Jump to content

L'istinto rimane?


Recommended Posts

Ho comprato un mese fà una tartaruga di circa 2-3 anni che non ha mai fatto un letargo in vita sua. Quest'anno dato che ho un bel giardino volevo farglielo fare. Ma ha ancora l'istinto del letargo? non è che si era abituata a fare la bella vita in un terraio d'estate e ora non scava più? :p
Link to comment
Share on other sites


non ti preoccupare quando la temperatura esterna si abbassa sotto i 10° è naturale x le tarta andare in letargo!

basta farle un riparo x l'acqua e il freddo o puoi farle fare il letargo anche in cantina in una scatola purchè la temperatura è sempre sotto i 10° altrimenti xchè se è superiore le tarta soffrono e sprecano energie

Link to comment
Share on other sites

Si! Quoto quanto detto da Marisole! sotto gli 8°! Poi se sono all'aperto ancge con altre temperature si regolano da sole.
Link to comment
Share on other sites

anch'io ho lo stesso problema, ho una tarta che non ha mai fatto il letargo, ma quest'inverno glielo farò fare, e avevo paura che non essendo abituata non lo facesse

ma ho letto che non è una questione di istinto, è una reazione spontanea, sotto i 10° il loro apparato digerente cessa tutte le funzioni, smettono di cibasi e cadono nel letargo

Link to comment
Share on other sites

Più che altro il mio problema non è che fisiologicamente cada in letargo ma che sia in grado di scavarsi una buca sufficentemente profonda, che sappia alimentarsi a sufficenda giorni prima del letargo ma non troppo che non riesca a digerire prima, idem per l'acqua ecc...

Insomma son preoccupato che abbia poca esperienza al riguardo

Link to comment
Share on other sites

secondo me basta il loro istinto x tutto! anche x il cibo quando si abbassa la temperatura loro non hanno voglia di mangiare anche se glielo dai... magari quando ti regoli che sta x arrivare l'inverno freddo non mettere + cibo e fagli un bagnetto nell'acqua calda x facilitare l'evacuazione
Link to comment
Share on other sites

Più che altro il mio problema non è che fisiologicamente cada in letargo ma che sia in grado di scavarsi una buca sufficentemente profonda, che sappia alimentarsi a sufficenda giorni prima del letargo ma non troppo che non riesca a digerire prima, idem per l'acqua ecc...

Insomma son preoccupato che abbia poca esperienza al riguardo

 

mica fanno i corsi le tarte!! icon10.gif

Se sono all'aperto tu non devi preocuparti di niente!!!!! Proprio nulla... Non mangiano di piu' prima del letargo, come le temp si abbassano smettono di cibarsi, l'importante è che tu non gli sventoli in cibo davanti!

X il fatto di sotterrarsi, le mie si parcheggiano in un angolo e basta, non scavano x niente!

Link to comment
Share on other sites

.........magari quando ti regoli che sta x arrivare l'inverno freddo non mettere + cibo e fagli un bagnetto nell'acqua calda x facilitare l'evacuazione

 

Meglio id no..... se fai il bagno tiepido, le riscaldi e si "svegliano"

Link to comment
Share on other sites

la tieni già in giardino, vero?

vedrai che la natura farà le cose per bene.

tu accertati che non possa venire disturbata dai topi che potrebbero farle dei danni mentre dorme.

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Scusate se mi inserisco.

Anche io ho un THH da poche settimane, è un esemplare di un anno, e la tengo in giardino.

Ho riflettuto parecchio e la mia idea è quella di tenerla in giardino per il letargo.

Per quanto riguarda la difesa da topi, che mi sembra di capire essere il maggior rischio, ho pensato di interrare un pozzetto di cemento 40x40 fissando della rete nel fondo e della rete nella superfice esterna sino ad arrivare fuori dalla terra (ovviamente chiusa sui quattro lati e anche sopra.

Pesavo poi di riempire il buco con del terriccio, foglie secche e paglia.

