Jump to content

Le erbe selvatiche spontanee


giorgio

Recommended Posts

ecco una scheda davvero ben fatta di erbe selvatiche a portata di morfeus... pardon di mano :D

 

cliccando i vari link si ottiene l'ingrandimento delle foto e tutti i dati occorrenti (tavole e schede)

 

ps: Rich ho provato a fare la scheda ma è un casino per le immagini, se puoi provvedere tu ;)

 

 

Le erbe spontanee

Siamo ancora lontani dalla primavera ma in alcune zone, dove non sono ancora arrivate le gelate notturne, si possono ancora raccogliere diverse specie di erbe commestibili per cavie, conigli e...umani. Alternativamente potete sempre mettervi a studiare per la prossima bella stagione! :o)

Ricordate sempre queste cose:

  1. Non raccogliete erbe sui bordi delle strade o in parchi frequentati da cani o altri animali
  2. Non raccogliete niente che non conoscete
  3. Non lasciate l'erba raccolta in sacchi di plastica e non tenetela ammucchiata: arrivati a casa distribuite l'erba che non viene consumata subito su fogli di giornale o pannelli di legno, meglio ancora lasciatela seccare al sole. In ogni caso smuovetela frequentemente.
  4. Non raccogliete piante malate o ammuffite
  5. Raccogliete in prevalenza graminacee e in percentulai minori vari tipi delle altre specie commestibili e alternate sempre l'erba fresca con la verdura e il fieno, soprattutto se i vostri animali non sono abituate a questo tipo di alimentazione naturale.

commestibili

velenose o da evitare

Le specie commestibili

 

Coda di topo (eng: timothy - scient: Phleum pratense) e Coda di volpe (eng: foxtail - scient: Alopecurus pratensis)

 

[/url]27.jpg Il fieno che viene maggiormente consigliato nei siti sui Guinea Pigs è il cosiddetto Timothy: il nome volgare italiano è coda di topo o fleolo. E' una graminacea foraggera molto comune anche da noi e quindi di solito è compreso nel fieno comune; si riconosce per l'infiorescenza a pannocchia cilindrica molto stretta. Viene molto apprezzato per l’elevato contenuto di fibra e lo scarso contenuto in proteine e calcio e perciò è considerato la "base" dell'alimentazione per porcellini e conigli. Si può lasciare sempre a disposizione perchè è molto gradito, non ingrassa ma fornisce molta fibra, ottimale per tenere limati i denti e anche semplicemente come "passatempo" per gli animali.

La coda di volpa e' una graminacea molto simile alla coda di topo.

University of South Florida - Timothy

Tavola botanica Thomé - Timothy

plants.usda.gov - Timothy

Questa è la teoria: nella pratica riconoscere le graminacee è dannatamente difficile. In generale tutte le graminacee vanno benissimo per cavie e conigli. Le graminacee, per intenderci, sono tutte quelle erbe che hanno (quando non hanno ancora formato le caratteristiche spighe e spighette) la foglia a forma di...filo d'erba. Insomma, le "erbe da prato" in genere sono proprio miscele di semi di graminacee, quindi in genere tutta l'"erba" di questo tipo va più che bene. A fianco la foto di una "cosa" che non so cosa sia, a questo punto, anzi se qualcuno riesce a dirmi *con sicurezza* cos'è ... Io so dirvi che qui da noi è comunissima e si trova anche a bordo delle strade.

 

Trifoglio rosso (eng: red clover - scient: Trifolium pratense) e Trifoglio bianco (eng: white clover - scient: Trifolium repens)

 

28.jpg 29.jpg Il trifoglio (tutte le varietà) è una leguminosa tra le più apprezzate dalle cavie. E' abbastanza ricca di calcio, quindi anche questa non va data troppo spesso. Come tutte le leguminose può causare gonfiore: introducetela lentamente nell'alimentazione. Pare che sia più gradita nel periodo precedente alla comparsa dei fiori.

plants.usda.gov (trifoglio bianco)

Tavola botanica Thomé trifoglio bianco

Tavola botanica Lindman trifoglio bianco

plants.usda.gov (trifoglio rosso)

Tavola botanica Thomé trifoglio rosso

Tavola botanica Lindman trifoglio rosso

 

