Freccine    Rettili Mania - Negozio on-line per rettili    Entra su AnimalBazar - Classifica Siti Animali e vota per il sito!!!      

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27

Discussione: Plecostomus o Ancistrus?

QR CODE
http://www.tartaportal.it/showthread.php?t=53003
  1. #1
    L'avatar di gimar 19
    Just a yellow lemon-tree

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Località
    roma
    Messaggi
    1,511
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Plecostomus o Ancistrus?

    Cosa mi consigliate? Qual'è il più facile da allevare?

  2. #2
    L'avatar di Camus
    vampiro mannaro

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    from Sicilia to Milan!
    Messaggi
    1,245
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Plecostomus o Ancistrus?

    Ancistrus!!!

    Più che altro per le dimensioni! Non penso che vorrai ritrovarti in acquario una bestia da 40/50 cm xD

  3. #3
    L'avatar di zippo90
    Ci Sono Sempre

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Castelverde di Lunghezza
    Messaggi
    19,349
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    79
    Ringraziato 90 volte in 82 post
    Downloads
    9
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 62/73
    Given: 19/1

    Re: Plecostomus o Ancistrus?

    Io opterei per il secondo, ecco un sito che ti interesserà:

    Ancistrus

    ..............
    tartarughe
    Trachemys scripta scripta, Trachemys scripta trostii, Trachemys scripta elegans, Trachemys scripta ibridi, Sternotherus odoratus, Sternotherus carinatus, Kinosternon cruentatum cruentatum, Kinosternon subrubrum subrubrum, Kinosternon leucostotum postinguinale, Platemys platicephala platicephala
    Testudo graeca graeca, Testudo graeca nabeulensis, Testudo graeca terrestris, Testudo graeca ibera Testudo hermanni hermanni, Testudo marginata "sarda", Testudo horsfieldii horsfieldii

    Agamidae
    Pogona viticeps, Intellagama lesueurii lesueurii, Draco volans


    Gerrhosauridae
    Gerrhoasaurus major bottegoi

    Lacertidae
    Gallotia stehlini

    Scincidae
    Acontias percivalli percivalli, Amphiglossus reticulatus, Chalcides ocellatus ocellatus, chalcdes sexlineatus sexlineatus, Dasia olivacea, Eutropis multifasciata, Lamprolepis smaragdina, Novoeumeces schneideri schneideri, Riopa fernandi fernandi, Scincus conirostris, Scincus mitranus, Scincus scincus, Tiliqua gigas gigas, Tribolonotus gracilis


  4. #4
    L'avatar di gimar 19
    Just a yellow lemon-tree

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Località
    roma
    Messaggi
    1,511
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Plecostomus o Ancistrus?

    Grazie camus e grazie zippo, qualcuno di voi due lo ha allevato? Come risulta?
    Anche io optavo per un' ancistrus ma il problema è che di 4 cm non se ne trovano solo baby o adulti.Mentre di pleco se ne trovano tanti sui 4-5 cm.
    Il prob è che se le mie tarte vedessoro un nuovo pesce penserebbero che è il loro cibo allora lo torturerebbero mentre se ne prendessi uno grande come loro avrebbero qlk problema.
    mi è venuto questo dubbio perchè i corydoras non li toccano neanche morti e convinto di ciò allora presi 4 platy.......risultato: me ne è rimasto uno solo

  5. #5
    L'avatar di Camus
    vampiro mannaro

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    from Sicilia to Milan!
    Messaggi
    1,245
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Plecostomus o Ancistrus?

    io ti consiglio di aspettare...dovresti prenderli sui 5-6 cm così sai se sono maschio e femmina..non prenderne più di due...il problema col plecostomus è che fra qualche anno non avrai dove metterlo, laghetto a parte

  6. #6
    L'avatar di gimar 19
    Just a yellow lemon-tree

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Località
    roma
    Messaggi
    1,511
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Plecostomus o Ancistrus?

    Ne vorrei prendere uno solo, la convivenza con i corydoras creera problemi?

  7. #7
    L'avatar di zippo90
    Ci Sono Sempre

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    May 2008
    Località
    Castelverde di Lunghezza
    Messaggi
    19,349
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    79
    Ringraziato 90 volte in 82 post
    Downloads
    9
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 62/73
    Given: 19/1

    Re: Plecostomus o Ancistrus?

