto di grasso.

 

- verdura:

sempre: tarassaco (dente di leone o soffione), fiori di hibiscus, petali di rosa, malva, ortica, cicoria, cicoria selvatica, radicchio, crescione, e erbe di campo in genere.

Con parsimonia: carota, lattuga romana, erba medica, trifoglio zucchine, rucola, sedano, soia fiori di zucca.

 

Da evitare: Aconito (Aconitum napellus), Alchechengi (Physalis alkekengi), Amarillide (Amaryllis belladonna), Aquilegia (Aquilegia vulgaris), Bella di notte (Mirabilis jalapa), Belladonna (Atropa belladonna) , Canapa (Cannabis sativa), Celidonia (Chelidonium majus), Cicuta (Conium maculatum - Aethusa cynapium - Cicuta virosa), Cocomero asinino (Ecballium elaterium), Colchico autunnale (Colchicum autumnalis), Dafne (Daphne mezereum), Datura (Datura arborea - Datura stramonium - Datura suaveolens), Dieffenbachia (Dieffenbachia spp.), Digitale (Digitalis purpurea), Dulcamara (Solanum dulcamara), Elleboro (Helleborus niger), Fusaggine (Euonymus europaeus),Gigaro (Arum italicum), Ginestra (Spartium junceum), Giusquiamo (Hyoscyamus niger), Glicine (Wistaria sinensis),Lauroceraso (Prunus laurocerasus), Maggiociondolo (Laburnum anagyroides), Mandorlo (Prunus amygdalus), Mughetto (Convallaria majalis), Nicotiana (Nicotiana tabacum), Oleandro (Nerium oleander), Papavero (Papaver somniferum), Peonia (Paeonia officinalis), Pervinca (Vinca minor), Ricino (Ricinus communis), Ruta (Ruta graveolens), Sambuco (Sambucus nigra - Sambucus ebulus), Veratro (Veratrum album), Vischio (Viscum album)

 

Tutte i fiori delle piante selvatiche buone per alimentarsi si usano dare

 

Gli individui piu' piccoli spesso sono molto restii a mangiare verdura e

vegetali, bisogna pero' cercare di abbituarli perche' sono essenziali alla loro

crescita, sopratutto da adulti.

 

- frutta: possibilmente di stagione [molto importanti per alcuni bataguridi asiatici], mele, pere, le arance, le clementine, i mandarini, le albicocche, le ciliege, le fragole, i fichi, i fichi d'india, i mirtilli, le banane, la papaia, il mango, i meloni e i cocomeri; è da somministrare raramente in piccole

quantita' e non troppo spesso.

I petali dei fiori: come le rose, i nastruzi e l'hibisco [sia il rosasinensis sia il syriacus].

Le piante d'acqua: Le elodee, il giaginto d'acqua [Eichhornia crassipes], la riccia fuitans, la lattuga d'acqua [Pistia stratoites], la castagna d'acqua [trapa natans], le lenticchie d'acqua [da non somministrare troppo in gran quantità perchè ricche di ossolati], il crescione comune o d'acqua [nasturtium officinale], ecc... .

Elodea canadensis è tra le più comuni e facilmente reperibile e coltivare [è denominata peste d'acqua], anche il crescione dei prati [cardamine pratensis] può essere utilizzato nella dieta.

 

OSSO DI SEPPIA: da lasciare nella vasca sempre a disposizione anche se quando lo mangiano sporcano molto il fondo (l'osso di seppia è importante per l’apporto di calcio) sia fresco, sia quello per gli uccelli, di seppia fresca [chiedere se ti conservano l'osso di seppia perchè la maggior parte delle pescherie lo buttano] o dare i gusci di lumaca, ma levarlo quando l'ignorano e conservarlo per il futuro.

Per la pulizia di fondo usare un sifone.

 

- pellet: mangime per pesci da laghetto o usare pellets di ottima marca (2-3 volte a settimana le baby, 1 volta le adulte) dei pellets che uso con successo è il raff aqua tata stick (speciale per piccole tartarughe) .