Erba Medica (eng: alfalfa - scient: Medicago sativa)

 

30.jpg L'erba medica è molto ricca di calcio e di ossalati. Come tutte le leguminose può causare gas intestinali soprattutto se somministrata fresca: è quindi consigliabile seccarla o perlomeno lasciarla appassire. Per il suo altissimo potere nutriente è un ottimo alimento per i cuccioli e le femmine gravide, ma deve essere limitato (se non eliminato) dall'alimentazione quotidiana di tutti gli altri animali adulti (oltre i 6 mesi), soprattutto in presenza di calcoli.

Immagine alfalfa

Tavola botanica Thomé

Scheda dal forum A.M.I.N.T.

 

Tarassaco (eng: dandelion - scient: Taraxacum officinale)

 

31.jpg Questa è una piantina che davvero *tutti* conoscono, il dente di leone, quella che fa i famosi "soffioni", che poi sarebbero i semi. E' comunissima ovunque, nei prati e negli incolti o a bordo delle strade. Viene utilizzata in cucina per la sua bontà (sono infatti commestibili tutte le parti della pianta, foglie, fiori e radici) e in medicina per i suoi effetti tonici e depurativi. Purtroppo il tarassaco ha un'alto contenuto di calcio: è un'erba buona ma è meglio limitarne l'uso, soprattutto per cavie e conigli oltre i 6 mesi di età.

Se volete vedere anche la foto del fiore sul sito di Casa Freccia ne potete trovare una molto chiara. :o)

Uso del tarassaco in erboristeria

Proprietà del tarassaco

Tavola botanica Thomé

Tavola botanica Lindman

 

Borsa del pastore (eng: shepherd's purse - scient: Capsella bursa pastoris)

 

32.jpg Pianta della famiglia delle Crucifere/Brassicacee, comunissima nei prati e a volte addirittura invadente. E' facilissimo riconoscerla per la caratteristica forma "a cuoricino" delle foglioline. E' commestibile anche per gli umani ma non ha un sapore particolarmente gradevole, però viene molto utilizzata in campo erboristico per le proprietà coagulanti e cicatrizzanti dovute all'alto contenuto di tannini.

 

Tavola botanica Lindman

Scheda dal forum A.M.I.N.T.

 

Achillea (eng: yarrow - scient: Achillea millefolium)

 

33.jpg L'achillea, appartenente alle Asteracee, è una piantina infestante molto comune nei prati. Può avere fiori bianchi o più o meno rosa ed è molto facile da riconoscere. Viene utilizzata in erboristeria come calmante, cicatrizzante ed emmenagogo. Ai fini eduli può essere aggiunta alle minestre o alle insalate e viene usata in amari e digestivi. E' una buona erba da prato, un tempo veniva considerata un ottimo rimedio contro la scabbia degli ovini.

 

Tavola botanica Thomé

Tavola botanica Lindman

Scheda dal forum A.M.I.N.T.

 

Piantaggine (eng: plantain - scient: Plantago)

 

34.jpg 35.jpg Piantina appartenente alla famiglia delle Plantaginacee. Nei nostri prati potete trovare diverse specie di piantaggine, ma i più comuni sono la Plantago major (in foto a destra), la Plantago lanceolata (in foto a sinistra) e la Plantago media. E' molto apprezzata anche in cucina, lessata o cruda in insalata, ed è graditissima a conigli e cavie.

Tavola botanica Thomé: la piantaggine maggiore.

Tavola botanica Lindman: la piantaggine lanceolata.

Tavola botanica Lindman: la piantaggine media.

In questa pagina potete vedere un'altra immagine dal vivo della piantaggine, fatta molto bene.

 

Centocchio (eng: common chickweed - scient: Stellaria media)

 

36.jpg Piantina infestante appartenente alla famiglia delle Cariofillacee, annua, alta pochi centimetri, forma vasti tappeti di foglioline tenere costellate di minuscoli fiorellini bianchi a forma di stellina. E' molto comune, facile da trovare e riconoscere soprattutto in primavera e autunno quando l'altezza della vegetazione circostante rimane limitata. E' commestibile anche per gli umani, lessato o in minestre, soprattutto associato all'ortica.