    Quelli che ti interessano non ancora, per adesso solo un po di ampullarie però ecco qui cosa riporta un buon sito:

    Pesci pulitori
    by Balabam

    Cos'è un pesce pulitore? ...un po' di chiarezza














    Sul motivo per cui gli Ancistrus non dovrebbero essere definiti col generico termine di pesci pulitori abbiamo già accennato nella sezione delle leggende metropolitane. Approfondiamo qui il concetto e cerchiamo di dare una panoramica delle famiglie e delle specie di pesci che, ahimè, vengono definite erroneamente “pesci pulitori”, spiegandone per quanto possibile le peculiarità. Ci sono due cause fondamentali per cui è sbagliato definire l'Ancistrus un pesce pulitore.
    - Col concetto di “pesce pulitore” vengono generalmente identificate specie simili per forma o abitudini, e ciò può ingenerare (come accade sovente) confusione, confondendo con questo appellativo animali che in realtà non hanno praticamente nulla in comune, se non il fatto di condurre la maggior parte della propria vita sul fondo dell'acqua (vita bentonica).
    - In realtà i cosiddetti “pesci pulitori”, a differenza di quanto il nomignolo potrebbe lasciare credere, non puliscono affatto l'acquario. La credenza comune dei neofiti, supportata dall'appellativo di “pesce pulitore”, prevede che esistano in natura (e di rimando anche in acquario), animali deputati a tenere salubre e pulito l'ambiente in cui altri pesci vivono, mangiando alghe o feci, a seconda dei casi.


    Se è vero che gli Ancistrus possono, sebbene in misura più ridotta di quanto si creda comunemente, nutrirsi di alcuni tipi di alghe, non esistono assolutamente pesci in grado di nutrirsi di escrementi di altri pesci, o per lo meno non ne esistono di allevabili in un comune acquario. Ricordiamo inoltre una cosa banale ma a volte poco considerata: un pesce che si nutre di qualcosa poi deve comunque espellerla, in qualche forma!
    Riportiamo qui di seguito i più diffusi pesci da fondo, suddividendoli nelle due categorie che erroneamente li accomunano: i cosiddetti “pulitori di vetro” e i cosiddetti “pulitori di fondo”, allo scopo di fare un po' di chiarezza sull'argomento.
    Pesci pulitori di vetro”
    Questa categoria comprende tipicamente i pesci dotati di bocca “a ventosa”, che usano questa caratteristica per attaccarsi agli oggetti e, ovviamente, ai vetri. In natura ciò serve a contrastare col minimo sforzo le forti correnti nelle quali questi pesci vivono abitualmente.
    I loricaridi (Loricariidae) sono la famiglia che annovera la stragrande maggioranza dei pesci dotati di questa peculiarità. In acquariologia, oggi, i generi più diffusi sono gli Ancistrus, gli Hypostomus, i Glyptoperichtys, i Gyrinocheilus, e gli Otocinclus. Accanto ai pesci con bocca a ventosa prendono il nomignolo di pulitori da vetro anche alcuni generi di lumache d'acqua come l'Ampullaria e la Neritina. Anche queste, per loro ovvia abitudine, scorrazzano sulle superfici nutrendosi di ciò che vi trovano e che sia per loro commestibile.


    Pesci pulitori di fondo”
    Se la categoria dei “pulitori da vetro” comprende per la maggior parte pesci appartenenti alla vastissima famiglia dei loricaridi, quella di “pulitori da fondo” o “pesci spazzini” comprende pesci appartenenti all'altrettanto nutrita famiglia dei callichtidi (Callychtideae). In acquariofilia sono molto diffusi alcuni generi in particolare, come i Botia (oggi denominati Chromobotia), che ahimè nella stragrande maggioranza dei casi vengono allevati in acquari inadatti a loro per dimensioni o arredamento, i Corydoras, i Pangio, i Labeo. Oltre ai pesci esistono anche altri organismi che svolgono vita prevalentemente bentonica. In particolare si è diffuso in anni recenti l'allevamento di gamberetti come caridina e neocaridina, anch'essi considerati “spazzini”.




