Jump to content

Consigli su occhi, ciccia e tartarughiera


Bobò

Recommended Posts

Ciao a tutti. Mi dispiace aprire un altro post con uno dei soliti titoli "consigli" o cose simili, ma purtroppo è proprio di questi che ho bisogno.

E' già da un paio di giorni che la mia tartarughina se ne sta quasi tutto il giorno all'asciutto, sulla zona emersa sotto le lampade, e ho notato anche che spesso sta con gli occhietti chiusi. Volevo sapere se è normale che ogni tanto li tenga così (sembra che dorma) mentre fa basking. E' possibile che lo faccia per evitare la luce diretta delle lampade sugli occhi? Un po' come facciamo noi quando siamo abbagliati...

Colgo anche l'occasione per chiedervi se un po' di ciccetta trasbordante dalla zona vicino all'attaccatura delle zampette è normale o se invece è un po' sovrappeso. Ho letto in qualche post che un po' di cicca è normale, ma non vorrei esagerare...

Inoltre non mi convince molto il colore delle palpebre. Mi sembra anomalo. E' un po' opaco. Potreste postarmi qualche foto di palpebre sicuramente sane così da fare un raffronto. Please.

Mi dispiacerebbe da morire se proprio ora che le ho sistemato la casetta si dovesse ammalare. Perché prima, che viveva in una microscopica vaschetta di plastica senza nessuna accessorio, non ha mai avuto niente.

A proposto della vasca, l'ho aggiornata del tutto per renderla più confortevole possibile. E' una vasca 100x50 circa, riempita con circa 90 litri d'acqua. Termoriscaldatore da 200watt (forse è un po' troppo, ma così attacca più di rado). Filtro esterno Hydor Prime 20 caricato con cannolicchi, lana e carbone (ancora non ho trovato la zeolite). Lampada spot da 40 watt e uv al 10% .

Proprio un paio di giorni fa ho acquistato anche due termometri, uno per l'acqua e uno per zona emersa. Le temperature dovrebbero essere quasi ottimali: 29-31 gradi all'asciutto e 25 in acqua (purtroppo da me c'è caldo e meno di 25 gradi non scende in questo periodo, e non è sicuramente colpa del termoriscaldatore perché è impostato a 24°). Per il sistema di filtraggio ho adottato il sistema della bottiglia antipatina by minotti. CEffettuo cmbi parziali d'acqua di circa il 10% al giorno, sempre declorata.

La vasca non è il massimo dell'estetica, ma è funzionale. Posto qualche foto panoramica e qualche dettaglio della tartina. Per queste ultime mi scuso in anticipo per la scarsa qualità ma purtroppo le foto ravvicinate non vengono molto risolute e non si distinguono molto bene i dettagli (è solo 3.5 megapixel).

Attendo ansiosamente consigli, soprattutto riguardo alla salute...quegli occhietti non mi piacciono proprio...Scusate il poema ma avevo un po' di cose da chiedere.

Ecco la tartarughina

http://img380.imageshack.us/img380/3361/guino14xr5.th.jpg

Una panoramica

http://img178.imageshack.us/img178/1088/imag0001bj9.th.jpg

Ecco la ciccetta

http://img178.imageshack.us/img178/7601/imag0008ps7.th.jpg http://img529.imageshack.us/img529/6725/imag0011ox3.th.jpg

E gli occhietti (lo so, non si vede bene ma è il massimo che ho potuto fare)

http://img529.imageshack.us/img529/6784/imag0024lw6.th.jpg

Link to comment
Share on other sites


Dimenticavo...Scusate la domanda un po' venale...eventualmente, quant'è più o meno la parcella di un veterinario (mediamente)...ve lo chiedo perché mi sono indebbitato per i prossimi mesi con la mia ragazza per fare la vasca alla tarta (non le faccio un reglao da circa 4 mesi perché ogni centesimo che ho avuto l'ho usato per ridurrre il debito; considerate che studio e che mi devo mantenere dli stusi)e ho una disponibilità economica piuttosto limitata...

grazie e scusate la brutta domanda...