Tavola botanica Lindman

Virginia Tech Weed Identification Guide: Stellaria media

 

Portulaca (porcellana) (eng: purslane, little hogweed - scient: Portulaca Oleracea)

 

37.jpg Piantina della famiglia delle Portulacacee, con aspetto prevalentemente strisciante, fusti carnosi, piccole foglioline succulente e fiorellini gialli che sbocciano solo in pieno sole. E' molto comune nei terreni asciutti e sabbiosi, teme il freddo e il gelo, perciò in inverno sparisce completamente, ma si autosemina con facilità. Ne esistono anche parecchie varietà coltivate a scopo ornamentale, con fiori di diversi colori.

E' completamente commestibile, si mangiano sia le sommità che i fiori in insalata o cotti. Contiene alte quantità di vitamina C, tanto che un tempo veniva utilizzata contro lo scorbuto e pare sia utile in caso di infezioni delle vie urinarie.

Tavola botanica Thomé

Banca dati ambientale sulla laguna di Venezia - Portulaca

plants.usda.gov

 

 

Ortica (eng: stinging nettle- scient: Urtica dioica)

 

38.jpg E' una pianta della famiglia delle Orticacee, è la classica ortica, quella da cui di solito fuggono tutti perchè, appunto, urticante. L'ortica invece è una simpatica piantina, commestibile sia per gli animali che per gli umani (cotta ovviamente, in minestre, risotti, ripieni...). Attenzione alla raccolta, servono un paio di guanti spessi.

E' considerata un'ottima pianta foraggera ma è meglio farla seccare prima di darla a coniglie e cavie, infatti è compresa in molti tipi di fieno commerciale.

 

plants.usda.gov

Tavola botanica Thomé

Agribio Notizie - ortica

 

Malva (eng: mallow - scient: Malva sylvestris)

 

39.jpg Piantina della famiglia delle Malvacee, fiorisce dall'aprile all'autunno con fiorellini "color malva" (rosa scuro) e viene coltivata come pianta medicinale e commestibile. Contiene mucillagine (che conferisce alla pianta un alto potere emolliente), glucosio, ossalato di calcio, vitamine e pectina. La Malva sylvestris è molto simile alla Malva neglecta, un parente stretto che si differenzia dalla sylvestris per il fatto di avere le foglie più rotonde (la sylvestris ha i lobi più pronunciati), ma comunque le due piante hanno lo stesso utilizzo. La foto dovrebbe ritrarre la varietà neglecta.

Mallow

Scheda dal forum A.M.I.N.T.

 

Timo (eng: thyme - scient: Thymus)

 

40.jpg Il timo appartiene alla famiglia delle Lamiacee. Esistono parecchie specie di timo, generalmente tutte commestibili. Comune soprattutto nei prati assolati di montagna, ai bordi dei sentieri, è il Thymus Longicaulis. Il timo è utilizzato soprattutto come pianta aromatica e medicinale ad effetto antisettico e stimolante; nell'antichità veniva usato anche per contrastare i processi putrefattivi dei cibi.

Un elenco (parziale) delle varietà di timo lo trovate qui.

Tavola botanica Lindman

Tavola botanica Thomé

 

Verbena(eng: herb of the cross - scient: Verbena officinalis)

 

41.jpg 42.jpg Pianta della famiglia delle Verbenacee molto diffusa nei prati e negli incolti, passa inosservata perchè ha un aspetto quasi anonimo, foglie piccole e fiori quasi insignificanti posti su lunghi steli. Pare che abbia alcune proprietà preventive e curative nei confronti dei calcoli renali e proprietà vermifughe nei ruminanti.

Le foglie sono abbastanza amare, quindi ad alcuni animali non è gradita (i porcellini la mangiano ma i conigli non sempre).

Grazie a Marina e Stefano per le bellissime foto! :o)

Scheda dal forum A.M.I.N.T. Tavola botanica Thomé

Verbena officinalis

plants.usda.gov

The control of internal parasites in ruminants

 

Silene (eng: (Moench) Garke - scient: Silene vulgaris (Silene inflata))

 

43.jpg Piantina appartenente alla famiglia delle Cariofillacee, viene volgarmente chiamata bubbolina ed è facilmente riconoscibile per i fiorellini dal calice rigonfio. Esistono moltissime specie di Silene, alcune delle quali molto diffuse, come la Silene inflata e la Silene alba. E' commestibile anche per gli umani e si mangia sia cruda sia cotta, in risotti, minestre, ripieni.