    Corydoras
    Nomi usati: Pulitore di fondo
    Abitudini: Le diverse specie di Corydoras hanno ciascuna un'area di endemismo ristretta rispetto a quella tipica di altri pesci appartenenti alla famiglia dei Callichthidae, tuttavia nel suo complesso il genere Corydoras è diffuso in un grande areale tra le pendici delle Ande e la costa atlantica, dal sud degli Stati Uniti al bacino del fiume La Plata nel nord dell'Argentina. I Corydoras generalmente popolano zone a corrente bassa di piccoli corsi d'acqua ai margini di grandi fiumi. Hanno l'abitudine i vivere in gruppi, composti in alcuni casi da centinaia di esemplari. Si nutrono cercando piccoli animali, vermi e larve nel fondo coi loro barbigli sensibili.
    Allevamento in acquario: I Corydoras sono pesci pacifici che andrebbero allevati in acquari con un fondo sabbioso o composto di ghiaia fine, in modo da consentire loro di procurarsi il cibo setacciandolo col proprio apparato boccale. Nutrendosi in natura setacciando il fondo è necessario garantire loro la possibilità di farlo anche in acquario, alimentandoli con apposite pastiglie affondanti friabili. Hanno un comportamento sociale piuttosto evidente e dovrebbero essere allevati in gruppi della stessa specie, dato che la convivenza consente loro di sentirsi protetti e al sicuro. Le specie maggiormente diffuse (aeneus, paleatus, ecc.) sono piuttosto semplici da allevare, mentre altre specie meno diffuse e catturate direttamente in natura possono trovare difficoltà nell'ambientamento e sono molto più sensibili a condizioni ambientali diverse da quelle ottimali.
    Specie e varianti diffuse: Come per molte altre famiglie di catfishes, anche per i Corydoras non esiste ancora una tassonomia condivisa e vengono scoperte continuamente nuove specie. Nel Maggio 2008 risultano assegnate 155 possibili attribuzioni di specie, 32 delle quali sono già classificate definitivamente con un nome scientifico appropriato. I più diffusi in acquariofilia sono senz'altro i Corydoras aeneus e i Corydoras paleatus, anche nelle rispettive varianti albine. Queste due specie vengono regolarmente riprodotte in cattività. E' possibile trovare in commercio, con minore facilità, anche altre specie.
    Gyrinocheilus aymonieri
    Nomi usati: Chinese algae eater, mangiatore di alghe cinese
    Abitudini: in natura è diffuso nei bacini del Chao Phraya e del Meklong. Vive in fiumi medio-grandi, aggrappandosi con la propria bocca a ventosa alle superfici solide in acque movimentate. E' un pesce prevalentemente erbivoro, si nutre principalmente di alghe, periphyton e phytoplankton, ma anche di larve di insetti e zooplankton.
    Allevamento in acquario: in natura può raggiungere dimensioni di poco inferiori ai 30cm. E' una specie territoriale in età adulta e può disturbare i compagni di vasca. Il suo inserimento in acquario va attentamente ponderato.
    Altre specie e varianti diffuse: Gyrinocheilus aymonieri giallo, Gyrinocheilus aymonieri maculato.
    Otocinclus affinis
    Nomi usati: Oto
    Abitudini: diffuso in natura nei dintorni di Rio de Janeiro. E' un pesce prevalentemente notturno, alghivoro.
    Allevamento in acquario: andrebbe allevato in piccoli gruppi di 5 o più esemplari. E' un pesce piuttosto timido e di piccole dimensioni. La convivenza con pesci territoriali di dimensioni grandi è sconsigliabile.
    Altre specie e varianti diffuse: Oticinclus niger
    Crossocheilus siamensis
    Nomi usati: siamese algae-eater, mangiatore di alghe siamese
    Abitudini: è diffuso in natura nei bacini del Mekong, Chao Phraya e Xe Bangfai. Abita abitualmente la zona del fondo dei fiumi, ma nel periodo delle piogge si sposta nelle foreste inondate nelle quali si riproduce. Si nutre di alghe, periphyton e phytoplancton.
    Allevamento in acquario: E' un pesce piuttosto vivace che ama la vita di gruppo, ma che può infastidire compagni di vasca più timidi. Le sue dimensioni e il suo carattere rendono consigliabile allevarlo in acquari da 200 litri in su in piccoli gruppi.
    Chromobotia macracanthus
    Nomi usati: botia macracantha, botia pagliaccio, pesce mangialumache
    Abitudini: diffuso in Indonesa, a Sumatra e nel Borneo. Si nutre prevalentemente di vermi, lumache, crostacei e piccoli pesci che popolano il fondo. Raggiunge dimensioni ragguardevoli che possono superare i 30cm. E' territoriale e può rivelarsi piuttosto aggressivo verso gli altri pesci.
    Allevamento in acquario: Date le dimensioni notevoli che raggiunge in natura e la propensione ad infastidire i compagni di vasca, è consigliabile allevarlo in acquari dai 400 litri in su in piccoli gruppi.
    Altre specie e varianti diffuse: Botia striata, Botia kubotai, Botia morleti
    Pangio kuhlii
    Nomi usati: Acantophtalmus kuhlii
    Abitudini: E' un pesce vermiforme appartenente alla famiglia dei cobitidi di origine asiatica, diffuso prevalentemente nelle zone sabbiose e melmose dei corsi d'acqua di Tailandia, Malesia, Borneo, Sumatra, Java, Indonesia. Si ciba di piccoli organismi che popolano il fondo.
    Allevamento in acquario: E' un pesce piuttosto timido che ama la vita di gruppo. E' bene dare loro la possibilità di nascondersi in numerosi nascondigli, costituiti da piante intricate, oggetti cavi, e simili. E' anche in grado di nascondersi sotto la sabbia per sentirsi al sicuro. Date le abitudini in natura non si sentono a loro agio con una luce forte.

