Jump to content

piramidalizzazzione


ludovico

Recommended Posts


la piramidalizzazione è quando il carapace di una tartaruga non cresce uniformemente ma bensi come singole piramidi, praticamente le singole piastre che formano il carapace, crescono in altezza, questo succede solitamente quando l'alimentazione è sbagliata, troppo ricca di proteine.
Link to comment
Share on other sites

la piramidalizzazione è quando il carapace di una tartaruga non cresce uniformemente ma bensi come singole piramidi, praticamente le singole piastre che formano il carapace, crescono in altezza, questo succede solitamente quando l'alimentazione è sbagliata, troppo ricca di proteine.

 

 

aho non starai a stufà oggi??:D

cmq quoto!!

l'unica prevenzione è l'alimentazione!!

Link to comment
Share on other sites

Già, l'unica forma di prevenzione è una corretta alimentazione.

Sul web ci sono foto di tarte allevate a carne e latte...da rabbrividire :(

Link to comment
Share on other sites

Anche un'alimentazione giusta,ma troppo abbondante,favorisce la piramidalizzazione...

e anche gli spazi hanno la loro importanza...

le tartarughe hanno bisogno di ampi spazi,quelle cresciute in terrario,quindi in spazi ristretti,pur mangiando cose corrette,ma abbondanti..cresceranno piramidalizzate.

Link to comment
Share on other sites

Anche un'alimentazione giusta,ma troppo abbondante,favorisce la piramidalizzazione...

e anche gli spazi hanno la loro importanza...

le tartarughe hanno bisogno di ampi spazi,quelle cresciute in terrario,quindi in spazi ristretti,pur mangiando cose corrette,ma abbondanti..cresceranno piramidalizzate.

 

Buono a sapersi Biby, non l'avevo mai sentito...

Ma che nesso ci sarebbe tra lo spazio e la piramidalizzazione, lo scorretto assorbimento delle sostanze contenute nel cibo o la mancanza di movimento o altro?

Link to comment
Share on other sites

per me non è il movimento, probabilmente in natura reperirebbero molto molto meno cibo di quello che un tartappasionato gli da tutti i giorni della sua vita, quindi anche se è un alimentazione "corretta" non sara mai come in natura quando è costretta a trovarselo da sola!
Link to comment
Share on other sites

Buono a sapersi Biby, non l'avevo mai sentito...

Ma che nesso ci sarebbe tra lo spazio e la piramidalizzazione, lo scorretto assorbimento delle sostanze contenute nel cibo o la mancanza di movimento o altro?

in pratica,quello che diamo noi,per loro è sempre troppo!!

in natura poi percorrono km,in uno spazio ristretto,mangiano e dormono...

io purtroppo ho una tartaruga che è piramidalizzata solo per questo motivo....sembra sia stata alimentata a carne e formaggio.

Link to comment
Share on other sites

la piramidalizzazione non dipende solo dall'alimentazione.

sicuramente è un fattore importante, ma non meno della corretta illuminazione (UVB a sufficienza) e corretta umidità.

giustissimo!!!!

non avevo pensato a quelle allevate in terrario dentro casa....ma soltanto a quelle allevate all'aperto...molto importante è la corretta esposizione ai raggi solari fuori...e dentro con le giuste lampade.

il rischio piramidalizzazione c'è per tutte e non dipende solo ed esclusivamente dall'alimentazione.

Edited by biby
Link to comment
Share on other sites

Ciao Biby, ciao Danilo :wave:

 

 

Posto una lettera pubblicata su Testudo Magazine n.4 (già postato su TCI)

Reputo l'esperimento molto interessante,

(anche se fatto nel breve periodo).

