Jump to content

Tartarughe Dalle Guance Rosse Sequestrate In Negozio A Lecce


popoff

Recommended Posts

12.jpg

 

Vendita e detenzione sono illegali.

 

7 febbraio 2008 - In un negozio per la vendita di animali a Lecce gli agenti del Corpo Forestale del capoluogo salentino hanno sequestrato dieci tartarughe adulte della specie "Trachemis Scripta elegans". Le tartarughe, delle quali e' vietata la vendita e la detenzione, si trovavano all'interno di quattro acquari. Tutti gli esemplari, del tipo "Guance rosse", secondo gli esperti hanno un'eta' compresa tra i 10 e i 15 anni. Il controllo e' stato svolto insieme a funzionari della Asl. Le tartarughe, per il momento, sono state trasferite nello Zoosafari di Fasano, in provincia di Brindisi, a disposizione dell'autorita' giudiziaria.

(AGI)

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 25
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

che significa sono in commercio senza l'allegato?? sono tornate di nuovo di libera vendita?? mi è sfuggito questo passaggio credo....

qua a parma è da settembre che le puoi trovare in negozio,vendute come le altre 2.

Link to comment
Share on other sites

speghiamo bene. che tartarughe che hanno 10/15 anni DEVONO avere i documenti perchè quando erano nate erano in allegato B.

solo quelle nate da non so che data in poi (sett 2007? o poco porima?) possono essere vendute senza documenti.

Link to comment
Share on other sites

speghiamo bene. che tartarughe che hanno 10/15 anni DEVONO avere i documenti perchè quando erano nate erano in allegato B.

solo quelle nate da non so che data in poi (sett 2007? o poco porima?) possono essere vendute senza documenti.

 

Ok, credo d'aver capito! ;)

Link to comment
Share on other sites

Secondo me hanno toppato.

 

Se la specie non è più nel CITES e non è più compresa nell'elenco delle specie pericolose non devono più avere nessun documento.

 

Se l'hanno meglio, ma che età abbiano non conta.

 

Per esempio, i Romeni fino a 1 anno fà erano extracomunitari, ora sono comunitari e non gli serve più il permesso di soggiorno. ;)

Link to comment
Share on other sites

Si il documento lo hanno ma quello che no capisco è che la forestale quand le presi mi disse che il documento non va registrato da loro ma basta averlo. Ma è possibile questa cosa? Ossia se io le cedo faccio un nuovo foglio e lo do ad un nuovo allevatore e basta, ma la forestale cosi' non saprà mia dove sono. E' cosi' la prassi o la forestale si è sbagliata? Edited by picASSO
Link to comment
Share on other sites

Ma chi ha detto che trachemys scripta elegans non è più in cites?

Il fatto che sia di libera vendita non vuol dire che non abbia bisogno di documenti, comunque in Italia si possono vendere solo esemplari regolarmente denunciati ai tempi o figli di quest'ultimi, infatti le importazioni di questa specie sono ancora vietate. Io so che è così bene o male la cosa, poi se ci sono stati cambiamenti postate qualche documento ufficiale che dica ciò, altrimenti non ha senso che continua a girare questa notizia infondata, cioè che le scripta elegans non sono più in cites.

Link to comment
Share on other sites

 

Ora si che ci siamo, ma non è che saresti anche così gentile da linkare la pagina che si riferisca proprio a questo, non sono il massimo in inglese e l'unica cosa che mi è sembrato di leggere nella pagina che hai linkato è che è possibile che nel database non sono riportate tutte le specie che si trovano effettivamente in cites:rolleyes5cz:. Comunque se effettivamente stanno così le cose, non è che c'è stata molta pubblicità in merito...

Link to comment
Share on other sites

Difatti, hanno fatto il solito macello.

 

La trachemys non è più nell'all'II.

 

Quindi non c'è nulla.

 

Non si capisce che fine abbia fatto invece l'iscrizione nel registro italiano dei nocivi.

 

Gli uffici sentiti "non si esprimono". :noidea:

Link to comment
Share on other sites

Difatti, hanno fatto il solito macello.

 

La trachemys non è più nell'all'II.

 

Quindi non c'è nulla.

 

Non si capisce che fine abbia fatto invece l'iscrizione nel registro italiano dei nocivi.

 

Gli uffici sentiti "non si esprimono". :noidea:

 

Capisco...(bene o male:laugh8kb:)

Link to comment
Share on other sites

Comunque consiglierei di informarsi ulteriormente a proposito. Finchè non leggo testuali parole "trachemys scripta elegans non è in cites" con relative prove, i dubbi rimangono.
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now




×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.