Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Manutenzione terrario

QR CODE
http://www.tartaportal.it/showthread.php?t=6421
  1. #1
    L'avatar di dadodartagnan
    Simpatizzante

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Lugano
    Messaggi
    46
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Manutenzione terrario

    Ciao,
    ecco qui il mio terrario con la Grecae. Cosa ne pensate dell'arredamento?
    la segatura va bene oppure é meglio la corteccia in pezzi piu grossi?
    Ogni quanto bisogna cambiare il fondo? si sporca velocemente, io pensavo
    di cambiarlo una volta a settimana..
    Accetto ben volentieri ogni consiglio.
    Grazie
    Davide



  2. #2
    L'avatar di tartagnan
    Bannato

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Urano
    Messaggi
    24,950
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Exclamation Re: Manutenzione terrario

    Truciolati, segature e trinciati non sono indicati nei terrari.

    Ti allego una mia traduzione di :http://www.tortoisetrust.org/articles/substrates.html



    Con i sistemi di illuminazione e di riscaldamento, la scelta del substrato nel vivarium e nel terrario per le testudo causa spesso moltissima confusione agli allevatori. Alcuni substrati sono eccellenti, altri sicuramente mortali. In questo articolo vi aiutiamo a scegliere un substrato sicuro ed adatto e vi mostriamo come evitare quelli che potrebbero uccidere la vostra testuggine.
    Ci è una cosa a cui una tartaruga rimane in contatto estremamente vicino con dal momento della schiusa: la terra. Essa svolge un ruolo estremamente importante in molte funzioni della una vita dei cheloni. , tuttavia, spesso ne è trascurata e sottovalutata l'importanza da molti allevatori. Guardiamo perchè è così importante e come possiamo imparare e capire i motivi .
    L'ecologo F. Harvey Pough (1992) studioso di lucertole ha scritto in breve:
    Nei loro ambienti naturali, la maggior parte dei anfibi e rettili spende il loro tempo alla superficie al suolo, sotto il disordine del foglie, o dentro le tane. Di conseguenza, sono esposti ai microclimi (particolarmente umidità e tassi di ventilazione) che è molto differente da quelli percepiti dai grandi animali, come gli esseri umani. Anche le specie del deserto passano molto del loro tempo dentro tane o sepolti in sabbia sciolta. L'umidità relativa si avvicina alla saturazione in questi microhabitat e le umidità basse caratteristiche delle costruzioni riscaldate e l’ aria condizionata possono essere stressanti anche per i rettili del deserto. Le umidità relative dovrebbero essere mantenute al 70 per cento (preferibilmente a 80 per cento) per quasi tutta la specie di anfibi e di rettili.
    Un fattore importante da apprendere è che i tipi differenti di substrati mantengono livelli differenti di umidità. I terreni argillosi ed il substrato della foresta ritengono molto più umidità dei sabbiosi, i substrati del deserto per esempio. Il fattore di drenaggio fra questi categorie differenti di substrato è completamente differenziato. Ciò in se ha un effetto profondo sulle creature che vivono, nel migliore dei casi, ad alcuni centimetri dalla superficie ed in molti casi sono completamente circondati dal substrato. È quindi comune riscontrare casi di putrefazione del guscio e malattie respiratorie nelle specie dell' habitat arido che sono state mantenute su substrati umidi e disidratazione nelle specie dell'habitat della foresta pluviale che sono state mantenute sull’asciutto, tipo substrati del deserto.
    .
    Molta gente suppone che i prati erbosi siano un substrato adatto, ciò è vero raramente. I prati sono generalmente molto umidi ed i casi di putrefazione del guscio si sono spesso riscomtrabili in testuggini allevate in questo modo . La disponibilità di una zona di pascolo erboso è ottima per determinata specie (Sulcata e Leopardo, per esempio), ma deve anche essere fornita una zona più asciutta.