Silene vulgaris

Silene alba

 

Vite da uva (eng: wine grape - scient: Vitis vinifera)

 

44.jpg

Specie del genere Vitis appartenente alla famiglia delle Vitacee, assieme al genere Parthenocissus e Ampelopsis, questi ultimi molto diffusi da noi come piante esclusivamente ornamentali. La Vitis vinifera è la classica pianta di vite, quella da uva bianca o nera, da non confondere con le cosiddette "vite americana" e "vite canadese" ornamentali (Parthenocissus tricuspidata e Parthenocissus quinquefoglia) che hanno foglie e bacche tossiche, anche per l'uomo.

 

 

Gelso (eng:white mulberry, black mulberry - scient: Morus alba, Morus nigra)

 

45.jpg

Il gelso è molto comune nelle campagne, sia nella varietà alba che in quella nigra: la differenza tra le due si vede nella forma delle foglie e nel colore dei frutti, più chiari nella varietà alba e più scuri (il colore delle classiche more di rovo) nella varietà nigra. Anche i frutti sono commestibili ma attenzione a non raccoglierli acerbi perchè contengono un allucinogeno.

Le foglie della varietà alba e della nigra sono molto diverse tra loro. Qui trovate un'immagine da cui si vede chiaramente la differenza nella forma delle foglie.

Tavola botanica Thomé (Morus nigra).

 

Le specie velenose o da evitare

 

Ranuncolo (eng: buttercup - scient: Ranunculus)

 

46.jpg Esistono molte varietà di ranuncoli: nei nostri prati sono molto diffusi il Ranunculus acris (in foto) e, soprattutto in montagna, il Trollius europaeus o botton d'oro. Tutte le specie di ranuncoli sono tossiche quando la pianta è fresca, ma il principio attivo diminuisce la sua tossicità quando la pianta viene seccata. Evitate comunque di raccoglierlo: il botton d'oro tra l'altro è specie protetta quindi non va raccolta in ogni caso.

 

Tavola botanica Thomé (Ranunculus acris)

Tavola botanica Lindman (Ranunculus acris)

Tavola botanica Thomé (Trollius europaeus)

Tavola botanica Lindman (Trollius europaeus)

Scheda dal forum A.M.I.N.T.

 

Romice (eng: garden sorrel- scient: Rumex acetosa)

 

47.jpg Il genere Rumex fa parte della famiglia delle Poligonacee e ad esso appartengono molteplici specie di piante, abbastanza simili per quanto riguarda l'infiorescenza. La pianta contiene vitamina C, molto ossalato di potassio, acido ossalico, ferro. Se ne raccolgono le foglie tenere per utilizzarla in insalata e minestre ma deve essere consumata con *molta* cautela a causa dell'alto contenuto di ossalati. Vietatissima in caso di litiasi e insufficienza renale in genere. Sono stati segnalati casi di intossicazione con danni renali in bambini che ne avevano consumate alte dosi. Pur non essendo propriamente tossica per conigli e cavie è decisamente meglio evitare di raccoglierla.

 

Atlas of Florida Vascular Plants Tavola botanica Lindman

Rumex scutatus

Rumex acetosa

Rumex acetosella

Rumex obtusifolius

Rumex alpinus

 

Robinia (eng: black locust - scient: Robinia pseudoacacia)

 

48.jpg La robinia è una pianta diffusissima in tutta l'Europa ma originaria degli Stati Uniti. Ormai è diventata quasi un'infestante, a discapito di molte altre specie autoctone. Cresce infatti rigogliosa su ogni tipo di terreno, fino circa ai 1200 metri di altitudine. I fiori sono commestibili (vengono infatti consumati fritti e pare siano ottimi) ma il resto della pianta (fusti e foglie) contiene una sostanza tossica (anche se ci sono pareri contrastanti sulla tossicità, alcuni danno rametti di acacia ai conigli senza segnalare nessun problema, forse dipende dalla quantità).

