Jump to content

laghetto e molluschi


tinka

Recommended Posts

Salve mi sono appena registrata! Sono nuova sia come utente del forum sia come appassionata di tartarughe! Mia zia aveva comprato due trachemis per mia cugina ma ovviamente le tenevano malissimo, si è scocciata e mia mamma le ha salvate e le ha affidate a me:laugh8kb: Ho anche una pelodiscus sinensis bellissima, è la mia preferita :yes4lo: mi sto documentando su internet, non credevo fosse un mondo così vasto quello delle tartaughe:rolleyes5cz:

Cmq sto pensando di costuirgli un acquaterrario perchè quella vaschetta è orrenda, in futuro vorrei costruirgli anche un laghetto, a proposito di questo, ho letto che ci vuole il filtro anche per il laghetto:shocked7fl: ma ho anche letto che alcuni usano dei molluschi filtranti, mi chiedevo se sarebbe possibile tenere pulito un laghetto solo con tante tante piante e questi molluschi e se si, che molluschi sono? Sono le comuni cozze?:dull8ay::oo7dt:

grazie in anticipo per le risposte :laugh8kb:

Link to comment
Share on other sites


il filtro e' d'obbligo perche' cmq per quanto possano pulire i molluschi, anche loro rilasciano la loro bella sporcizia :)

 

e cmq ricorda qualunque cosa tu metta con le trachemys finira' divorata... ammesso che il laghetto non sia veramente MOOOOOOOOOOOLTO grande

Link to comment
Share on other sites

che brutta notizia:sad9cd:

l'idea del filtro nn mi piace molto... anche perchè nn saprei come costruire il laghetto per sistemarci il filtro dentro:dull8ay:

Link to comment
Share on other sites

Ecco la cozza:

 

http://www.ittiofauna.org/webmuseum/invertebrati/bivalvi/pg_05_big.htm

 

Qualche cosa fa, ma non credo sostituisca il filtro, che deve essere apposta per esterno.

 

Quelli da interno in 4 giorni si intasano.

 

Attenzione con la Pelodiscus, che è meglio non stia con le Trachemys perchè è molto aggressiva.

 

Ciao e benvenuta:welcome:

Link to comment
Share on other sites

ciao grazie dei consigli :rolleyes5cz:

ho letto che le pelodiscus sono aggressive ma per il momento è timodotta, sta sempre sotterrata nella sabbia! Anzi a volte sono le trachemis che la mordicchiano, ma niente di grave... quando la comprai il negoziante disse che potevano stare insieme ma credo che quando cresceranno ci saranno problemi... ma quella cozza poi dove si compra? nn l'ho mai vista prima...

Link to comment
Share on other sites

Conosco gente che alleva e riproduce di tutto da anni senza filtri, ma l'acqua rimane in genere torbida per proliferazione di alghe unicellulari causato dal ciclo nitriti, nitrati .

Per averla trasparente bisogna creare un buon ciclo biologico con un substarto per i batteri che matabolizzano i nitriti e piante che assorbano i nitrati.

L'ideale sarebbe un fondo naturale argilloso perché lì i batteri trovano un terreno ideale, i teli in plastica "facilitano" l'intorbiamento dell'acqua perché sono un substarto sterile, troppo liscio.

Io ho risolto inserendo nella vasca piante in vasi di terracotta riempiti con terriccio argilloso, salici a radice libera ma inserita in vasi capovolti altrimenti le tartarughe se le mangiano e lapilli vulcanici sul fondale.

Le terracotte e i lapilli sono molto porosi e si prestano ad essere colonizzati dai batteri.

Anticamente gettavano i cocci rotti nelle cisterne per depurare l'acqua, per questo la maggior parte delle ceramiche antiche dei musei provengono dalle antiche riserve d'acqua dei castelli e palazzi antichi.

Comunque le tartarughe preferiscono l'acqua torbida, si sentono più al sicuro perché possono nascondersi.

Link to comment
Share on other sites

Dipende da quanto è grande il laghetto.

I mini laghetti da 400 lt non sono autosufficienti, e con le tarte è meglio avere un filtro esterno.

Se il laghetto invece parte da 2-3000 lt, con fondo di terra e sabbia, e qualche pianta palustre, tipo ninfee (che in parte le tarte divorano) inizia ad essere autosufficiente.

Le alghe in laghetto non sono da debellare ma da auspicare, sono ottimi filtri, e lo rendono più naturale.

Chiaramente scordati l'acqua limpida come in acquario!

I bivalvi d'acqua dolce contribuiscono a tenere pulita l'acqua, non so però se le tarte adulte riescano a mangiarle. Ora non ricordo come si chiamino, non certo cozze :)

Le piccole non credo.

Si chiudono ermeticamente appena qualcuno le sfiora e sono molto robuste...

Link to comment
Share on other sites

Beh, le mie vasche da poche centinaia di litri sono autosufficienti, non ho mai cambiato ma solo aggiunto l'acqua ed è limpida.

E' vero però che ora contengono solo pesci che sporcano molto meno delle tarte.

Come ho la luce adatta posto le foto.

Link to comment
Share on other sites

Grazie a tutti per le risposte è davvero molto interessante... E sono contenta del fatto che si può avere un buon laghetto anche senza filtro, non vedo l'ora di sperimentarlo :laugh8kb:
Link to comment
Share on other sites

Un minimo di filtrazione meccanica, secondo me, deve starci.

Conta che conosco due ragazzi che hanno un laghetto enorme (con un ponticello ed un molo di legno, sarà 10 metri per 10 e profondo un metro) ed è verde all'inverosimile. E puzza. Hanno delle carpe da un metro.. e non si riescono a vedere se non quando "saltano" (letteralmente!) fuori a mangiare.

però che ci vuoi fare, è un laghetto. Certo è che più è grosso, meglio è. Ma penso che l'acqua limpida "da acquario", con le tarte soprattutto, sia un'utopia.

Devi solo tenere l'acqua in movimento (anche per l'ossigenazione!), mettere tantissime piante, qualche mollusco filtrante, le gambusie (altrimenti ti trovi piena di zanzare!) e vedi se magari trovi qualche pesciolino fitofago. Se è sufficientemente grande qualcosa sopravviverà :D

Lampade uv servono a ben poco, specie sui laghetti grossi.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.