    Molte specie devono potere intanarsi o scavare una fossa poco profonda ed il substrato usato all'interno del loro habitat dovrebbe consentirlo . Queste tane e le fosse sono microclimi vitali e dove le tartarughe sono private di queste opportunità una catena di importanti funzioni di autoregolamentazione si interrompe. Uno dei risultati più comuni, nella specie dell'habitat arido, è la formazione dei calcoli nella vescica dovuti alla disidratazione costante e cronica (vedi il nostro altro articolo, 'i microclimi nella cattività' per saperne di più).
    Sarebbe un errore credere, tuttavia, che il microclima sia tutto quello che dobbiamo considerare. La stabilità di temperatura e di termoregolazione inoltre è notevolmente influenzata dal substrato che le tartarughe sperimentano. In natura, il substrato è in genere di massa infinita. Anche in ambienti piuttosto aspri è offerta stabilità relativa (non necessariamente direttamente sulla superficie, ma certamente sotto di essa).. Le testuggini ed altri rettili usano estesamente queste proprietà per termoregolarsi. La superficie a cui permettono il contatto del corpo con il substrato, per esempio, può permettere che avvenga un flusso di calore positivo o negativo. Alcune specie guadagnano la maggior parte del loro calore rintanandosi; altre guadagnano una quantità notevole tramite il contatto con i substrati caldi. Alcune specie fanno entrambe le cose.
    Una zona dove la massa del substrato e la stabilità di temperatura è particolarmente importante è nel letargo. Come ben sappiamo dalle lezioni di base di fisica a scuola, un oggetto di piccola massa risponderà più velocemente ai cambiamenti esterni nella temperatura. Semplificando, un cubo da 2 centimetri di pietra si riscalderà o si fredderà molto più velocemente di una di un cubo da 20 centimetri. Ciò è particolarmente critica per gli appena nati e i subadulti, che essendo piccoli, rispondono molto rapidamente alle variazioni esterne di temperatura. Per fornire una stabilità di temperatura maggiore agli esemplari giovani in letargo, allora, possiamo fornire un contenitore profondo di substrato di terra in cui possono intanarsi. Circondato da questa massa, la loro inerzia termica è notevolmente aumentata.
    I negozi per animali propongono un’intera gamma di substrati proposti come ideali, il nostro consiglio è quello di prepararceli da soli.
    I negozianti di animali domestici mirano ai vostri soldi, ed i materiali di consumo costosi rendono un profitto molto elevato. Lo svantaggio è che sono raramente sani per i vostri animali, tuttavia nella nostra esperienza ci sono problemi con tutti i materiali:
    sabbia carbonatica
    Molto incline a formare grumi. Può causare irritazioni agli occhi. Questo prodotto è stato segnalato per essere implicato in casi numerosi di ostruzione dell'intestino. Abbiamo incontrato soltanto recentemente un tale caso. La tartaruga è morta. Questo prodotto inoltre molto sta disidratandosi. Non suggeriamo l'uso di questo materiale in nessuna circostanza. Delle Sulcata nelle teche dei negozi si sono disidratate dopo essere state tenute esposte su questo materiale.

    Substrati a base di fibre
    Basato spesso sulla noce di cocco e sulle fibre simili. Può essere molto polveroso. Può essere ingerito. Disidratante. Non riesce a fornire alcuni vantaggi termici. La maggior parte dei substrati in fibra sono una terreno ideale per sviluppare muffe, o organismi parassiti e batterici.
    Substrati d'erba medica (pellettati per coniglio.)
    Disidratante. È stato associato all'occhio fungoso e le infezioni respiratorie. Apporta alta percentuale proteica se consumato. Da evitare.
    Cedro o pino tranciato
    Altamente tossico una volta riscaldato, emette i vapori nocivi. Rischio serio di occlusioni se ingerito. Da evitare!
    Truciolati, segatura
    Usare con cura estrema. Una base ideale per gli acari ed i parassiti simili. Spesso mortale se ingerito. Alcuni tranciati di corteccia possono includere il pino o il cedro, entrambi sono tossici. Controllare con attenzione prima dell'uso. Tuttavia il trinciato della corteccia del cipresso e delle orchidee può essere usato con molto successo con qualche specie tropicale dall'habitat umido, come nell’immagine sotto ( Cuora)

