Jump to content

Dimensioni Terrari e Terracquari


pminotti

Recommended Posts

Questo è il regolamento della Regione per i terrari e i terracquari.

 

 

REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE (PROVINCIA DI BOLZANO)

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 11 luglio 2005, n.31

Regolamento di esecuzione in materia di protezione degli animali.

(GU n. 50 del 17-12-2005)

(Pubblicato nel suppl. n. 1 al Bollettino ufficiale della Regione Trentino-Alto Adige n. 37 del 13 settembre 2005)

 

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

 

Vista la deliberazione della giunta provinciale n. 2187 del 20 giugno 2005;

 

Emana

il seguente regolamento:

 

Omissis

 

Art. 22.

Rettili e tartarughe

1. I rettili vanno detenuti in maniera adeguata alla specie e la loro alimentazione deve essere diversificata. La struttura e le dimensioni del terrario vanno adeguate alla grandezza, alle necessita' di movimento e alle eventuali esigenze comportamentali degli animali ivi detenuti. Gli stessi devono avere la possibilita' di appartarsi in zone del terrario non esposte allo sguardo dei visitatori. L'attrezzatura del terrario deve essere adeguata alle abitudini di vita degli animali ivi presenti.

2. Le tartarughe di terra devono disporre di una superficie, la cui lunghezza e larghezza vanno calcolate moltiplicando, rispettivamente, per almeno otto volte e per almeno quattro volte la lunghezza della corazza della tartaruga piu' grande. A partire da cinque animali, la superficie di cui sopra deve essere maggiorata del 20 per cento per ogni ulteriore animale presente. La zona acquatica delle tartarughe di palude deve presentare una lunghezza ed una larghezza pari, rispettivamente, ad almeno cinque volte e ad almeno tre volte la lunghezza della corazza della tartaruga piu' grande. Deve essere disponibile una superficie di terra sufficientemente ampia da consentire una completa asciugatura della corazza degli animali presenti. La profondita' dell'acqua deve essere almeno pari al doppio dell'altezza della tartaruga piu' grande.

 

 

Omissis

Dei miei 4 ne vanno bene tre, ma scambiando le Trachemys con le Ocadie andrei a norma, almeno finchè le altre non crescono.

Link to comment
Share on other sites


ma ciò vale anche x i privati di tutta italia?

a parte il fatto che se fanno un controllino qui nei dintorni nessun commerciante è a norma....

Link to comment
Share on other sites

A questo punto scordiamoci gli acquari sulle mensole, che al massimo sono 40 cm.

 

O abbandoniamo l'allevamento delle Trachemys.

 

Non sono nemmeno esagerati come limiti.

 

Ci vorrà un po' di fantasia però!

Ho visto in un ristorante cinese un tavolo da pranzo-acquario!:laugh8kb:

 

In compenso scordiamoci di allevare Terrestri tropicali in casa perchè 160* 80 sono veramente tanti.

Link to comment
Share on other sites

Per adesso è il Trentino.

 

Indubbiamente per i Commercianti è un problema.

 

Potrebbe essere, finalmente, la fine delle vaschette con la palmetta.

Link to comment
Share on other sites

p.s. se io metto l'acqua al doppio dell'altezza della mia tarta ci rimane secca O_O

 

la bonta' di una legge la si vede guardando i dettagli.......

Link to comment
Share on other sites

ma cosè una legge o una presa per i fondelli?

mi faccio un ipoteca per pagare la multa.

al dragone gli metto il separè per stare in privato,a far che non so.

alle sternotherius gli devo mettere il doppio dell acqua con dei salvagenti.

alla pelodiscus...èh come si fa a calcolare che sta interrata tutto il giorno?

alla chelodina gli costruisco una piscina olimpionica.

alla grapemys e la trachemys forse sono a posto.

 

domanda io voglio 6 trachemys dunque per legge deve essere lungo 125 e largo 75.

stanno piu larghe le sardine

Link to comment
Share on other sites

allora...facciamo un calcolo... per essere in regola la mia tarta di 5 cm di carapace dovrebbe avere quindi un acquario 25 x 15... con l'acqua alta almeno il doppio di lei...

c'e' un regolamento anche sulla lapide?

Link to comment
Share on other sites

anche io ho le tarte sui 5cm ora, già fanno fatica con 5 cm a risalire la zona emersa, figuriamoci se l'acqua è a 10cm.. mah

cmq penso che queste leggi vanno prese con ponderazione e in base al nostro buon senso. non penso che dal nulla arrivi un tizio a controllare che l acquario sia a norma

Link to comment
Share on other sites

E' una magnifica dimostrazione del vecchio detto

 

 

"Le vie dell'inferno sono lastricate dalle buone intenzioni"

E anche un esempio di come si fanno le leggi in questo benedetto paese.