Link to comment
Share on other sites

Ragazzi, vorrei sapere di specie è la mia tartillina...pensavo che fosse una scripta scripta ma credo proprio di sbagliarmi...Stavo dando un'occhiata alle foto delle varie specie e ho notato che è molto più simile ad una Pseudemys (non ho idea di che sottospecie si tratti). Dite che appartiene a questa specie? Se si, a quale delle tante categorie (concinna, nelsoni etc.). Inoltre, essendo convinto che si trattasse di una scripta l'ho trattata come tale seguendo i vostri consigli...devo cambiare qualcosa? (tengo l'osso di seppia sempre nella vasca, temperatura dell'acqua sui 25 gradi, zona asciutta sui 30, alimenti base gamberi freschi e alici + verdure varie come zucchine, lattuga e radicchio, + pellet di vitamine)

Colgo l'occasione per farvi timidamente notare che ho aperto un post nel qual chiedevo qualche consiglio generico (da considerare adesso in funzione della reale specie a cui appartiene la tarta), al quale non mi ha risposto nessuno...avrei bisogno di qualche parere please :question: ...vi posto il link: Consigli

...e le foto della piccina (credo che sia femminuccia)

http://img72.imageshack.us/img72/8342/guino9ln5.th.jpg http://img119.imageshack.us/img119/6669/guino10fx7.th.jpg http://img119.imageshack.us/img119/553/guino15vm2.th.jpg http://img72.imageshack.us/img72/5327/guino22gq6.th.jpg

Grazie in anticipo :-)

Link to comment
Share on other sites

ti ho unito i 2 post.ecco perche si consiglia di non usare titoli generici.

dopo la predica:D passiamo ad altro.

le foto non sono nitide ma sembra un po sovra peso,il problema agl occhi èdovuto al neon,10%è troppo.a che distanza è?

mettilo piu lontano e tienilo acceso poco.

è un pseudemys concinna concinna(credo).

sono piu vegetariane delle trachemys.

cmq a parte l occhio un po irritato è molto bella.

i vet costano tra i 15 e i 30€ dipende da vet

Link to comment
Share on other sites

Grazie hayez sia per le risposta sia per avere unito i post...hai perfettamente ragione sui titoli generici, ma non sapevo proprio come intitolarlo...

la lampada la tengo ad una trentina di cm dalla superficie dell'acqua accessa per circa 8 ore al dì.

Purtroppo la scarsa nitidezza delle foto è dovuta alla scarsa qualità della macchinetta che ha già qualche anno. Mi dispiace tantissimo, ho fatto una miriade di foto in tute le condizioni di luce possibile nel tentativo di ottenere un risultato migliore, ma questo è il massimo...(non sono granchè come fotografo:thinking:)

Se è una concinna concinna ho letto che potrebbe crescere fino a 40 cm di carapace (cioè mi ritroverei una testuggine tropicale in salotto:shock:, per la gioia dei miei che tra un po' mi buttano fuori casa a me e alla tartaruga).

Come mi consigli di risolvere sia per l'occhi che per il peso (per quest'ultimo immagino che dovrei ridurre il cibo per un po' di tempo, soprattutto il pesce).

A proposito di quest'ultimo: i famosi latterini qui a Palermo non li conosce nessuno, anzi mi guardano come se li stessi offendendo ;-)....però ho trovato dei pesciolini misti, soprattutto piccole boghe, di una lunghezza variabile tra i 2 cm e i 5 max (quelli che si fanno fritti...che buoni!!). Pensate che vadano bene in sostituzione ai canonici latterini?

E poi...a parte l'essere più vegetariane, per il resto posso lasciare invariate dieta e abitudini varie?

Per un'ulteriore conferma posto anche una foto del piastrone, spero possa essere utile ad una più sicura identificazione della specie. Grazie mille

http://img259.imageshack.us/img259/8145/piastroneqk5.th.jpg

Link to comment
Share on other sites

Io ho una floridiana e si, abbiamo lo stesso "grande problema”, i loro 40 cm :)

Come alimentazione do pesce 3 volte alla settimana (prendo i pesciolini surgelati da frittura al supermercato), una volta pellet e le restante tre volte verdura (insalate varie, carote e zucchine tagliate a striscioline sottili, ho provato anche i fagiolini. Ogni tanto do delle fettine di mela, pera, banana o melone, ma solo occasionalmente). Metto comunque un paio di foglie di insalata anche quando do il pesce perchè sono prevalentemente vegetariane.

