Freccine    Rettili Mania - Negozio on-line per rettili    Entra su AnimalBazar - Classifica Siti Animali e vota per il sito!!!      

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 23

Discussione: Attivazione Filtro Esterno

QR CODE
http://www.tartaportal.it/showthread.php?t=1641
  1. #1
    L'avatar di Danilo
    Assiduo

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Novara
    Messaggi
    659
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0
    Ho finalmente acquistato un filtro esterno. Ho preso un Askoll Pratiko 400.

    Qualcuno potrebbe elencarmi i vari passaggi utili all'attivazione e alla manutenzione di questo filtro?

    Sarebbe comodo, se già non fosse presente (ho cercato ma non ho trovato) un elenco di punti che indicano come ci si deve comportare per
    - Attivazione
    - Manutenzione e pulizia
    - Cura del filtro e consigli per non "far morire" i batteri

    Grazie a tutti per la collaborazione.

    (Se fosse già esistente un documento simile potreste indicarmi il link dove trovarlo? grazie :P )


    Danilo

  2. #2
    L'avatar di Paolo61
    Fedele

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,921
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0
    Su quasta discussione trovi come avviare il filtro:
    http://www.tartaportal.it/index.php...topic=1567&st=0

    Mi raccomando il filtro deve girare a vuoto almeno 4 settimane altrimenti l'eccessivo carico biologico delle tartarughe fa collassare il filtro e si vanifica la sua installazione.
    Per una maggiore sicurezza che la colonia è attiva la si può avere facendo i test dei nitriti e nitrati dell'acqua

  3. #3
    L'avatar di pminotti
    Mah? Chi può dirlo?

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    36,288
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 8 volte in 4 post
    Downloads
    4
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 5/7
    Given: 0/0
    I punti sono pochi ma importanti.

    Immagino che avrai riempito di cannolicchi o di biostelle i primi tre scomparti, lasciando nell'ultimo la zeolite.

    Riempi l'acquario con acqua declorata e fai partire il filtro seguendo le istruzioni.

    Se vuoi usare colonie di batteri controlla di non doverli mettere direttamente nel filtro.

    In questo caso controlla bene la qualità dell'acqua che usi, se no è inutile perchè muoiono subito. Preferisco usare quelli da mettere nell'acquario dopo alcuni giorni.


    A questo punto apetti 20 o 30 giorni controllando il livello.

    E' meglio se fai i test della qualità dell'acqua. La cosa più semplice è comprare un pacchetto di strisce multitest.


    Dopo di che metti le tartarughe e controlli ancora dopo un po'. Avrai inizialmente un aumento di ammoniaca, che dovrebbe sparire dopo poco.

    Quando fai pulizia, apri il filtro, togli i contenitori e metti quelli con i cannolicchi in un contenitore con l'acqua presa dall'acquario per non far morire i batteri.

    Il resto lo lavi normalmente. Al più puoi riattivare la zeolite mettendola a bagno negli appositi sali. A parte che si fa prima a cambiarla che costano quasi uguali.

    E' importante che il filtro non aspiri sabbia o detriti, se no si intasa il filtro meccanico iniziale.

    é anche importante che il filtro non rimanga spento a lungo perchè se no i batteri muoiono per mancanza di ossigeno.

    Ciao
    Le incubatrici Il Te come antiinfiammatorio

    Per parlarmi MP o e-mail
    pminotti@tartaportal.it

    Politics is the art of looking for trouble, finding it everywhere, diagnosing it incorrectly and applying the wrong remedies. - Groucho Marx

  4. #4
    L'avatar di Danilo
    Assiduo

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Novara
    Messaggi
    659
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0
    Grazie mille per le risposte.

    Il filtro non mi è ancora arrivato... dovrebbero consegnarmelo in questi giorni quindi non l'ho ancora potuto "studiare".

    Il dubbio è sui batteri... su come "funzionano" e come fare per non farli morire.

    Quando riempio la vasca la prima volta posso utilizzare acqua del rubinetto lasciata "depositare" per uno o due di giorni?

    Ogni quanto, con il filtro esterno, va sostituita parte di acqua? e come devo procedere?

    Grazie ancora e scusate le mille domande

    Danilo

  5. #5
    L'avatar di pminotti
    Mah? Chi può dirlo?

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    36,288
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 8 volte in 4 post
    Downloads
    4
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 5/7
    Given: 0/0
    Per il "funzionamento" dei batteri, guarda

    qui

    Quando fai partire l'acquario usa l'acqua del rubinetto lasciata riposare, che userai anche per i successivi rabbocchi. Se analizzando l'acqua dopo un paio di giorni vedi che ci sono valori strani puoi aggiungere acqua minerale naturale o acqua distillata oppure, a seconda del problema, usi un prodotto tipo l'acquasafe per far precipitare i sali disciolti.

    Dopo un altro paio di giorni, così siamo tranquilli che cloro e eventili solventi, lubrificanti o altro presenti nel filtro sono usciti e diluiti, aggiungi i batteri.

    A seconda dell'evaporazione fai dei rabbocchi. Una volta alla settimana cambi il 30% dell'acqua e sei a posto.

    Ricorda che in caso di evaporazione i sali disciolti restano nella vasca.