Pubblico con la gentile concessione di Andrea Franzoi

 

 

Ciao Andrea,

vorrei una informazione in merito alla annosa questione della piramidalizzazione del carapace:ho degli animali perfetti ed altri con bozzi più o meno evidenti.Specifico che quelle “di famiglia”,con noi da decenni,sono perfettamente liscie,nonostante anni di alimentazione sbagliata a base di avanzi di cucina,pane,carne,cibo x cani ,insalate del supermercato.Le loro figlie,invece,alimentate nello stesso modo sono ,chi più chi meno, piramidalizzate,anche se non in maniera clamorosa come certi esemplari che si vedono pubblicati in rete.Da quattro anni seguo il tuo vecchio consiglio di dar loro solo erbe selvatiche e ,piuttosto che sovralimentarle,lasciarle a digiuno.Devo dire che i piccoli sono molto più lisci dei loro fratelli maggiori,anche se non tutti:di sicuro la situazione è migliorata.Sono stati fatti studi più recenti per scoprire le cause di questo inestetismo ?

Matteo (TV)

 

Ciao Matteo,

questa volta ti rispondo tramite la rivista,visto che l’argomento trattato è di interesse generale.

Gli animali perfettamente lisci,di solito,sono vecchi esemplari di cattura che vivono nei nostri giardini da tempi…immemorabili.Quelli nati in cattività spesso presentano delle irregolarità del carapace.La causa più frequente è la sovralimentazione ed i cibi non adatti.Negli ultimi anni sono stato in contatto con un ricercatore tedesco ed abbiamo condotto assieme degli “esperimenti”,lui in maniera scientifica,io,ovviamente,in maniera più empirica,allevando gruppi di giovani con alimentazioni diverse e su substrati diversi , con umidità e temperature differenti per ciascun gruppo durante il primo inverno,passato in terrario.I risultati ottenuti sono stati in alcuni casi sorprendenti.

Gli esemplari che hanno fatto il letargo all’aperto il primo anno sono nettamente i più lisci,sani ,e con una mortalità praticamente nulla.Seguono quelli alimentati correttamente solo con erbe di campo ed allevati in un terrario molto grande con diversi gradienti di temperatura ed un angolo costantemente umido.Molto simili gli esemplari allevati nelle medesime condizioni ma alimentati con insalate e radicchi in maniera abbondante,forse perché lo scarso valore nutritivo di questi alimenti non causa i problemi dovuti all’overfeeding.Tre esemplari sono stati nutriti spesso con alimenti considerati nocivi,quali carne e pasta ed allevati in terrario umido,altri tre alimentati nello stesso modo li ho allevati in terrario con substrato di sabbia e terra.Le differenze sono clamorose:quelli allevati nel terrario umido sono perfetti mentre quelli mantenuti in ambiente secco già alla primavera successiva apparvero con leggere ma irreversibili deformazioni.

Ormai le prime Thb e Thh oggetto dello studio hanno 3 anni, quest’anno le ho riunite tutte assieme,interrompendo l’esperimento e mi sento di poter affermare un cosa senza timore di smentita,suffragata anche da vari confronti avuti con altri allevatori:l’umidità,o ,meglio ,la possibilità di potersi interrare in zone umide sono un toccasana per i nostri animali,spesso allevati in ambienti troppo secchi ed aridi .Da quando ho lasciato a disposizione delle tartarughe un cumulo di erba e foglie marcescenti in giardino ,queste vi passano interrate la maggior parte del tempo,persino le Testudo marginata,che ,anzi,non hanno più avuto il minimo scolo nasale.

Conclusione:diamo alle nostre tartarughe terrestri la possibilità di scegliere l’ambiente che più preferiscono,dotiamo il recinto di un angolo molto umido e,soprattutto,non facciamo più passare loro il primo anno in terrario.Così facendo probabilmente assicureremo loro una vita più sana ed un carapace più liscio.

AF

Link to comment
Share on other sites

Senza fare tanti esperimenti bastava leggersi :

 

Tartarughe Beach - Documenti - Dr. Andy C. Higfield

Tartarughe Beach - Documenti - Dr. Andy C. Higfield

 

Inoltre Discussione:Testudo kleinmanni - Wikipedia

 

Comunque ho esemplari di specie e sottospecie differentinati nello stesso anno che allevo nella stassa maniera e il carapace si sviluppa in modi differenti, ho una Graeca di una perfezione assoluta a una Boettgeri leggermente piramidalizzata, entrano in gioco svariati fattori, tra cui una certa predisposizione.