    Giornale o tovaglioli di carta
    Non riesce a fornire nessuna possibilità di qualsiasi microclima. Infiammabile. usare con cura vicino alle fonti di calore. Parecchi incendi sono derivato dai substrati di carta che sono stati bruciati dai mezzi di riscaldamento o dalle lampade riscaldanti. Usare con cura estrema
    (i fogli di giornale sono potenzialmente dannosi per la presenza di inchiostri della cui natura chimica nulla sappiamo. Ndt)
    Un metodo suggerito al substrato
    Il substrato che abbiamo trovato di gran lunga più efficace e sicuro consiste in un mix di terra e sabbia fine. Ciò deve essere di profondità sufficiente, circa 50mm come minimo. Aumentare la porzione di sabbia per la specie degli habitat aridi ( la nostra kleinmanni ha una miscela di 30/70 terra/sabbia per esempio). Diminuire la sabbia per la specie degli habitat umidi, 60/40 terra/sabbia per le Kinixys (Hingeback) o le tartarughe scatola americane (sp. di Terrapene), per esempio ed alla miscela aggiungere muschio fresco di sfagno, foglie ed altri materiali che trattengano l’umidità.
    Un certo esperimento può essere dipendenza richiesta da esattamente che tipo di terriccio e li smeriglia l'uso, ma in generale, questo substrato è poco costoso, facile da pulire, coibentante termico dalle ottime prestazioni, fornisce occasioni eccellenti di microclima e si è dimostrato costantemente sicuro con ogni specie che abbiamo allevato. Dovrebbe essere cambiato ogni poche settimane. La manutenzione ordinaria può essere effettuata raschiando di tanto in tanto la parte superficiale quanto è necessario.


    Alcune preoccupazioni sono state manifestate per quanto riguarda la possibilità di ingestione. Non abbiamo mai riscontrato problemi malgrado parecchi anni di uso intenso. Disponiamo le mattonelle di ceramica nelle zone d'alimentazione ed utilizziamo una dieta molto alta in fibra. Ciò aiuta sicuramente ad eliminare tutto il materiale ingerito. Non si dimentichi che in natura molte di queste specie vivono su un substrato di sabbia quasi pura per tutta la loro vita!!
    Ultima modifica di tartagnan; 26-01-07 alle 20:22

  3. #3
    L'avatar di tonia
    Assiduo

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Aug 2006
    Località
    tra selve oscure
    Messaggi
    912
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Manutenzione terrario

    MADOOOO' TARTAGNAN è INUTILE QUINDI CHE GLI ALTIRI RISPONDONO...

    *TONIA*
    PIOGGIA io sarò x toglierti la sete,SOLE salirò x asciugarti bene,vento arriverò per poterti accarezzare...ma se vuoi.. se tu vuoi... tra FANGO e NEVE...impazziro'...
    *onelove*
    menomale che siamo tutti diversi..
    il mio blog!!
    http://toniaaerografie.myblog.it/ <-- nuovo blog!

  4. #4
    L'avatar di dadodartagnan
    Simpatizzante

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Dec 2006
    Località
    Lugano
    Messaggi
    46
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Manutenzione terrario

    Grazie mille per l'ottima spiegazione.

    Ora tornando a noi... nel mio terrario per la Grecae cosa ci metto? in base
    a quanto scrivi dovrei mischiare sabbia e terra.. ma intendi che devo
    scavare in giardino, trebbiare la terra e mischiarla con della normale sabbia
    oppure devo fare diversamente? Elimino completamente il truciolato? lascio
    del fieno per nascondersi oppure sono meglio delle foglie che tengono
    meglio l'umidità?

    Ti prego di darmi una spiegazione precisa riguardante la Grecae cosi
    che posso sistemarla in modo adeguato..

    La tua relazione tecnica é perfetta ma é molto generalista quindi non mi
    da una risposta puntuale per il mio terrario ;-)

  5. #5
    L'avatar di tartagnan
    Bannato

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Urano
    Messaggi
    24,950
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Manutenzione terrario

    Intanto che sottospecie di Graeca &#232;, ognuna ha esigenze differenziate.

