Jump to content

accoppiamento con tarta finta!!!


Recommended Posts

ciao a tutti...ieri ho notato che la mia tarta ha fatto la danza di accoppiamento alla tartarughina di marmo che ho portato da Santo Domingo e che ho messo nel suo acquario....poi come se non bastasse è salito sopra da dietro e stava lì come se volesse accoppiarsi, mi ha fatto un po pena perche vederva che la sua innamorata non reagiva e stava immobile!!

 

é possibile tutto qusteo oppure ho sto solo vaneggiando con la mia mente contorta??

Link to comment
Share on other sites


Perchè non gli prendi una femmuinuccia???

Magari quella tartarughina di marmo è la copia di una bellezza femminile...:)

Link to comment
Share on other sites

é possibile tutto qusteo oppure ho sto solo vaneggiando con la mia mente contorta??

:yes4lo: :yes4lo: :yes4lo: :yes4lo: :yes4lo: :yes4lo: :yes4lo: :yes4lo: :yes4lo: :yes4lo: :yes4lo: :yes4lo:

Link to comment
Share on other sites

ciao... mi è successa quasi la stessa cosa....ma dato che la mia ha 3 anni mi hanno detto che il sesso non si può ancora vedere con chiarezza... allora non so che dire...potrebbe essere anche una femmina...ma io credo che sia un maschio se è proprio salito sopra la statuina..quanti anni ha?
Link to comment
Share on other sites

La statuetta è nell’acqua?

Se si toglila perchè appesantisce l’acqua e causa infezioni al bulbo oculare

 

Comunque per l’accoppiamento è una cosa strana ma possibile a me una tarta femmina di trachemys scripta elegans ha scavalcato il recinto per accoppiarsi con una marginata

Chiaramente non sono riuscite

Link to comment
Share on other sites

Sei sicuro che non ci si è solo appoggiato sopra?

 

Ha estratto il pene?

 

Mi sembra strano che faccia una cosa del genere con un sasso, visto che non emette ferormoni e non reagisce alle sollecitazioni.

 

 

Concordo con Andrea sul fatto che sia meglio non mettere oggetti del genere in un acquario. Alla tarta non serve a nulla e è possibile che inquini l'acqua.

 

A proposito, di che cos'è fatta?

Link to comment
Share on other sites

Se di plastica per acquari no, quelle di stoffa e di plastica per ambienti è meglio evitare che di sicuro "lasciano giù" colle, colori ecc ecc.
Link to comment
Share on other sites

La terracotta no, perchè è argilla cotta.

 

Per il marmo, può effettivamente aumentare la durezza dell'acqua, creando problemi a pesci sensibili.

 

Alle tartarughe non direi, però è sicuramente inutile.

 

Sicuramente da evitare oggetti metallici o in plastica non espressamente atossici.

Link to comment
Share on other sites

E' una di quelle cose che ogni tanto si leggono, ma mi lascia perplesso per due motivi.

 

  1. Le tartarughe hanno bisogno di calcio, e spesso la durezza dell'acqua arriva oltre 20 dGH dopo aver messo l'osso di seppia.
  2. La durezza dell'acqua è data da sali disciolti e composta da particelle infinitamente più piccole di quelle in sospensione nell'acqua fangosa, e poi le tartarughe hanno le membrane nittitanti per quando usano gli occhi sott'acqua.

Quasi sempre le irritazioni degli occhi sono dovute a carenza di vitamina A, infatti le curiamo con quella o con le carote, o sono dovute ad infezioni batteriche.

 

Sicuramente l'eccessiva durezza dell'acqua crea problemi a pesci come i neon, mentre i Guppy stanno benissimo e non si riproducono in acque troppo dolci.

 

E' comunque il caso di tenerla al massimo tra i 14 e i 15 dGH, a meno di avere Ampullarie, perchè se no ci si riempe di macchie di calcare.

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

salve a tutti, avete 1 o 2 tartarughe machio di trachemys scripta scripta da fare accoppiare con 2 faemmine di trachemys scripta scripta?

 

grazie

...sofy

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.