Dal sito di www.cercocasa.ilcannocchiale.it è stato scritto questo messaggio:




02:57







1.725 visualizzazioni




VegAnch'io. Sì, tu sì.

RICERCA AEROSPAZIALE. ANCHE QUESTA E' SPERIMENTAZIONE SU ANIMALI VIVI
Questa è la storia di Laika, prima creatura vivente - e soprattutto IGNARA - a essere mandata nello spazio. Lo Sputnik era già stato lanciato con grande successo e i russi erano impazienti di lanciare lo Sputnik 2. Questa volta avrebbero usato Laika. Lei è qui ritratta con uno scienziato russo il quale, sapendo che sarebbe stato un volo senza ritorno, portò Laika a casa propria, per farla giocare un po' con i suoi figli, prima del decollo. Qui vedete Laika, seduta nella capsula, mentre viene fotografata per la stampa, totalmente fiduciosa nei suoi padroni. Lei fu caricata nella capsula il 31 ottobre 1957 e fu legata con una catena. Le misero a disposizione cibo e acqua sotto forma di gel. Durante l'ascesa, il battito cardiaco di Laika raggiunse il triplo di quello normale; lei era agitata, ma mangiava il suo cibo. Dopo poche ore fu evidente che c'era un problema e il sistema termico di controllo andò in avaria. Laika morì di panico e di stress, dovuto al surriscaldamento, dopo cinque ore dal decollo. ll 14 aprile 1958, circa sei mesi dopo il lancio, la navicella spaziale che portava il corpo di Laika esplose nell'atmosfera. Anni dopo sono state messe lapidi in sua memoria e qualche scienziato ha espresso rammarico per la sua morte, affermando che nessuna ricerca avrebbe potuto giustificarla. Una cosa possiamo ricavare da questa vicenda: esiste ancora il problema della crudeltà sugli animali. Almeno a questo serva la morte di Laika, a denunciare la violenza sugli animali. Ciao, piccola Laika.







...

Clicca qui per vedere il messaggio orginale e leggerlo tutto.