Ciao a tutti,
quest'inverno ho tenuto le mie due Trachemys scripta elegans (una di 26 anni e una di 24) in casa, nonostante in esterno abbiano un laghetto, perché il laghetto non è sufficientemente profondo per supportare il letargo all'esterno. Inoltre, la più anziana presentava diverse problematiche di salute (infezioni alle zampe causa morso, lieve carenza di vitamina B), ormai curate.
Fino a due settimane fa stavano in casa, una vasca per uno (per evitare che la più giovane mordesse ancora la più anziana!), con riscaldatore e lampada spot 35° su zona basking. Settimana scorsa le ho spostate temporaneamente in una vasca esterna (sempre ambienti separati), in modo da farle ambientare mentre rimettevo in funzione il filtro del laghetto. Ho anche operato una suddivisione del laghetto in due, sempre per evitare che le tarte si modano nuovamente, usando una rete rigida. Risultato: ora il laghetto è operativo, con filtro e geyser per mantenere l'acqua ossigenata, e pronto ad accogliere ogni tarta in una delle due metà.

Nota a margine di informazione: il laghetto è abbastanza ampio per entrambe, l'acqua è filtrata, il sole arriva per metà giornata e gradualmente da una metà all'altra. Alimentazione: diamo latterini e pellet della Sera, alternati, su consiglio di veterinario esperto in rettili, ogni 2/3 giorni.

Insomma, giovedì ho fatto mangiare nella loro vaschetta esterna le tarte (la giovane si è pappata 7 latterini, la vecchia 3 abbastanza grossi), e poi le ho introdotte nel laghetto, ognuna nella sua metà. La giovane ha iniziato a sguazzare (anche se tutte le volte che vede qualcosa muoversi si nasconde sul fondo!).
La vecchia invece si è trovata una fessura tra filtro e parete della vasca, e non si è più mossa da lì. O meglio, se nessuno la guarda, se ne va in giro per la sua metà laghetto (anche se con giri limitati e abbastanza timidamente, al più rimanendo nella fessura ma mettendo la testolina fuori dall'acqua). Quando però vede qualcosa muoversi (tipo noi che andiamo a controllare come si comportano), si lancia nella fessura, si mette con la testa rannicchiata e lì rimane.

Il mio problema non è tanto questa timidezza improvvisa, ma il fatto che da giovedì la tarta più vecchia rifiuta il cibo. Ho provato a facilitarla rimettendola temporaneamente nella sua vaschetta (così da ridarle un ambiente più "familiare"), ma non annusa neanche ciò che le offro. Solitamente va ghiotta dei pellet , ma ignora anche quelli (oltre al pesce).

Vi è mai capitata una cosa del genere? Secondo voi, è per il cambio ambiente? Posso fare qualcosa per facilitarla? E' meglio sentire il veterinario? Quanto posso aspettare senza che lei mangi? (ora siamo a 4 giorni)

(giusto come nota a margine: l'anno scorso ho usato lo stesso laghetto, con l'unica differenza che non era diviso in due)

Grazie mille!