Secondo voi potrebbe essere un buon metodo questo?

nb.: il "bunker" così creato potrebbe, in primavera, essere dotato di un'apertura adeguata in modo che poi la tarta potrebbe sfruttarlo per dormire tutti i giorni.

Link to comment
Share on other sites

Scusate se mi inserisco.

Anche io ho un THH da poche settimane, è un esemplare di un anno, e la tengo in giardino.

Ho riflettuto parecchio e la mia idea è quella di tenerla in giardino per il letargo.

Per quanto riguarda la difesa da topi, che mi sembra di capire essere il maggior rischio, ho pensato di interrare un pozzetto di cemento 40x40 fissando della rete nel fondo e della rete nella superfice esterna sino ad arrivare fuori dalla terra (ovviamente chiusa sui quattro lati e anche sopra.

Pesavo poi di riempire il buco con del terriccio, foglie secche e paglia.

Secondo voi potrebbe essere un buon metodo questo?

nb.: il "bunker" così creato potrebbe, in primavera, essere dotato di un'apertura adeguata in modo che poi la tarta potrebbe sfruttarlo per dormire tutti i giorni.

 

:) se prevedi la rete sul fondo non e' un pozzetto, ma un "anello" o una "prolunga"

 

Si' il sistema va bene, ma NON la devi coprire con terra e terriccio. Regola d'oro..... si interrano loro e loro soltanto; noi la copertina in piu' la facciamo con le foglie secche.

La paglia si preferisce evitarla perche' sembra essere irresistibile per molti topi .

 

n.b. A parziale correzione di quanto scritto prima, nei luoghi freddi ci si affida, si', all'istinto delle tarte, pero', per giusta sicurezza si aumentano gli isolamenti aggiungendo foglie e, dove sono previsti sottozero, anche tessuto non tessuto (MAI plastica)

 

Ottimi rifugi sono anche quelli fatti con il legno. Che vanno bene sia nei climi freddi che in quelli caldi (nei climi caldi si lotta contro l'innalzamento delle temperature ovviamente... ;)

Link to comment
Share on other sites

Ho riflettuto parecchio e la mia idea è quella di tenerla in giardino per il letargo.

 

hai approfondito il concetto del digiuno preletargo?

E' un punto molto importante.

 

Ci sono stati autunni balordi anche dalle vostre parti negli ultimi anni

Link to comment
Share on other sites

hai approfondito il concetto del digiuno preletargo?

E' un punto molto importante.

 

Ci sono stati autunni balordi anche dalle vostre parti negli ultimi anni

 

 

Da quello che ho imparato leggendo, correggimi se sbaglio, le tarta si accorgono del sopraggiungere dell'inverno diventando atipiche e smettendo di mangiare volontariamente.

Io penso che arrivato il momento questo forum "pullulerà" di riscontri di temperature e di consigli nello smettere di dar da mangiare alle nostre tarte.

Insomma, confido su di voi !!!!!!!:beauty:

Link to comment
Share on other sites

Da quello che ho imparato leggendo, correggimi se sbaglio, le tarta si accorgono del sopraggiungere dell'inverno diventando atipiche e smettendo di mangiare volontariamente.

 

a volte ci sono autunni piu' caldi della media che diventano bruscamente inverni.

In questo caso le tarte mangiano praticamente fino a qualche giorno prima di avere temp da letargo. Ed e' un pasticcio.

 

Io penso che arrivato il momento questo forum "pullulerà" di riscontri di temperature e di consigli nello smettere di dar da mangiare alle nostre tarte.

Insomma, confido su di voi !!!!!!!:beauty:

 

:D poco ma sicuro!

 

L'importante e' sapere che e' necessario svuotare l'intestino. E seguire le info facendo riferimento a chi ha esperienza e vive in clima analogo.

In italia abbiamo la tipologia "clima freddo" e quella "clima caldo" e hanno avvertenze decisamente diverse e, a volte, persino in antitesi.

Edited by anna emme
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.