 

 

Quanto al raffreddore della marginata il 17/09/2007 scrivevo su http://www.tartaclubitalia.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=8655&SearchTerms=,marginata,scolo,

 

E stato osservato che alle Kleinmanni il muco nasale appare con tasso di umidità relativa dell'aria molto basso.

Nelle loro zone di origine non piove mai, ma la notte l'umidità dell'aria sale al 90%, e all'alba è ancora ben alta, la loro attività è solo mattudina o serale e con il sole alto si riparano profondamente in tane con umidità dell'aria molto alta mentre fuori con il sole l'umidità scompare quasi del tutto.

 

Le Marginata sono filogeneticamente contigue e ho notato che con tassi di umidità molto bassi di lungo periodo possono avere lo scolo nasale.

Fino ai primi di settembre il clima nel centro Italia è stato molto secco e caldo e una mia marginata ha presentato uno scolo persistente per un mese.

Poi in una giornata di leggera pioggia e aumento generale di umidità nell'aria lo scolo è sparito come per incanto.

Da piccolo ia madre per farmi sparire un banale raffreddore metteva una pentola piena di acqua sul fuoco e mi faceva respirare per molto tempo il vapore acque, il raffreddore spariva.

La stassa cosa mi accade ora quando vado in piscina, se sono raffreddato, l'ambiente saturo di vapore me lo fa sparire.

Link to comment
Share on other sites

Non credo tutti leggano su Tarta Club Italia al quale fai sempre riferimento :yawn2:

Il mio era un contributo come un' altro.

 

a presto Massimo

Link to comment
Share on other sites

Quindi da quello che ho capito se sono all'aperto e con una buona alimentazione la piramidalizzazione dovrei evitargliela, giusto? ho due Hors piccole che dovo crescere, non vorrei deformarle, poverine.
Link to comment
Share on other sites

Non credo tutti leggano su Tarta Club Italia al quale fai sempre riferimento :yawn2:

Il mio era un contributo come un' altro.

 

a presto Massimo

:argue: :boxing: :boink::hug:
Link to comment
Share on other sites

Quindi da quello che ho capito se sono all'aperto e con una buona alimentazione la piramidalizzazione dovrei evitargliela, giusto? ho due Hors piccole che dovo crescere, non vorrei deformarle, poverine.

 

Altro fattore, da metà luglio ai primi di settembre devono mangiare molto fieno, le erbe secche sono il principale alimento che trovano in natura d'estate. Troppe verdure fresche con temperature alte accelerano il metabolismo e favoriscono la piramidalizzazione.

Le tartarughe selvatiche in zone interne e a quote relativamente alte dove sono presenti foraggi freschi anche d'estate presentano una certa piramidalizzazione.

Altro fattore preventivo, mettere a disposizione del carbonato di calcio (osso di seppia, polvere di marmo di Carrara, ossa di bovini calcinate del sole) e molta acqua da bere se ne hanno la necessità.

Link to comment
Share on other sites

Non credo tutti leggano su Tarta Club Italia al quale fai sempre riferimento :yawn2:

Il mio era un contributo come un' altro.

 

a presto Massimo

Grazie Gisella per il tuo contributo!!!!:wave:

 

é verissimo che l'umidità è fondamentale...

le mie adulte sono cresciute in un grande giardino,mangiando quello che cresceva e rintanandosi sotto mucchi di foglie secche.Sono cresciute perfette.

le piccole che stò allevando come ho allevato i genitori,sono perfette,tutte.

le piccole che allevo in terrario,pur rispettando tutti i parametri,umidità,alimentazione,sole ecc ecc,presentano piramidalizzazione...non tutte,però qualcuna si.

quindi rimane solo lo spazio ristretto...

Questo è quello che ho osservato io,nell'allevare le mie tartarughe.

Link to comment
Share on other sites

Non credo tutti leggano su Tarta Club Italia al quale fai sempre riferimento

 

Era un appunto ad Andrea e al crucco...

Sono cose risapute da anni in certi ambienti..

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.