Le temperature dovrebbero andare bene come le hai, per le lampade dovresti metterle a 20 cm di distanza dalla zona emersa. La lampada UV che marca è? So che ci sono stati problemi in passato con una marca specifica, ma non so se era solo questione di una partita uscita male o se è un difetto di quella marca che creava problemi agli occhi, comunque prova a tenerla un po' più distante.

Link to comment
Share on other sites

la lampadina è della "ferplast" ed è al 10%...posto il link del sito...

Ferplast

...è quella che si vede nell'immagine (non quella a neon lunga ma quella a serpentina, di quelle a risparmio energetico per intenderci, solo che quella nella foto è al 5% mentre la mia è al 10).

Ho appena notato che sulla scatola della lampadina che ho io c'è scritto "for terrarium", è un problema? Dovrei prenderne una specifica per acquaterrari con tartarughe? (speriamo di no perché mi è costata 40 euro e giuro che vado a prendere a schiaffi il commesso del negozio che me l'ha venduta, se non va bene!!!). A parte la percentuale di uv, va bene anche se non è di quelle lunghe quanto tutta la vasca?

Inoltre riguardo ai pesciolini non devono per forza essere latterini allora? Giusto? Perché non riesco prorpio a trovarli...

Riguardo al resto dell'alimentazione seguo praticamente la stessa dieta...

Grazie!!

Edited by Bobò
Link to comment
Share on other sites

Non è la lampada incriminata, è solo un po' troppo forte come ti ha detto hayez, prova a metterla un po' più lontano.
Link to comment
Share on other sites

scusate se irrompo nella discussione.. anche io ho lo stesso problema di Bobò per quanto riguarda gli occhi della mia tarta.. se fosse per colpa della lampada io ho una reptisun 10.0.. che sta anche molto vicina all'area emersa.. il problema inizialmente pensavo fosse dovuto a scarse vitamine o una qualche malattia ma da qualche giorno ho il dubbio che possa essere la luve uv.. pe ora è spenta e la lascerò spenta per qualche giorno.. se fosse questo il problema a che distanza devo tenerla la lampada?
Link to comment
Share on other sites

se fosse questo il problema a che distanza devo tenerla la lampada?

 

a questo punto io l'ho spostata a circa 35-40 cm dalla zona emersa (anche se rispetto all'acqua la distanza è un po' di meno perché la lampada è posta sulla destra della vasca, come si vede dalla seconda foto del mio primo post, e posso spostarla dalla zona asciutta soltanto lateralmente). Speriamo che non sia ne troppo (al punto da perdere l'effetto degli uv) ne troppo poco (continuando a danneggiarle gli occhietti).

Se aumento la distanza dalla zona emersa altrettanto non posso fare con l'acqua, altrimenti dovrei fissare un faretto al muro dietro la vasca in modo da poterlo distanziare in maniera uniforme da tutta la superficie. Anche in acqua assorbono gli uv, vero?

Tornando alla domanda che ho fatto nel mio precedente post, il fatto che nella scatola ci sia scritto "for terrarium" non influenza la sua validità come temporanea sostituta del sole? Cioè va bene anche per un vasca piena d'acqua con una tartarughina?

Edited by Bobò
Link to comment
Share on other sites

se non dico scemenze anche in acqua si assorbono gli uv, il vetro o altri materiali invece li bloccano rendendoli inutili.

comunque prova a tenere spenta per una giornata l'uv, io l'ho fatto oggi e questa sera le tarte stavano con gli occhi aperti e nuotavano per l'acquario tranquille e contente

Link to comment
Share on other sites

Si...farò così...magari per un paio di giorni le faccio prendere un po' di sole naturale in una vaschetta provvisoria: almeno non sta per molte ore con una luce fissa puntata addosso...speriamo che sia solo un piccolo problema legato alla lampada...bye
Link to comment
Share on other sites

Non è proprio enorme (22 cm di carapace sul lato lungo, quindi dalla testa verso la coda)

Però penso che si farà bella grossa (si parla anche di 35-38 cm!!!)