    Poi personalmente consiglio sempre : torba bionda di sfagno 40%, terriccio senza concimi e pesticidi e setacciato 40%, sabbia di fiume 20%.
    La torba la trovi nei garden, non devi prendere quella scura per acidofile.
    Il fieno o le foglie vanno bene, basta rimuverle quando impudritiscono.
    Il truciolato per i motivi elencati non &#232; adatto.
    Metti dei ciottoli piatti sotto la lampada, amano stare con lo scuto sollevato a prendere il calore.
    Metti una vaschetta con dell'aqua ed inserisci dei ciottoli affinch&#232; se si dovessero ribaltare abbiano un appoggio, potrebbero respirare acqua nel tentativo di rivoltarsi.
    Con la torba puoi cambiare lo strato superficiale del substrato solo quando inizia a emanare cattivo odore.
    Tieni il substrato sempre leggeremente inudito.
    Io inserivo degli artropodi e lombrichi nel terrario, aiutano a tenere pulito il substrato mangiando gli escrementi e i residui di cibo.

  6. #6
    L'avatar di mamoz
    senza cuore

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Napoli
    Messaggi
    5,021
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Manutenzione terrario

    tartagnan
    Metti una vaschetta con dell'aqua ed inserisci dei ciottoli affinch&#232; se si dovessero ribaltare abbiano un appoggio, potrebbero respirare acqua nel tentativo di rivoltarsi.
    ciao ragazzi,
    la mia &#232; una curiosit&#224; legata esclusivamente alla parte quotata.
    una tartaruga pu&#242; morire quando si ribalta, poik&#232; riskia di arrostire al sole o annegare, giusto? ma anke per l'impossibilit&#224; di respirare? o altro ancora?
    scusate l'intrusione!
    grazie
    ciao


















    AMO GLI ANIMALI E NON LI MANGIO!

  7. #7
    L'avatar di tartagnan
    Bannato

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Urano
    Messaggi
    24,950
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Question Re: Manutenzione terrario

    Citazione Originariamente Scritto da mamoz Visualizza Messaggio
    ciao ragazzi,

    una tartaruga può morire quando si ribalta, ................. ma anke per l'impossibilità di respirare? o altro ancora?
    Forse no, visto che i marinai europei tenevano le Gigantea ribaltate sui ponti delle navi per mesi così da avere carne fresca alla bisogna.

  8. #8
    L'avatar di tartagnan
    Bannato

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Località
    Urano
    Messaggi
    24,950
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Wink Re: Manutenzione terrario

    Citazione Originariamente Scritto da mamoz Visualizza Messaggio
    ciao ragazzi,
    .............scusate l'intrusione!
    grazie
    ciao
    Ma scusarsi di che, mica siamo a Sing-Sing o su *********** !!

  9. #9
    L'avatar di mamoz
    senza cuore

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Napoli
    Messaggi
    5,021
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Manutenzione terrario


    noo! nn siamo su *********** !!
    cmq grazie!
    anke per la curiositò sui marinai!
    ciao


















    AMO GLI ANIMALI E NON LI MANGIO!

  10. #10
    L'avatar di mamoz
    senza cuore

    Status
    Offline
    Data Registrazione
    Nov 2006
    Località
    Napoli
    Messaggi
    5,021
    Recensioni
    Scritte 0 Recensioni
    Grazie
    0
    Ringraziato 0 volte in 0 post
    Downloads
    0
    Uploads
    0
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 0/0

    Re: Manutenzione terrario


    noo! nn siamo su *********** !!
    cmq grazie!
    anke per la curiosit&#224; sui marinai!
    ciao


















    AMO GLI ANIMALI E NON LI MANGIO!

Discussioni Simili

  1. ECCO IL MIO TERRARIO x Horsfieldi
    Di Derek nel forum Terrari e Acquaterrari
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 08-01-08, 13:22
  2. continuazione onofrio terrario testudo hermanni
    Di onofrio.nardomarino nel forum Terrari e Acquaterrari
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 22-12-06, 15:07
  3. PREDISPORRE UN TERRARIO
    Di Dorylis nel forum Terrari e Acquaterrari
    Risposte: 97
    Ultimo Messaggio: 18-09-05, 12:55

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


A proposito di TartaPortal

    Portale dedicato alle tartarughe terrestri ed acquatiche.
    Punto di incontro per gli appassionati e in collaborazione con gli utenti.

Follow us on

Twitter Facebook youtube Flickr DavianArt Dribbble RSS Feed