• Statistiche Sito

    Utenti Iscritti: 54,582
    Discussioni: 80,116
    Messaggi: 759,886
    Utenti Online: 81

    Ultimo Iscritto: fjox
  • Trachemys scripta scripta

    Classificazione

    Classe:
    Reptilia
    Ordine: Testudines
    Famiglia: Emydidae
    Genere: Trachemys
    Specie: Trachemys scripta
    Sottospecie: Tarchemys scripta scripta

    Nome Scientifico: Trachemys scripta scripta
    Nome Comune: Tartarughe dalle orecchie gialle


    Legislazione
    In libera vendita, non è soggetta a C.I.T.E.S.


    Distribuzione e habitat

    La Trachemys scripta scripta è originaria delle acque degli Usa, tra la Virginia meridionale e la Florida settentrionale.
    Il suo habitat ideale è nei laghi, nei torrenti, nei canali, nelle paludi, negli stagni e nei fiumi dal corso lento e fangoso, poco profondi, con fondali melmosi o sabbiosi con abbondanza di piante acquatiche e dove il cibo sia facilmente reperibile.


    Caratteristiche fisiche

    Le dimensioni di questa sottospecie cambiano a seconda del sesso dell'animale:
    per gli esemplari maschi le dimensioni sono notevolmente minori rispetto alle femmine, dai 15 a massimo 20 cm se cresciute in cattività, invece per gli esemplari femmina la grandezza del carapace oscilla tra i 20 e i 30 cm.

    Allegato 23671
    (foto di Headbanger )

    La crescita di questi esemplari è molto veloce si presume 1cm al mese.
    Le trachemys baby alla nascita hanno la grandezza di una moneta da 2 euro, il loro colore della pelle è verde brillante, sul carapace superiore ci sono striature di composizione circolare di diverse varietà di verde, si riconoscono appunto per le grandi linee gialle attorno al volto.

    Allegato 23672
    (foto di nanatartina)

    Con la crescita assumono una forma ovale schiacciata molto dinamica per il nuoto, il loro colore tende a scurirsi con il tempo fino a diventare nero o quasi.


    Caratteristiche comportamentali


    Questa tartaruga riesce a vivere tranquillamente in branchi di 10 esemplari, è un abilissima nuotatrice e cacciatrice, ama mangiare fino a scoppiare, se ci sono altre tartarughe nei paragi e afferrano il cibo scappano per non farselo fregare ma se il cibo viene preso da due tartarughe contemporaneamente, assisterete a dei tafferugli pazzeschi (come litigare per la preda), non preoccupatevi che è una cosa normale, dopo un po la vincitrice si pappera il sudato premio. Per finire passano le ore più calde della giornata a crogiolarsi al sole ovvero fare basking. Queste distendono le zampe posteriori e il collo per aumentare la superficie corporea e catturare piu calore possibile, con questo preocedimento regolano la loro temperatura corporea. La sua alimentazione è onnivora, le baby prediligono una dieta piu variegata, invece le adulte mangiano meno volte a settimana e la loro dieta è prettamente vegetale.


    Dimorfismo sessuale e riproduzione


    Nel dimorfismo sessuale i maschi hanno unghie molto lunghe che possono arrivare fino a 3 cm, che servono per facilitare la danza di accoppiamento, e una coda molto lunga con estremità molto larga e apertura della (EN) cloaca posta alla sua estremità, in prossimità della punta;

    Allegato 23673
    (foto di Headbanger )

    le femmine invece hanno una coda sottile con la cloaca posta alla base della coda per aiutarle durante la deposizione delle uova.

    Allegato 23674
    (foto di Headbanger )

    Le uova vengono tenute in grembo per un periodo che varia dai 30 ai 60 giorni, e dopo esser state deposte in un terriccio umido e caldo bisogna aspettare dai 2 ai 4 mesi prima di vederle schiudersi. Una tartaruga può deporre dalle 5 alle 20 uova in ogni covata e ogni anno fa circa tre covate.Il sesso dei nuovi nati dipende dalla temperatura, ovvero se le uova vengono deposte in un luogo con meno di 27 gradi nascerà una tartaruga di sesso maschile, mentre se vengono deposte in un luogo con temperatura di 30 gradi o superiore, nascerà una tartaruga di sesso femminile. Le covate che nascono a una temperatura compresa tra i 27 e i 30 gradi generano esemplari di diverso sesso, a seconda di quali uova restano più al caldo.