Dovrò allagare il salotto per farla stare comoda!!!:snicker:

Riguardo alla uv, oggi ho comprato un attacco per la lampada che si può allontanare un po' di più dalla vasca pur rimanendo attaccato con la molletta al bordo di vetro (è di quelli col braccio). Però per un paio di giorni la terrò comunque spenta nella speranza che migliori la salute degli occhietti di Guina. Piuttosto, la spot non dovrebbe farle male, vero? E' una normalissima lampadina da 40w messa a circa 25 cm dalla zona emersa...

Link to comment
Share on other sites

Questa è la sistemazione (spero) definitiva...ho inserito tutte le misure e le distanze (mi interessano soprattutto quelle delle luci). Dite che vanno bene?

 

A me sembra che vada bene! Poi magari è meglio se aspetti gli esperti perchè io l'acquario non ce l'ho :eyeroll: Posso chiederti come hai fatto l'area emersa? Con che materiali? Sopra mi sembra che ci sia una lastra di sughero sottile ma sotto cosa c'è?

Link to comment
Share on other sites

Premetto che mi piace molto il fai da te e che cerco di utilizzare al meglio tutto quello che ho in casa. Il piano orizzontale è fatto con il fondo di una borsa da palestra, sai, quello che serve per rendere rigida la base, dove di solito si mettono le scarpe. Che poi è lo stesso materiale delle carpette che si usano a scuola per portare l'attrezzatura da disegno tecnico. Dal momento che questo materiale è forato longitudinalmente per tutta lunghezza, ho sfruttato questi buchi nello spessore per inserire un'intelaiatura in acciaio armonico di 2 mm di diametro per evitare che il piano si flettesse sotto il peso della tartaruga. Di questo filo d'acciao ne ho fatto sporgere tre segmenti misurati al millimetro e piegati ad angolo retto rispetto al piano orizzontale per fare i ganci che si sarebbero andati ad agganciare al bordo di vetro della vasca. Ho poi aggiunto una ventosa per evitare le oscillazioni orizzontali. Inoltre ho ermetizzato tutti i restanti buchi dello spessore con del silicone atossico rivestito con più strati di nastro isolante. Per il piano inclinato dello scivolo ho usato un foglio di plexiglass di una vecchia cornice per foto. Infine ho ricoperto tutta la superficie con dei sottili fogli di sughero acquistati in un brico per dare un'aria un po' più naturale. COme ultimo accorgimento ho incolato dei piccoli listelli di sughero sullo scivolo come dei piccoli gradini, per facilitare la salita della tartina. Lo so che non è molto naturale, però è molto pratica e funzionale come soluzione. Inoltre non ho trovato da nessuna parte la famosa corteccia di sughero di cui si parla ovunque in questo forum :-)

Spero di essere stato abbastanza chiaro (anche se ne dubito), ma è molto più difficile dirlo a parole che farlo.

Ciao ciao!!

Edited by Bobò
Link to comment
Share on other sites

Guarda che se è malata e ha carenze di vitamine come è successo alla mia c'è poco da fare devi andare in farmacia e cercare il Decodì.iniettarglielo per via orale (perchè se è un problema di occhi gonfi rifiuta il mangiare)1-2 gocce al giorno possibilmente sempre alla stessa ora.Buona Fortuna ;)
Link to comment
Share on other sites

le mie sono 3 giorni che non hanno i raggi UV e stanno migliorando alla grande! niente + occhi gonfi e chiusi, mangiano e nuotano felici.

pensavo, siccome la mia lampada ha 10% di uvb e 30% di uva di tenerla accesa meno tempo, invece di 9-10 ore al giorno, 5-6 ore

Link to comment
Share on other sites

le mie sono 3 giorni che non hanno i raggi UV e stanno migliorando alla grande! niente + occhi gonfi e chiusi, mangiano e nuotano felici.

pensavo, siccome la mia lampada ha 10% di uvb e 30% di uva di tenerla accesa meno tempo, invece di 9-10 ore al giorno, 5-6 ore