 

Spesso senza sapere nulla dei problemi e servendosi di esperti tali solo di nome.:oo7dt:

Link to comment
Share on other sites

domanda io voglio 6 trachemys dunque per legge deve essere lungo 125 e largo 75.

stanno piu larghe le sardine

mi pare che a partire dai 5 animali bisogna aggiungere 20 cm per ognuno di essi..

hanno pensato a tutto !!:laugh8kb::laugh8kb:

quindi non ti preoccupare!! allaga solo casa!:yes4lo:

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

....non è una legge fatta proprio in modo stupendo però è vero che una legge non può mettersi a fare l'elenco di tutte le specie e sottospecie con particolarità ....diciamo che è una linea guida che se applicata impedisce per lo meno le vaschette con le palmette e tanti altri obrobri.....

...

Link to comment
Share on other sites

....non è una legge fatta proprio in modo stupendo però è vero che una legge non può mettersi a fare l'elenco di tutte le specie e sottospecie con particolarità ....diciamo che è una linea guida che se applicata impedisce per lo meno le vaschette con le palmette e tanti altri obrobri.....

...

 

se e' impossibile determinare le necessita' di ogni specie, la legge DEVE evitare di dire stupidaggini.

 

Qui stiamo parlando di leggi. Non di filosofia. Se qualcuno arriva con un centimetro si e' in torto marcio per non aver fatto andare le tarte in malora. Che, alla fine, questo e' il succo.

 

E torniamo a quello che diceva Paolo. Se il legislatore non ne capisce un tubo, che eviti di promulgare baggianate

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

azzolina :shocked7fl:...!!

Ehm.... io sto proprio in alto trentino, mi sto organizzando per fare artigianalmente un terracquario definitivo anche se non c' è fretta visto che le mie trachemys sono ancora piccine. Avevo in mente di farlo 100x50, max 120x50, di piu' non posso. Ma va a sapere quanto cresceranno :eek4wd:, per principio ecludo il fatto di darle via se non sono esattamente nei parametri della legge.

 

Mi metteranno in una cella larga 3 volte il mio esile punto vita :rofl8yii:?

 

Mah, vi farò sapere in un prossimo futuro....

 

Tra il resto mi domandavo.... anche se potessi fare un laghetto, le trachemys sopporterebbero i rigidi inverni? 2 anni fa si sono raggiunti per pochi giorni i -20 gradi :shocked7fl:!

Link to comment
Share on other sites

ah :rolleyes5cz:, scusate ho letto male! L' acquaterrario deve essere 5 volte piu' lungo di quella piu' grande, se proprio non mi sfiorerà i 30 cm dovrei essere a posto :yes4lo:.
Link to comment
Share on other sites

ok. se sono maschi mi basta un acquario, in caso diverso allagherò la casa e io starò nelle parti più in alto, nella zona emersa.

 

è esagerato generalizzare così, per esempio se uno ha una mata mata e non ha la zona emersa, e arriva il furbacchione che ti fa la multa... sai di scartoffie quanto ci vorrà prima di venirne fuori?

 

però almeno, una base c'è. speriamo però che mettano i cosìddetti puntini sulle i.

Link to comment
Share on other sites

CITO:

"Le tartarughe di terra devono disporre di una superficie, la cui lunghezza e larghezza vanno calcolate moltiplicando, rispettivamente, per almeno otto volte e per almeno quattro volte la lunghezza della corazza della Tartaruga piu' grande. A partire da cinque animali, la superficie di cui sopra deve essere maggiorata del 20 per cento per ogni ulteriore animale presente. La zona acquatica delle tartarughe di palude deve presentare una lunghezza ed una larghezza pari, rispettivamente, ad almeno cinque volte e ad almeno tre volte la lunghezza della corazza della Tartaruga piu' grande. Deve essere disponibile una superficie di terra sufficientemente ampia da consentire una completa asciugatura della corazza degli animali presenti. La profondita' dell'acqua deve essere almeno pari al doppio dell'altezza della Tartaruga piu' grande."

 

Ragazzi, la norma non mi sembra del tutto peregrina se non nel numero degli esemplari per recinto, solo va letta con attenzione.

Uso l'esempio che avete proposto: trachemys di 5 cm. L'acquaterrario dovrà avere dimensione 40 (5cm x 8) x 20 (5cm x 4) con una zona acquatica grande almeno 25 (5cm x 5) x 15 (5cm x 3), fermo il limite che la zona asciutta debba consetire per grandezza, la possibilità che la piccola possa stare all'asciutto, forse a sventare scenografie troppo artistiche che imperdirebbero agli animali di stare all'asciutto pur rispettando i parametri.

Questo dando per scontato che se la lunghezza della piccola è 5cm l'altrezza sarà al massimo 2/2,5cm, cosicché l'altezza dell'acqua non supererà i 5cm.

A meno di non voler confondere le misure delle tartarughe o misurarne l'altezza tenendole in verticale, le misure proposte dalla normativa non mi sembrano malvagie.

Dando ancora per scontato che l'allevatore tartamante si premunirà di dotarsi di recinti di misura idoea di tanto in tanto, senza la pretesa di variarne la grandezza a ogni misurazione, quel che mi lascia perplesso è la possibilità che in detti spazi possano convivere comodamente fino a quattro esemplari, facendo scattare un aumento di superficie solo dal quinto e non magari dal secondo o terzo come avviene per altre specie.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.