Piante e arbusti

University of South Florida

Scheda dal forum A.M.I.N.T.

 

Vitalba (eng: evergreen clematis- scient: Clematis vitalba)

 

49.jpg La vitalba è una pianta rampicante molto comune ai bordi delle strade e degli orti, lungo le reti di recinzione o abbarbicata alle piante negli incolti. E' caratteristica per le infiorescenze che, a maturazione, si trasformano in soffici piumini. Fa parte delle Ranuncolacee e, come tutte queste piante, contiene Anemonina, un alcaloide abbastanza tossico. Nonostante questo spesso se ne mangiano i germogli lessati, raccolti in primavera, quando la concentrazione del principio tossico è abbastanza leggera.

 

Pepe d'acqua (eng: spotted ladysthumb - scient: Polygonum persicaria)

 

50.jpg E' una pianticella che raggiunge un'altezza media di 50 cm e si trova comunemente nelle zone umide, nel sottobosco o lungo i fossati e i canali d'irrigazione. E' aromatica e piccante e le sue foglie possono essere utilizzate al posto del pepe. Si utilizza comunque in modiche quantità.

Benchè non sia tossica negli umani, pare che nei conigli possa causare danni al fegato e ai reni: di effetti nei porcellini non abbiamo notizia, ma direi che è meglio evitare.

Governement of British Columbia: Pest management - Lady's-Thumb

Missouriplants.com

 

 

tratto da:

 

http://cavies.lightskies.net/text/text_erbe_mini.htm

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 98
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

si ma ne mancano tante altre e poi vorrei essere certo che tutte queste vadano bene anche per le tarte... attendiamo il parere annaceo :) (annae emmen ghghg)
Link to comment
Share on other sites

Per quanto ne so io:

 

Coda di topo e coda di volpe :confused:

Trifoglio rosso e bianco ok ma senza esagerare per l'alto contenuto proteico!

Erba medica si

Tarassaco ottimo!

Borsa del pastore si

Achillea :confused:

Piantaggine si

Centocchio :confused:

Portulaca si

Ortica si

Malva si

Timo :confused:

Verbena :confused:

Silene :confused:

Vite la vite canadese NO, la vite da uva si

Gelso ok

Link to comment
Share on other sites

Siamo sicuri per il Ranunculus?

 

A me risulta che la specie Ranunculus Lingua sia una delle piante preferite dalle Emys Orbicularis.

 

Tra l'altro le mie se lo sono pappate circa un mese fa e non ho notato problemi.:confused:

Link to comment
Share on other sites

si ma ne mancano tante altre e poi vorrei essere certo che tutte queste vadano bene anche per le tarte... attendiamo il parere annaceo :) (annae emmen ghghg)

 

:help: torno a casa in un brutto lunedi e trovo cotanta messe di bei lavori :) e di impegni :yield:

. butto giu' le piante di cui mi ricordo.

 

Il gelso e' dato per ottimo. Spesso bisogna farle abituare: a volte non e' apprezzato subito. . I frutti sono buoni, sia bianchi che neri. da tenere (i frutti) comunque nel 90%

 

Le foglie di vite per l'uva sono date per buone/ottime. Molto difficili da trovare non trattate a meno che non siano di produzione propria. Dicono che le tarte preferiscano le foglie giovani.

 

L'erba medica e' altissima in proteine e sarebbe meglio evitarla. Inoltre contiene due fitoestrogeni che negli animali da ingrasso (gli unici studiati :( ) provoca problemi nella riproduzione.

A prescindere dai fitoestrogeni viene usata in quantita' determinata anche negli animali da ingrasso (=persino per loro che non devono vivere 100 anni)

 

ortica buona

Malva buona. Di malve ne esistono molte specie. Se alla nostra tarta non piace una potrebbe piacerle un'altra.

 

la portulaca e' estremamente ricca di acido ossalico. Meglio saltarla.

L'acido ossalico e' spesso molto mal gestito nei siti di alimentazione tartarugheschi e umani. Il motivo e' molto banale... la maggiore fonte di composizione alimentare e' l'USDA dal quale pesca il 99% dei siti. L'USDA ha un ponderoso archivio che pero' e' carente nella trattazione dell'acido ossalico che viene invece approfondito da siti con archivi di non libera consultazione.