 

DA EVITARE: insaccati come salame prosciutto sia cotto che crudo e evitare wuster, farinacei e derivati tipo pane, pasta, piadina, ecc... e latticini e derivanti del formaggio e latte.

 

In natura o nel laghetto e da fornire nell'acquario è possibile che si nutrino anche di:

 

insetti e le loro larve: grilli [sia marroni e neri], larve di zanzara, lombrich, kaimani, camole della farina o del miele o della cera, tebu, locuste, bachi da seta, insetti stecco, moscerini della frutta e dell'aceto, blatte africane e sudamericane,ecc..., è importante che questi animali se catturati provengano da zone controllate che non siano state trattate con

pesticidi e simili.

Gli altri invertrebati: ci sono i vermi anellidi come i lombrichi facilmente reperibile sul terreno dopo una pioggia o acquistabili in negozi di articoli per la pesca, piccoli vermi anellidi enchitreidi graditi dalle piccole tarte d'acqua e utili per la crescita di kinosternidi [tartarughe del fango e del muschio, ma anche degli emidi e trionichidi che nascono a fine estate].

Esistono due varietà di enchitreidi: quelli lunghi poco più di 1cm [Enchytraeus bucholtzi, conosciuti come verme grindal perchè classificato da madame Grindal in svezia nel 1947] al massino di 2,5 cm [Enchytraus albidus], si possono trovare presso molte associazioni acquariofile ed erpetologiche [sopratutto quelle interessate a piccoli

Da evitare: le larve delle mosche solitamente usate nella pesca comunemente chiamate bigattini, cagnotti, gianin, bachi,, botticelli, ecc...appartengono a specie di ditteri calliforidi [sacophaga carnaria e Lucilia caesar] con abbitudini carnivore: sono pertanto ricche di cataboliti [sostanze di rifiuto] derivate dall'azoto come le putrescine e le cadaverine. Per questa ragione si consiglia di non somministrare bigattini alle tartarughe acquatiche.

Saltuariamente si possono utilizzare mosche adulte, anche appartenenti alla famiglia dei calliforidi, alimentate per qualche ora con zucchero, miele e gelatina di frutta: bisogna avere però la certezza che non siano inquinate da sostanze tossiche o insetticidi o pesticidi.

Inoltre, è meglio non somministrare mai insetti come lucciole: alcune specie nordamericane del genere Photinus sono infatti mortali, per alcuni rettili, anche dopo l'ingestione di un solo esemplare.

Altri insetti contenenti sostanze tossiche o irritanti come cimici delle piante, dorifore delle patate, formiche, vespe, api o bombi potranno far parte dell'alimentazione ma soltanto di tanto in tanto delle tartarughe d'acqua ben acclimatato.

Penso ci sia tutto per adesso.

Per altri alimenti [pesci e altro vedete qui:

http://images.google.it/imgres?imgurl=http://www.pescareonline.it/pesci/pesce-triotto1.jpg&imgrefurl=http://www.pescareonline.it/pesci/specie7.htm&usg=__w7KLfwyZFUmSTPKklkpn9OWT4TE=&h=149&w=280&sz=6&hl=it&start=13&um=1&tbnid=LnOvtMhwbBckoM:&tbnh=61&tbnw=114&prev=/images%3Fq%3Dtriotti%2Bpesci%26um%3D1%26hl%3Dit

Edited by zippo90
Link to comment
Share on other sites

Grazie mille per le informazioni!

Ora leggo le liste e guardo quali nuovi alimenti posso dargli!:embarrasseda:

Per il momento ha avuto quell'attacco e poi basta..speriamo continui così!:embarrasseda:

Link to comment
Share on other sites

Ho visto che non ha più avuto attacchi di diarrea..mangia come sempre ma non ho più notato nulla di strano, speriamo che continui così!!

Grazie per l'interessamento:act-up:

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.