    Pomacea bridgesi


    Nomi usati: Ampullaria, lumaca d'acqua dolce




    Abitudini: E' una lumaca con conchiglia, originariamente diffusa in natura in acque ferme nel bacino del Rio delle Amazzoni. Negli ultimi decenni ha espanso il proprio areale fino al sud degli Stati Uniti e si è diffusa anche nel Sud-est asiatico. Le Pomacea sono animali onnivori e opportunisti, capaci di cibarsi di una grande varietà di cibi, purchè abbastanza teneri da essere ingurgitati. Diventano particolarmente attive nella ricerca del cibo la notte, quando la minaccia dei predatori si riduce e possono compiere brevi escursioni fuori dall'acqua.




    Allevamento in acquario: Le Pomacea sono solitamente disponibili in commercio nelle varianti gialla o marrone striato, ma da qualche tempo si stanno diffondendo anche quelle azzurre e viola. Non richiedono grossi accorgimenti per essere allevate con successo in acquario, tuttavia è indispensabile garantire loro temperatura adeguata, possibilmente compresa tra i 24 e i 26 gradi e un giusto apporto di cibo. Il guscio di questi animali tende a sfaldarsi pericolosamente se non vengono nutriti a sufficienza.


    Altre specie e varianti diffuse: Pomacea canaliculata, inoltre esistono numerose razze selezionate di Pomacea bridgesi, che differiscono prevalentemente per il colore della conchiglia e del piede.


    Gastromyzon punctulatus


    Nomi usati: Pesce doppia ventosa, Pulitore di vetro


    Abitudini: Piccolo pesce appartenente alla famiglia Balitoridae, diffusa nell'area eurasiatica. E' un pesce reofilo, che vive cioè in acque correnti, e questa caratteristica lo ha portato ad evolvere in modo simile ai pesci apparteneti alla famiglia Loricaridae, a cui infatti è morfologicamente simile. Tale somiglianza è un caso tipico di convergenza evolutiva, che accomuna l'evoluzione di pesci endemici di aree diverse del mondo (Sudamerica per i Loricaridae e Asia per i Balitoridae).