 

Tarassaco OK. Ed e' una buona pianta base. Essendo non bassa in proteine, come moltissime piante selvatiche, e' meglio evitare proteine aggiunte.

 

Plantago ok. Alcune specie sono appetite altre no.

 

Trifoglio (NB. vero trifoglio) da usare con parsimonia. Buona parte del falso trifoglio e' da evitare.

 

Il timo non mi risulta appetito. Si aspettano ulteriori testimonianze.

 

****

la rumex e' pari alla bietola, al buon enrico e allo spinacio. da non dare. E dovrebbero essere piante non appetite.

 

Il ranuncolo e' un genere con una enormita' di specie, E' una delle poche piante di cui sia stata accertata con autopsia una morte nelle tarte

http://www.tortoise.org/general/poiscase.html

dato pero' il grande numero delle specie bisognerebbe avere maggiori dati per fare il punto della situazione.

Purtroppo alle tarte piace. staremmo piu' tranquilli se l'ignorassero :)

 

***

il resto lo indago con calma. qualcuno mi manda un elenco del resto?

Link to comment
Share on other sites

Oggi ho dato gelso bianco alle mie tarte. Gemon è letteralmente impazzito.. ha fatto una bella scorpacciata.. però volevo sapere se devo dare solo i frutti o vanno bene anche le foglie.

Grazie, ciao.

Link to comment
Share on other sites

Oggi ho dato gelso bianco alle mie tarte. Gemon è letteralmente impazzito.. ha fatto una bella scorpacciata.. però volevo sapere se devo dare solo i frutti o vanno bene anche le foglie.

Grazie, ciao.

 

I frutti sono soggetti a limitazioni (come tutta la frutta). Le foglie del gelso sono considerate ottime.

Non sempre le foglie riscuotono grandi entusiami alla prima, ma dopo un po' si abituano tenerle in considerazione.

Link to comment
Share on other sites

il gelso da me è diventata una pianta reperibilissima, ne hanno piantato una quantità notevole sia al parco che in pieno centro... farò scorte
Link to comment
Share on other sites

  • 10 months later...
Una domanda ma se uno nn ha le erbe spontanee che gli da da mangiare a ste tarte di terra? :eek3:

 

si vanno a cercare in campagna.

E intanto si fa una passeggiata ;)

Link to comment
Share on other sites

si vanno a cercare in campagna.

E intanto si fa una passeggiata ;)

Umm, cicoria e radicchio le trovo al supermercato e lgiele do spesso!

ma le erbe selvatiche davvero nn ho tempo per andarle a prendere...vedrò coosa fare!!!

Link to comment
Share on other sites

buongiorno ragazzi.

ecco altre piante che crescono spontanee da queste parte.

mi potete dire ke specie sono e se son commestili x le tarte?

grazie 1000:)

 

http://img138.imageshack.us/img138/2258/dsc02453copiawq4.jpg

questi fiorellini gialli crescono spontanei nel giardino di un amico; hanno un gambo molto molto corto: son buoni?

 

 

http://img187.imageshack.us/img187/2451/dsc02455copiako9.jpg

questi crescono in abbondanza un pò ovunque.

da piccolo ci li tiravamo addosso come freccette!!

 

 

http://img182.imageshack.us/img182/3840/dsc02458copiado0.jpg

e questo? sembra tarassaco, ma è un pò diverso da quello ke trovo di solito: ha le foglie leggermente + grandi! va bene?

 

 

grazie 1000!

buona giornata:)

Link to comment
Share on other sites

prima e ultima sono imparentate del tararssaco e del sonchus. Vanno tutte bene

quella di mezzo e' una graminacea. Se te la mangiano da' un ottimo apporto di fibre

Link to comment
Share on other sites

caspita mamoz......... quelli della prima foto li ho in macchina adesso..... presi verso le 15:30........ però è più chiaro come giallo e ha delle striscie rossastre..... il gambo è bello robusto? tipo 5 mm di diametro? però ha poche foglie....
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now




×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.