    Allegato 23675
    (foto da google)
    (è sconsigliata la riproduzione in cattività)
    Alimentazione

    Da definire...

    Allevamento


    In natura
    Le tss in natura si possono tenere tranquillamente in giardino in un laghetto delle dimensioni 3x2m e profondo almeno 1m, questa profondità è consigliata per il letargo in modo da mantenere una temperatura dell'acqua al di sopra dei 4°, il letargo dura per tutto il periodo invernale, quest'ultimo è consigliato solo aper gli esemlari più adulti.
    Allegato 23676

    (foto di mery_93 )

    In cattivita

    Le tss in cattività date le grandi dimensioni che possono raggiungere, hanno bisognio di un terracquario molto grande delle dimensioni 120x60x60(consigliata per due esemplari).
    Il terracquario deve essere accogliente e pulito in modo da evitare malattie e odori sgradevoli.
    Questo DEVE essere attrezzato dei seguenti oggetti, essenziali per una sana crescita della tartarugha:
    1-la zona emersa, questa deve occupare circa il 30% della superficie è fondamentale per permettere alle nostre tartarughe di fare basking, si consiglia un pezzo di sughero grezzo o l'isolotti con ventosa in modo da non occupare spazio per il nuoto.
    2-al di sopra della zona emersa devono essere posizionate due lampade, la spot (lampada riscaldante) ha la funzione di tenere la temperatura della zona emersa a 30°circa, questa deve essere posizionata a una distana superiore a i 20cm in modo da evitare ustioni per la nostra tartarugha ( va accesa nelle ore più calde della giornata in modo da simulare il calore del sole).La lampada uvb (ultravioletti) non scalda ma ha la funzione di riprodurre i raggi solari, in modo tale da permettere di sintetizzare il nutrimento assunto la mattina e produrre la vitamina d3 essenziale per la crescita del carapace e la salute della tartaruga. Quest'ultima deve essere posizionata a una distanza non superiore a i 30cm (altrimenti perderebbe il suo effetto), per le tartarughe è consigliato avere una lampada con percentuale di Uv-b pari al 5% e non superiore ne inferiori (la 2% va bene per gli anfibi, la 10% è dannosa, ci sono alcune percentuali tipo la 6%-7%-8% che son utili per altri animali).
    3-un buon termoriscaldatore, è essenziale tenere la temperatura dell'acqua intorno ai 22/23°, se l'acqua è troppo fredda o troppo calda si rischia il letargo,il semiletargo(molto rischioso perché la tarta consuma molto ma mangia poco) e l'estivazione(praticamente il letargo per il troppo caldo). Si consiglia di acquistare un riscaldatore esterno, in maniera che difficilmente possa andare in blocco (cuocendo le tartarughe) e attraverso il suo funzionamento, ovvero scaldando l'acqua che passa all'interno, si ha un maggiore risparmio energetico. Per sapere da quanti W prendere il riscaldatore basta seguire questa regola 1W=1L .
    4- un buon filtro, le tartarughe sporcano molto quindi un buon filtro può evitare sgradevoli odori e all'inizio aiuta a non procurare patologie oculari, ascessi, scud e altre malattie più o meno gravi. Si consiglia di utilizzare un filtro esterno riempito con soli cannolicchi di almeno 3 volte il litraggio del terracquario.

    Allegato 23677
    (foto di nespolissimo )
    Questo articolo era stato originariamente pubblicato nella discussione del forum: Re:Scheda Trachemys scripta scripta iniziato da simone.erriu Visualizza Messaggio Originale


A proposito di TartaPortal

    Portale dedicato alle tartarughe terrestri ed acquatiche.
    Punto di incontro per gli appassionati e in collaborazione con gli utenti.

Follow us on

Twitter Facebook youtube Flickr DavianArt Dribbble RSS Feed