Dal sito di www.cercocasa.ilcannocchiale.it è stato scritto questo messaggio:





Freccia 45.org

!!! DANIZA UCCISA 2 VOLTE !!!
LA COMMISSIONE EUROPEA NON INTERVIENE E RESPINGE LA DENUNCIA DEPOSITATA DA EDOARDO GANDINI, MONICA FRASSONI E DAL DOTT. MASSIMO TETTAMANTI
Freccia 45.org è disgustata !
Nonostante la denuncia firmata da Edoardo Gandini, Monica Frassoni e dal Dott. Massimo Tettamanti e depositata contro l’Italia per violazione della Direttiva 92/43/CEE (cosiddetta Direttiva habitat) e della Direttiva 2000/60/CE (cosiddetta Direttiva acque), la Commissione Europea ha deciso di non procedere ad alcun accertamento sui fatti denunciati.
La risposta ? “LA COMMISSIONE NON È COMPETENTE PER CONDURRE ISPEZIONI SUL POSTO NEGLI STATI MEMBRI”.
Nella prima parte della risposta, la Commissione richiama la normativa e, in particolare, l’aspetto relativo alla “protezione rigorosa” dell’orso bruno e al regime derogatorio ai divieti di perturbazione, cattura e abbattimento degli esemplari di questa specie: “ai sensi dell’articolo 16 della Direttiva, gli Stati membri hanno la facoltà di derogare dal rigoroso regime di protezione e consentire la cattura o il controllo letale di individui problematici, tra l’altro per prevenire gravi danni al bestiame o nell’interesse della sanità e della sicurezza pubblica, a condizione che non esistano soluzioni alternative, e che la deroga non pregiudichi il mantenimento delle specie interessate in uno stato di conservazione soddisfacente, nella sua area di ripartizione naturale”. Dunque, l’articolo 16, permette di derogare ai suddetti divieti nelle esclusive situazioni specificate e solo qualora sia documentato che “non esiste un’altra soluzione valida”, ma mai ammette la deroga sulla base della semplice presenza di “individui problematici”. Infatti, nel seguito della risposta, “in base alle informazioni disponibili” la Commissione riassume brevemente (8 righe!) la vita di Daniza ricostruita esattamente come descritta dalla Provincia Autonoma di Trento per giustificare le proprie azioni.
Quello che colpisce è l’assoluta assenza di motivazioni a sostegno della scelta di non voler dar seguito alla denuncia ricevuta.
LA COMMISSIONE NON ESAMINA, NON CONTESTA, NON PRENDE POSIZIONE E NON FA ALCUN RIFERIMENTO AD ALCUNO DEGLI ELEMENTI – IN FATTO E IN DIRITTO – PORTATI ALLA SUA ATTENZIONE NELLE OLTRE 60 PAGINE DELLA DENUNCIA.
La Commissione, in conclusione della propria risposta con la quale ha comunicato la decisione di non dar seguito alla denuncia, si spinge addirittura a suggerire al denunciante “di contattare direttamente le Autorità nazionali competenti, per esaminare la conformità dei provvedimenti adottati con le disposizioni nazionali di recepimento della legislazione ambientale europea e, se necessario, applicare le relative sanzioni”.
La storia di Daniza rappresenta una sconfitta delle nostre Istituzioni, della Politica e, in definitiva, della società tutta.
Tratto dall’articolo scritto da Edoardo Gandini. Leggi la completa analisi alla pagina: http://www.edoardogandini.eu/uccisione-daniza-per-lei-la-…/…




...

Clicca qui per vedere il messaggio orginale e leggerlo tutto.