Dal sito di www.cercocasa.ilcannocchiale.it è stato scritto questo messaggio:

https://www.facebook.com/photo.php?f...type=1&theater

SPERIMENTAZIONE ANIMALE. ENPA: LA PROCEDURA D'INFRAZIONE OBIETTIVO TATTICO DEI VIVISETTORI


Se l'Italia è in procedura d'infrazione, la responsabilità è della lobby della sperimentazione animale e di quanti hanno ritardato il recepimento della direttiva – che, lo ricordiamo è datata 2010 – proprio per arrivare a questo punto. Per usare cioè la procedura di infrazione come uno strumento di pressione ed ottenere così una regolamentazione della materia che permetta ai vivisettori di portare avanti i loro test senza garantire agli animali neanche una tutela minima.» Lo dichiara l'Enpa, che prosegue: «Del resto, com'è possibile, a tre anni di distanza dall'emanazione della direttiva stessa, che ci si sia accorti solo oggi che il nostro Paese corre il rischio di essere condannato in sede europea? E come mai questo senso di improcrastinabile urgenza che viene avvertito per le numerose altre procedure a carico dell'Italia (molte proprio in materia ambientale), dalle quali rischiamo multe altrettanto salate?»

«Ciò – aggiunge la Protezione Animali – non può e non deve essere il grimaldello attraverso il quale compiacere la lobby dei vivisettori e, di conseguenza, contraddire l'orientamento degli italiani, i quali, come rileva l'Eurispes, si oppongono ai test sugli animali.»

La sperimentazione animale infatti è un metodo che non è stato mai validato scientificamente. La prestigiosa rivista scientifica "Nature" nel 2005 ha pubblicato e sostenuto le considerazioni di T. Hartung (direttore dell'European Union Reference Laboratory for alternatives to animal testing) che ha definito come cattiva scienza i test sugli animali. Difatti mentre milioni di animali (tra cui: ratti, topi ma anche cani, gatti, scimmie, primati) muoiono ogni anno nei laboratori di tutto il mondo a causa della presunta ricerca per i farmaci, gli stessi non ci salvano la vita. Anzi, sono centinaia i farmaci ritirati ogni anno nel mondo e la quarta causa di morte nei Paesi industrializzati è da collegarsi agli effetti collaterali generati da essi.

«Per questa ragione pretendiamo – conclude l'Enpa -, in nome della scienza medica e della tutela dei malati, che siano immediatamente incrementati e finanziati i metodi di ricerca sostitutivi (in Gran Bretagna vengono stanziate 6,5 milioni di sterline l'anno, in Italia appena 80mila euro), in grado di garantire non solo risultati assolutamente affidabili – come dimostrato dalla letteratura scientifica gli esperimenti sugli animali falliscono nel 99,7% dei casi -, ma anche tempi ridotti nella sperimentazione, risparmio di denaro e, non ultimo, risparmio di vite animali e umane. Questa necessità è prevista della Direttiva, mentre in Italia si continua a sperimentare pedissequamente sugli animali e a ripetere test inutili.»











...

Clicca qui per vedere il messaggio orginale e leggerlo tutto.