    Io uso un innaffiatoio da 10 l e un sifone con pompetta. Quando devo fare un rabbocco tolgo 20 l e ne aggiungo 30, così tolgo schifezze concentrate e le sostituisco col 50% in più di acqua pulita. In casa con il riscaldamento acceso un acquario aperto a 25° perde circa 6 litri al giorno. Se è chiuso molto meno.

    Ciao
    Le incubatrici Il Te come antiinfiammatorio

    Per parlarmi MP o e-mail
    pminotti@tartaportal.it

    Politics is the art of looking for trouble, finding it everywhere, diagnosing it incorrectly and applying the wrong remedies. - Groucho Marx

  6. #6
    L'avatar di Riccardo
    In pausa...

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    Porto Recanati, Italy
    Messaggi
    9,663
    Recensioni
    Scritte 6 Recensioni
    Grazie
    16
    Ringraziato 7 volte in 7 post
    Downloads
    15
    Uploads
    13
    Thumbs Up/Down
    Received: 7/23
    Given: 8/1
    http://www.rettilimania.it/index.php?cPath=55_58

    Trovi vari batteri da integrare nel filtro se lo vuoi far "partire" prima.

    ciao ciao

    Mangiare carne è digerire le agonie di altri esseri viventi.
    Marguerite Yourcenar
    ღღღ(¯`°♥•…la verità è che al mondo tu servi cos셕♥°´¯)ღღღ

  7. #7
    L'avatar di Danilo
    Assiduo

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Novara
    Messaggi
    659
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0
    Grazie a tutti,

    grazie pminotti, sei stato chiarissimo


    Danilo

  8. #8
    L'avatar di Danilo
    Assiduo

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Località
    Novara
    Messaggi
    659
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0
    Io non ho nessun fondo nell'acquario (e quindi nemmeno niente piante).
    Secondo voi dovrei metterlo?
    Dovrei avere piante acquatiche?

  9. #9
    L'avatar di pjfry
    Simpatizzante

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    55
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0
    Io sto allestendo l'acquaterrario e mi sono posto le stesse domande.
    Sono giunto a queste conclusioni, che penso siano giuste. Correggetemi se sbaglio.
    1: le piante vengono costantemente mangiate e devastate dalle tartarughe, che fra le altre cose amano scavare e sradicare le piante. Il bambu è una delle poche piante in grado di sopravvivere alle bestie in questione. Bisogna fare attenzione, nel caso di piante galleggianti, che non siano tossiche per loro.
    2: il fondo deve essere del tipo giusto. Uno troppo fine, oltre che essere ingeribile provocando costipazione, ti intasa il filtro e rende l'acqua torbida, dal momento che le tartarughe scavano, spostano, distruggono. I ciottoli di fiume andrebbero bene, levigati e di colore possibilmente scuro, da bollire per precauzione prima di mettere nel terracquario. Evitare pietre laviche che sono taglienti, pietre calcaree per la durezza dell'acqua et similia.
    3: il fondo fangoso è l'ideale per il letargo di alcune specie, ma non ho idea di come possa risultare l'acqua e come si comporterebbe il filtro.
    Io che sto raccogliendo il materiale per alllestire le nuova casa delle tarte , ho deciso di puntare su sughero per la parte emersa e ciottoli medio grossi per il fondo. Ho intenzione di costruire un "doppio fondo" con una rete metallica (dovrebbe esserci proprio su questo sito l'articolo) così da lasciare sprofondare sotto gli antiestetici rifiuti che poi vanno aspirati. Per le piante vedo se riuscirò a trovare il bambu, ma altrimenti amen, lascio perdere.
    Sto più che altro cercando idee per il "background" del terracquario.. idee?

  10. #10
    L'avatar di pminotti
    Mah? Chi può dirlo?

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Milano
    Messaggi
    36,288
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 8 volte in 4 post
    Downloads
    4
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 5/7
    Given: 0/0
    Se guardate qui

    Nuove Piante

    potrebbe essere interessante.

    I bambù si trovano ovunque, son questi Dracena Sanderiana
    Li ho visti anche all'Euromercato e all'Ikea. Quelli lunghi basta tagliarli in due.

    Il Ceratophyllum demersum ha il grosso vantaggio di sopravvivere anche se sradicato, cosa utile con le tarte che hanno la spiacevole abitudine di cercare insetti tra le radici.

    Per la sopravvivenza delle piante ricordatevi la luce giusta, che l'UVB non basta.

    Per lo sradicamento, finora le Graptemys e le Ocadie sono state brave. Le trachemys invece appena trovano qualche cosa che emerge dal fondo lo spianano, anche da piccole.

    Ciao ciao
    Le incubatrici Il Te come antiinfiammatorio

    Per parlarmi MP o e-mail
    pminotti@tartaportal.it

    Politics is the art of looking for trouble, finding it everywhere, diagnosing it incorrectly and applying the wrong remedies. - Groucho Marx

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


A proposito di TartaPortal

    Portale dedicato alle tartarughe terrestri ed acquatiche.
    Punto di incontro per gli appassionati e in collaborazione con gli utenti.

Follow us on

Twitter Facebook youtube Flickr DavianArt Dribbble RSS Feed