Jump to content

Help su lampade UVA-B


Recommended Posts

Buonasera a tutti e complimenti per questo forum e molto interessante e ben fatto , mi chiamo Roberto e ho intenzione di farmi un bell' acquaterrario per due tarte (credo che prendero quelle simpaticone dalle orecchie rosse!) volevo farvi una domanda sul neon UVA-B.

 

Quanto tempo deve rimanere acceso il neon UVA-B?

 

Ringraziandovi anticipatamente per la risposta porgo i piu cordiali saluti a tutti voi e alle vostre bellissime tartarughe.

Link to comment
Share on other sites


Grazie per l'immediatezza della risposta Eleonora quindi deduco che potro' tenere acceso il neon dieci ore al giorno questo vale anche per il faretto spot? le due fonti luminose devo essere accese per lo stesso periodo vero?
Link to comment
Share on other sites

Si, devi cercare di riprodurre il cilo normale del sole.

 

Al limite anche 12 ore non vanno male.

 

Puoi anche aggiungere una lampada più forte per simulare le ore più calde.

 

ciao

Link to comment
Share on other sites

Grazie pminotti ma ancora non sono convinto su quanto tempo il neon debba rimanere acceso, tu dici 12 ore di luce come ai tropici eleonora dichiara circa 10 ore e quindi siete daccordo ma sulla guida pratica sera tartarughe e altri rettili allevamento e corretta alimentazione nelcapitolo del giusto ambiente per i rettili a questo riguardo cita testualmente "Per compesare la mancanza del sole sarebbe opportuno irradiare il tettario, almeno 2 volte alla settimana, con una lampada a raggi UV, per non piu' di 5 (cinque) minuti, una irradiazione piu lunga potrebbe provocare bruciature." A questo punto mi viene da riproporti la stessa domanda nella speranza di arrivare ad una conclusione certa e che non mi fara' rischiare di abbrustolire le mie future tartarughine
Link to comment
Share on other sites

Grazie pminotti ma ancora non sono convinto su quanto tempo il neon debba rimanere acceso, tu dici 12 ore di luce come ai tropici eleonora dichiara circa 10 ore e quindi siete daccordo ma sulla guida pratica sera tartarughe e altri rettili allevamento e corretta alimentazione nelcapitolo del giusto ambiente per i rettili a questo riguardo cita testualmente "Per compesare la mancanza del sole sarebbe opportuno irradiare il tettario, almeno 2 volte alla settimana, con una lampada a raggi UV, per non piu' di 5 (cinque) minuti, una irradiazione piu lunga potrebbe provocare bruciature." A questo punto mi viene da riproporti la stessa domanda nella speranza di arrivare ad una conclusione certa e che non mi fara' rischiare di abbrustolire le mie future tartarughine

 

odiodio...no!

allora la lampada uvb non da bruciature...anzi deve ex almeno al 5%. e DEVE stare accesa tanto quanto lo spot (è a quello a cui occorre stare attenti che non cuocia le tarte!!).

Sulla durata...non esiste un minuto esatto! d'altro canto non è vero che c'è luce tutto l'anno per 12 ore (quoto il minotti sulle fasi di luce buio) è anche vero che se le tarte si sotterrano del tutto sotto terra e sotto a un coppo, alle 16 è inutile tenere l'uvb acceso fino alle 19 di sera (ma qt è un pensiero mio). 10 ore sono per me il giusto compromesso. (Questo discorso lo faccio presumendo che d'estate le tarte siano fuori!!!). Non cambia gran che...l'importante è che non dai loro POCA esposizione UVB e non sufficiente calore 'pe fare basking e quindi mangiare.

Link to comment
Share on other sites

Ho visto il sito della Sera

Non vorrei fosse un refuso, e poi parla genericamente di lampada UV

Ci sono lampade cosiddette ad "alta pressione" che si usano per le abbronzature che sono un'altra cosa rispetto ai nostri neon e con emissioni pericolose di UVC e di IR. Ne avevo anche una, una vecchia lampada abbronzante tedesca del '51, e quando si è bruciata la lampada e sono andato a cercare il ricambio mi hanno chiesto se volevo farmi venire un tumore.

 

Tra l'altro spiegami come fai a convincere la tarta acquatica a fare Basking proprio nei 5 minuti di accensione.

 

Le mie sono esposte per circa 12 ore tutti i giorni da settembre e non ho notato problemi.

 

Se la situazione fosse quella si sarebbero ridotte a delle salamandre in un paio d'ore.

 

Prova a fare una mail alla Sera e chiedi i dettagli.

Link to comment
Share on other sites

Il guaio è che spesso fanno pasticci con le traduzioni perchè chi traduce non conosce la materia.

 

Capita un po' con tutti gli argomenti.

 

L'importante è non limitarsi ad una sola fonte.

 

Ciao:)

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.