    Allevamento in acquario: I Gastromyzon, come tutti i Balitoridae comunemente in commercio, sono pesci poco adatti alla vita in un normale acquario di comunità. Necessitano infatti di vivere in acqua fredda e piuttosto mossa. L'utilizzo di un termoriscaldatore o le semplici temperature estive sono assai mal tollerate da questi pesci, che amano invece vivere a temperature tra i 15 e i 20 gradi. Anche il loro carattere, molto timido, li rende adatti esclusivamente alla convivenza con pesci di piccole dimensioni che non li possano spaventare o attaccare. Caratteristica tipica di questi pesci è che quando sono spaventati si immobilizzano attaccandosi saldamente alla superficie, e in questo stato sono facile preda dei pesci più grossi. Assai timidi, rischiano anche di essere sopraffatti nella competizione alimentare con i coinquilini, debilitandosi lentamente fino a soccombere.


    Altre specie e varianti diffuse: Gastromyzon, Pseudogastromyzon, Beaufortia, Scisturasono i generi più diffusi in commercio.



    Fonte: Pesci pulitori - un po' di chiarezza
    .................................................. .....
    Ultima modifica di zippo90; 03-01-10 alle 16:15
    tartarughe
    Trachemys scripta scripta, Trachemys scripta trostii, Trachemys scripta elegans, Trachemys scripta ibridi, Sternotherus odoratus, Sternotherus carinatus, Kinosternon cruentatum cruentatum, Kinosternon subrubrum subrubrum, Kinosternon leucostotum postinguinale, Platemys platicephala platicephala
    Testudo graeca graeca, Testudo graeca nabeulensis, Testudo graeca terrestris, Testudo graeca ibera Testudo hermanni hermanni, Testudo marginata "sarda", Testudo horsfieldii horsfieldii

    Agamidae
    Pogona viticeps, Intellagama lesueurii lesueurii, Draco volans


    Gerrhosauridae
    Gerrhoasaurus major bottegoi

    Lacertidae
    Gallotia stehlini

    Scincidae
    Acontias percivalli percivalli, Amphiglossus reticulatus, Chalcides ocellatus ocellatus, chalcdes sexlineatus sexlineatus, Dasia olivacea, Eutropis multifasciata, Lamprolepis smaragdina, Novoeumeces schneideri schneideri, Riopa fernandi fernandi, Scincus conirostris, Scincus mitranus, Scincus scincus, Tiliqua gigas gigas, Tribolonotus gracilis


  8. #8
    L'avatar di gimar 19
    Just a yellow lemon-tree

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Località
    roma
    Messaggi
    1,511
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Plecostomus o Ancistrus?

    no, non ti proccupare non voglio usare come pulitore è solo che mi piace molto ed è un pesce che cresce più delle mie tarte quindi non avrò problemi di aggrssioni da parte delle tarte . l'unico prolblema è se può convivere con 5 corydoras

  9. #9
    L'avatar di Camus
    vampiro mannaro

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    from Sicilia to Milan!
    Messaggi
    1,245
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Plecostomus o Ancistrus?

    per la convivenza il problema risiede nel cibo...se (dopo che ci sarà grande differenza in dimensioni) riuscirai ad alimentare ancistrus e corydoras in egual misura, non avrai problemi...

  10. #10
    L'avatar di Luciapalazzi
    Assiduo

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Apr 2009
    Località
    bergamo
    Messaggi
    562
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Plecostomus o Ancistrus?

    Comunque con le tarte non ha vita facile neanche un pleco di 30 cm! Ne mangeranno un pezzetto per volta fino alla solita fine...anche se sono piccole cresceranno! Poi per un pleco ci vogliono almeno almeno 200/300 litri! Vai di ampullarie che puoi riprodurre facilmente!

Discussioni Simili

  1. Povero plecostomus
    Di WindFox nel forum Allevamento
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 11-09-09, 00:01
  2. Problemi con Plecostomus (pesce ventosa)
    Di biocenosi nel forum Allevamento
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 26-08-09, 10:28
  3. tarta + hypostomus plecostomus
    Di raydenagain nel forum Allevamento
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 03-01-09, 07:08
  4. alimentazione plecostomus?
    Di turtle fan nel forum Altri Animali...
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-06-08, 22:41

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


A proposito di TartaPortal

    Portale dedicato alle tartarughe terrestri ed acquatiche.
    Punto di incontro per gli appassionati e in collaborazione con gli utenti.

Follow us on

Twitter Facebook youtube Flickr DavianArt Dribbble RSS Feed