Jump to content

La mia testudo


ToM

Recommended Posts

Ciao a tutti ecco la mia tarta, che ne pensate ?

( le foto non sono proprio il massimo )

 

http://ghirigori.altervista.org/Photo001.jpg

 

www.tartaportal.it

http://ghirigori.altervista.org/Photo004.jpghttp://ghirigori.altervista.org/Photo006.jpghttp://ghirigori.altervista.org/Photo007.jpghttp://ghirigori.altervista.org/Photo008.jpghttp://ghirigori.altervista.org/Photo009.jpghttp://ghirigori.altervista.org/Photo010.jpghttp://http://ghirigori.altervista.org/Photo011.jpghttp://ghirigori.altervista.org/Photo012.jpg

www.tartaportal.it

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 25
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Ormai sembra che sia proprio femmina :laugh8kb: . Ma è normale che sia lo stesso così aggressiva ? Una volta, circa 2 anni fa, avevo provato ad inserire un'altra tarta nel mio giardino ma nei giorni successivi questa femmina non le dava pace, le mordeva le zampe e la faceva sanguinare. Così ho dovuto allontanare la nuova entrata.. Io penso sia una sorta di difesa del territorio, non c'è un modo per rendere pacifica la convivenza tra 2 tarte? Stavo pensando di tentare un accoppiamento..
Link to comment
Share on other sites

Si sarà trattato di difesa del territorio... bisogna abituarle gradualmente a convivere.

 

Se pensi ad un accoppiamento, è il maschio che solitamente provoca ferite alla femmina, motivo per cui alla fine si separano.

Link to comment
Share on other sites

Si sarà trattato di difesa del territorio... bisogna abituarle gradualmente a convivere.

 

Se pensi ad un accoppiamento, è il maschio che solitamente provoca ferite alla femmina, motivo per cui alla fine si separano.

 

Visto che la mia tarta è femmina e conosco alcune persone che possiedono delle testudo hermanni maschio vorrei farla riprodurre...

Qualche consiglio ? Quanto tempo dovrei tenerle assieme? Quando devo dividere un maschio dalla femmina, contando che i morsi sono normali durante l'accoppiamento ?

Link to comment
Share on other sites

L'unico consiglio che mi sento di darti... e di essere sicuro della tarta che ti fai prestare, per evitare che la tua si becchi qualche malattia anche in incubazione.

 

Per il resto, non avendo esperienza, spero ti arrivi presto qualche risposta :)

Link to comment
Share on other sites

i morsi sono normali ma ci sono le tarte che mordono senza ferire e quelle che sbranano.

E in una ferita, anche se piccola, le mosche carnarie ci vanno a nozze.

***

In genere si tengono assieme una settimana a fine estate o in autunno a secondo delle zone climatica e poi si fa un "richiamo" a primavera, dopo che si sono riprese dal letargo. E' gia' un tempo comodo: puo' bastare anche mezza giornata + mezza giornata, a seconda del maschio.

 

Cerca di NON prendere un maschio che vive in un porto di mare ne' un maschio gigolo', altrimenti la tua tarta si puo' beccare facilmente qualche malattia mortale.

Il pericolo esiste anche con i maschi che sono sempre stati zitelli, ma e' molto meno probabile.

Link to comment
Share on other sites

i morsi sono normali ma ci sono le tarte che mordono senza ferire e quelle che sbranano.

E in una ferita, anche se piccola, le mosche carnarie ci vanno a nozze.

***

In genere si tengono assieme una settimana a fine estate o in autunno a secondo delle zone climatica e poi si fa un "richiamo" a primavera, dopo che si sono riprese dal letargo. E' gia' un tempo comodo: puo' bastare anche mezza giornata + mezza giornata, a seconda del maschio.

 

Cerca di NON prendere un maschio che vive in un porto di mare ne' un maschio gigolo', altrimenti la tua tarta si puo' beccare facilmente qualche malattia mortale.

Il pericolo esiste anche con i maschi che sono sempre stati zitelli, ma e' molto meno probabile.

 

Ma se il maschio, essendo della stessa specie della mia tartaruga, è vivo come può trasmettere alla mia tarta una malattia mortale?

Link to comment
Share on other sites

ne' piu' ne' meno come fece Cristoforo Colombo quando ando' nelle americhe.... ci fu uno scambio "inter-culturale" di malattie.

 

Popolazioni diverse sviluppano resistenze diverse alle malattie. La tua tarta che abita a Brescia ha probabilmente origini diverse da un'altra tarta che e' attualmente tenuta a Brescia.

Aggiungi il fatto che in buona parte dell'Italia, e in modo particolare al nord, ci sono una marea di epidemie fra le tartarughe.

 

Il problema ha 2 perni:

1) le malattie nelle tartarughe possono avere incubazione molto lunga (=prima di vedere i sintomi di malattia possono passare anni anche se sono malate da subito)

2) esistono i portatori sani. Vale a dire animali che non soffrono della malattia che hanno addosso ma sono in grado di trasmetterla ad altri animali che non sono protetti da difese immunitarie.

 

Avendo solo una tartaruga e volendo fare la coppia si e' obbligati a correre il rischio. Pero' occorre fare in modo che il rischio sia il piu' piccolo possibile.

Quindi non solo maschi apparentemente sani, ma anche NO maschi gigolo', NO maschi che vengono da allevamenti dove le tarte entrano ed escono, NO maschi che vengono da allevamenti dove le tarte di provenienza diversa sono tenute mischiate.

 

E anche osservando SCRUPOLOSAMENTE tutti i NO NO, incrocia le dita. Perche' rimane un rischio.

Link to comment
Share on other sites

Ma come potrei controllare se il maschio ha delle malattie ?

Ho anche un altro problema : se il proprietario dell'altra tarta non fosse provvisto di cities, potrei lo stesso regolarizzare i nuovi nati ?

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now




×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.