Ho adottato anche io lo stesso sistema...per adesso la lampada uv la tengo completamente spenta e la mattina le faccio fare un bel bagno di sole fino a mezzogiorno circa in una vaschetta più piccola: dovrebbe essere più naturale, più salutare e meno dannoso della lampada. Prossimamente, appena riprenderò ad usare la uv ridurrò anche io il numero di ore di esposizione, continuando a sfruttare al massimo il caldo sole mattutino che da me non manca:glasses-cool: (almeno questo... ;-)

AmicoTarta: non credo che sia proprio malata nel senso che intendi tu...perché mangia tutto quello che vede, che si tratti di verdura, pesce, pellet (a volte si rosicchia anche il sughero), nuota ed è attivissima, quando mi vede fa come una pazza...penso che se fosse malata sarebbe un po' più moscia, no?

A proposito di mangiare. Domani le toccano pellets di vitamine. Ma non ricordo bene la quantità da somministrare (non credo sempre un volume pari alla testolina, perché sarebbero un po' troppi, o mi sbaglio?).

I pellets sono quelli della jbl, tipo Agil. Sono quelli classici di una lunghezza di un cm circa. Quanti ne devo dare?

Link to comment
Share on other sites

Prima di tutto complimenti per l'acquario... Ankio sono un apprendista allevatore come te... e l'unico consiglio che mi sento di darti è di fare attenzione con il materiale elettrico che è immerso nell'acquario, in molti dicono di prendere le prese con il salva vita o qualcosa del genere. Perchè qnd le tarta sono grandi possono anche rompere qualcosa.
Link to comment
Share on other sites

Accipicchia questo si che si chiama "fai da te"!!! Complimenti per la fantasia e la manualità! :embarrasseda:

 

Prima di tutto complimenti per l'acquario... Ankio sono un apprendista allevatore come te... e l'unico consiglio che mi sento di darti è di fare attenzione con il materiale elettrico che è immerso nell'acquario, in molti dicono di prendere le prese con il salva vita o qualcosa del genere. Perchè qnd le tarta sono grandi possono anche rompere qualcosa.

 

Grazie ad entrambi per i colmplimenti: è sempre bello vedere apprezzato il proprio lavoro (e vedere anche che funziona, il che purtroppo non è sempre così... :tonguea:)

Smanù: per fortuna il solo elemento elettrico immerso in acqua è il termorscaldatore. Siccome è già successo (nei primissimi giorni in cui ho cominciato a dedicarmi alla tartarughina) che la piccolina si bruciasse una zampetta, ho già provveduto per evitare che si ripetesse l'incidente. Le è venuta solo una piccola bollicina sottocutanea, proprio come succede alle persone, che per fortuna è già guarita, però mi sono spaventato da morire. Ho quindi preso un pezzo di rete da giardino in plastica, di quella che si mette tra le sbarre delle ringhiere per evitare che passino i gatti, l'ho sterilizzata in acqua bollente e ne ho ritagliato un rettangolo che ho poi ripiegato a formare un cilindro. L'ho fissato su se stesso e alle ventose che reggono il termorscaldatore con delle fascette in plastica e al suo interno ho inserito il riscaldatore (purtroppo mi hanno impaccato quello in vetro). Così la tartarughina non può avvicinarsi a meno di 4-5 cm dal vetro della resistenza, quindi non può neanche romperlo. Per il filo che esce e che arriva fino alla presa, ho risolto invece "incapsulandolo" in una piccolissima canaletta per fili elettrici, anch'essa sterilizzata prima dell'inserimento in acqua. Lo so...sembra più Art Attack che un sito sulle tartarughe...(tra un po' cominceranno a chiamarmi Mucciaccia:messed:)

Posto una foto, che non si vede granchè ma fa capire di cosa si tratta. Anzi ne posto due, una peggio dell'altra...purtroppo non sono riuscito a fare di meglio, considerato anche il riflesso del vetro della vasca.

http://img178.imageshack.us/img178/2593/imag0002dn4.th.jpg http://img178.imageshack.us/img178/240/imag0001zm7.th.jpg

Ho cercato di essere il più previggente possibile vista l'impavidità (o meglio dire imprudenza condita,forse, anche con un pizzico di stupidità) delle tartarughine.

A presto...

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.